La scia della Mount Whitney

mount-whitney

Quando la USS Mount Whitney, la nave ammiraglia della Sesta Flotta della Marina statunitense, ha lasciato la sua base nel porto di Gaeta, venerdì 9 gennaio 2009, all’appello mancavano due membri dell’equipaggio.
Uno è un sottufficiale della US Navy, Trevor Cristopher Pashenee, 28 anni, originario di Roseville, California. Domenica 4 gennaio, viene trovato morto in un’auto parcheggiata nel garage della casa che aveva preso in affitto a Penitro di Formia (Latina). Suicidio dicono gli investigatori in base ai risultati preliminari dell’autopsia. Suicidio o incidente. Forse si era rifugiato in macchina per difendersi dal freddo e si è addormentato.
L’altro è Raymond Bryant, uno dei tanti civili in servizio sulla nave militare. Viene da Little Rock, Arkansas, e ha 43 anni. Il suo corpo viene ripescato giovedì 8 gennaio dalle acque del porto annesso alla base statunitense, sei giorni dopo la scomparsa, avvenuta al termine di una serata in un locale di Gaeta. Anche in questo caso le prime risultanze dell’esame autoptico non rilevano alcun segno di violenza. Aveva bevuto, probabilmente è caduto in mare. Quello che sulla stampa locale era stato per alcuni giorni “il mistero di Gaeta” viene archiviato. Due incidenti, il caso sembra chiuso.
L’inviato di Rainews24 Angelo Saso ha raccolto le testimonianze di colleghi, investigatori ed altre persone informate sui fatti. In esclusiva ha intervistato Yvonne Loraine Coyne, la madre di Trevor Cristopher Pashenee, che mette in dubbio la ricostruzione ufficiale degli avvenimenti di Gaeta. Cominciano così a emergere anomalie ed incongruenze, dal muro di riserbo assoluto che circonda queste due morti “accidentali” filtrano dettagli che fanno pensare ad uno svolgimento diverso dei fatti.
Pashenee era un tecnico di prima classe, specializzato nella manutenzione degli apparati di crittografia, quelli che gestiscono i codici delle comunicazioni militari riservate. La sua ultima missione è stata nel Mar Nero, dove la sofisticata tecnologia della flotta americana ha sostenuto la Georgia in guerra con la Russia.

Qui il video dell’inchiesta.

Piombo per tutti

Marines in Poppies

Cambia la strategia anti Talebani.
Così la notizia per come è riportata dall’Ansa.

Berlino, 29 gennaio – Il generale americano John Craddock, comandante supremo della NATO in Europa, ha autorizzato le truppe in Afghanistan ad ”attaccare direttamente” i produttori di oppio e i narcotrafficanti nel Paese, anche se non ci sono le prove di un loro legame con le forze ribelli. Lo scrive oggi il settimanale tedesco Der Spiegel nella sua edizione online sulla base di un documento riservato in suo possesso.
Il documento, che prevede l’uso della ”forza letale” contro i produttori e le loro strutture, scrive lo Spiegel, è stato contestato da alcuni comandanti della NATO [il tedesco Egon Ramms e l'americano David McKiernan - ndr], che non vogliono seguire le ”direzioni” di Craddock.
Nel documento, spiega il settimanale, il generale americano autorizza le truppe ”ad attaccare direttamente i produttori di droga e le loro strutture sul territorio dell’Afghanistan”. Craddock scrive poi: ”Non è più necessario produrre intelligence o altre prove per dimostrare che ciascun trafficante di droga, o ciascuna struttura, soddisfano i requisiti per essere considerati obiettivi militari”.
Il comandante, sempre secondo lo Spiegel, spiega che l’alleanza ”ha deciso che (i trafficanti di droga e le strutture per la produzione dei narcotici) sono inestricabilmente legati alle forze militari all’opposizione e quindi possono essere attaccati”. La direttiva, prosegue Craddock, è il risultato di un incontro tra i ministri della Difesa della NATO tenuto nell’ottobre del 2008, durante il quale è stato concordato che le truppe in Afghanistan possono attaccare i trafficanti di oppio.
(Ansa)

Consultando la fonte originale, va precisato che si tratterebbe di colpire “drug traffickers and narcotics facilities” (i trafficanti di droga e le infrastrutture utilizzate per la lavorazione della materia prima), ma – osserva Der Spiegel – la catena di persone che traggono profitto dal commercio di droga va ben oltre, raggiungendo i lavoratori giornalieri nei campi di oppio, i tecnici dei laboratori fino ai nuclei di polizia, le amministrazioni locali ed i circoli governativi vicini al Presidente Hamid Karzai. Se l’ordine di Craddock diventasse operativo, decine di migliaia di afghani diventerebbero “legitimate military targets” (bersagli militari legittimi).
Non proprio il massimo, considerato che le relazioni tra le forze NATO e la popolazione locale sono ormai estremamente tese a causa del crescente numero di bombardamenti aerei ed il relativo drammatico aumento delle vittime civili.

Sempre Der Spiegel, oggi, racconta che questa fuga di notizia alla NATO non sia stata presa proprio bene… Si tratterebbe solo di “un orientamento” (guidance), non di un ordine. Intanto, comunque, hanno avviato una inchiesta interna per individuare la talpa.

Dal Molin: la tabella di marcia

incatenato

La relazione sull’impatto che la nuova base USA a Vicenza avrà sul paesaggio è stata approvata, la scorsa settimana, dalla conferenza dei servizi regionali. Il via libera è stato votato a maggioranza: favorevoli la Regione Veneto e la Sovrintendenza ai Beni Ambientali, contrario il Comune berico.
A questo punto la strada verso l’approvazione del progetto esecutivo sembra spianata, a meno che…
Da un lato, il sindaco Achille Variati avanza l’idea di impugnare il nulla osta della conferenza dei servizi davanti alla giustizia amministrativa (TAR), ipotizzando l’ennesima puntata di un lungo contenzioso giudiziario.
Dall’altro, si fa strada una delibera di iniziativa popolare per trasformare la destinazione urbanistica dell’area ex Dal Molin da militare a civile. La delibera, dopo il parere favorevole della commissione Territorio, è pronta per il voto in consiglio comunale ma l’opposizione agita lo spettro dell’illegittimità: senza l’accordo con il proprietario, cioé lo Stato, il provvedimento rischia di finire direttamente davanti ai giudici.
Nel frattempo, l’assessore all’Urbanistica Francesca Lazzari si dice preoccupata per il cronoprogramma allegato dai progettisti, che “prevede ritmi di cantiere estremamente serrati e particolarmente pesanti per la zona, senza che siano state minimamente affrontate questioni di tipo viabilistico”.

I vicentini (e non solo loro), a due anni di distanza ormai dalla prima grande manifestazione di protesta, si preparano a resistere.
“Quando incominceranno le demolizioni delle infrastrutture presenti all’interno del Dal Molin, [che] inizieranno prima che venga effettuata una rigorosa Valutazione d’Impatto Ambientale, ci opporremo. Due anni nelle strade e nelle piazze delle nostre città ci hanno fatto riscoprire il nostro diritto ad alzare la testa contro l’arroganza e le imposizioni. La consultazione popolare ci ha mostrato che è possibile lavorare tutti insieme, pur nel rispetto delle reciproche differenze; crediamo che l’obiettivo comune di tutti coloro che si oppongono alla nuova base militare sia quello di impedire l’avvio delle demolizioni: per questo, proponiamo che ognuno dia il proprio contributo per raggiungere questo fine, rispettando pratiche e metodologie diverse ma complementari.
Qualcuno scrisse che l’unica battaglia persa è quella che non si combatte; noi vinceremo perché saremo in campo un minuto in più di coloro che vogliono realizzare la nuova base militare statunitense. Possono violare leggi e regolamenti; possono fare accordi in segreto e calpestare la democrazia; possono stendere progetti e stanziare fondi, creare recinzioni e disporre reticolati. Non potranno superare la nostra ostinata determinazione.
Quando inizieranno le demolizioni, la nostra creatività si esprimerà ancora una volta: insieme, li fermeremo” chiosa l’ultimo comunicato del Presidio Permanente.
Qui a seguire, invece, “la tabella di marcia” elaborata dai progettisti. 

Demolizioni

dicembre 2008

Alloggi dei soldati

febbraio 2009

Quartier generale

aprile 2009

Centro ricreativo

novembre 2009

Check-point

dicembre 2009

Stazione della polizia e dei pompieri

gennaio 2010

Poligono di tiro

marzo 2010

Parcheggi

settembre 2010

Officina per i veicoli

gennaio 2010

Sala mensa

maggio 2010

Magazzini

luglio 2010

Centro di telefonia

ottobre 2010

Fine delle opere

marzo 2012

 

Benvenuti in Palestina

27-gennaio

«Mia nonna fu uccisa da un soldato tedesco mentre era a letto malata. Mia nonna non è morta per fornire ai soldati israeliani la scusa storica per ammazzare le nonne palestinesi a Gaza. L’attuale governo israeliano sfrutta cinicamente e senza limiti il senso di colpa dei gentili per l’olocausto onde giustificare i suoi omicidii in Palestina».
Sir Gerald B. Kaufman, membro laburista del Parlamento britannico, ebreo di origine polacca.

[Dalla dichiarazione rilasciata il 15 gennaio u.s. durante il dibattito su Gaza alla Camera dei Comuni.
Qui il testo in lingua originale ed il relativo video]

La Kosovo Security Force e la NATO

kusavo flag

Pristina, 21 gennaio – A meno di un anno dalla proclamazione di indipendenza dalla Serbia, il Kosovo ha dato vita alle proprie forze di sicurezza, provocando una dura reazione di protesta da parte di Belgrado. La Kosovo Security Force sarà costituita da una forza permanente formata da 2.500 unità provviste di armamento leggero ed 800 riservisti ed è destinata a sostituire i Kosovo Protection Corps istituiti nel settembre 1999 dall’amministrazione ONU come forza di protezione civile.
(Adnkronos/Dpa)

Pristina, 23 gennaio – Secondo il suo comandante, Sulejman Selimi, la nuova Forza di sicurezza del Kosovo (KSF) mira a diventare parte della NATO ed è aperta a tutti i cittadini del Kosovo. In dichiarazioni riportate dal quotidiano kosovaro in lingua albanese ‘Epoka e Re’, Selimi ha sottolineato che sin dall’ inizio il processo di formazione della KSF è avvenuto in cooperazione con la NATO, che ha mostrato interesse in questa Forza. Il comandante – un ex leader dell’UCK, l’Esercito di liberazione del Kosovo che combattè contro i serbi alla fine degli anni Novanta – ha detto che i serbi del Kosovo sono i benvenuti nella nuova Forza di sicurezza. Selimi non ha voluto tuttavia commentare la posizione della Serbia, che è decisamente contraria alla KSF e mira al suo scioglimento, limitandosi a osservare che la Serbia sembra volersi opporre a tutto quello che è positivo in Kosovo. La KSF, insediatasi mercoledì scorso, è composta da 2.500 uomini e 800 riservisti, è dotata di armi leggere e viene addestrata dalle forze NATO.
(Ansa)

L’agente Sion

gaza-maggio-06

Riceviamo il seguente comunicato del Comité comprendre et agir contre la guerre di Marsiglia e volentieri pubblichiamo.

Nel confermare a Gaza, nella maniera più bieca, di aver sempre perseguito una politica volta all’eliminazione totale della presenza palestinese nella terra di Palestina, lo Stato sionista rivela al mondo intero la sua natura di stato guerresco, razzista e reazionario. Le sofferenze che esso infligge al popolo palestinese mostrano l’orribile realtà di questa Stato che, fondato dall’ONU, continuamente insulta l’ONU.

Stato guerrafondaio
In guerra permanente, Israele – 6 milioni di abitanti, pari cioè ad un millesimo della popolazione mondiale – è un attore importante del mercato mondiale delle armi: 6° importatore e 12° esportatore. Queste cifre sono da prendere con cautela, perché inficiate dalla profonda interconnessione tra il complesso militar-industriale statunitense ed il suo fratello minore israeliano (interconnessione voluta ed organizzata dal potere statunitense).
Per esempio: General Dynamics, uno dei grandi produttori di armi degli USA, è proprietario al 25% di Elbit, che è il secondo produttore di armi israeliane. Bisogna dunque imputare il 25% delle vendite di armi del primo allo Stato del secondo?
Armi di distruzione di massa: Israele possiede tante armi nucleari quanto quelle dell’India e del Pakistan messe insieme. Dispone, inoltre, di armi chimiche e batteriologiche. Israele consacra il 9% del suo prodotto interno lordo alla guerra: una delle cifre più elevate in tutto il mondo.

Stato reazionario su scala mondiale
Da più di 60 anni in guerra con i Palestinesi e gli Stati vicini, che di volta in volta hanno tentano di sostenerli, Israele ha sviluppato tecnologie ed industrie di guerra che vende al mondo intero. Questa attività permanente e costitutiva dello Stato sionista assume forme diverse:
- vendita di materiali di guerra o di sorveglianza poliziesca o di spionaggio;
- addestramento di personale alla lotta antiguerriglia;
- inquadramento di milizie paramilitari nei Paesi dove il regime al potere è minacciato da rivolte popolari.

Ecco qualche esempio tra i numerosi :
- Colombia: le competenze sioniste sono state messe al servizio del narco-presidente Uribe per aiutarlo a distruggere la guerriglia delle FARC;
- Georgia: i consiglieri militari israeliani hanno addestrato l’esercito georgiano per l’attacco dell’Ossezia del sud e dell’Abkhazia ed hanno installato sul suolo georgiano basi missilistiche che possono attentare la sicurezza dell’Iran;
- Azerbaigian: addestramento di ufficiali in Israele;
- India: Israele è il secondo fornitore di armi dell’India ed i gruppi induisti «fondamentalisti» sono addestrati da agenti israeliani per organizzare azioni di terrorismo contro la popolazione musulmana;
- Pakistan: nell’attuale operazione di destabilizzazione del Paese che ha come obiettivo la distruzione dell’armamento nucleare pakistano, battezzato dai sionisti come «la bomba atomica musulmana», i servizi segreti sionisti giocano un ruolo molto attivo;
- Sri Lanka: consiglieri israeliani aiutano il governo di Colombo nella lotta di sterminio dei ribelli Tamil;
- Sudan: consiglieri israeliani hanno formato i ribelli del Sud del paese per aiutarli a far cadere il regime di Khartum che ha sempre sostenuto i Palestinesi;
- Stati Uniti: la sorveglianza del muro di 3.500 km che separa gli USA dal Messico è assicurata da materiale israeliano.

Spesso accade che Israele, dietro le quinte, faccia il lavoro sporco di vendere le armi a contro-rivoluzionari quando gli USA vogliono «mantenersi le mani pulite». Ci ricordiamo, ad esempio, che nell’operazione segreta «Irangate» alcuni intermediari israeliani fornirono armi statunitensi all’Iran per evitare che l’Irak vincesse la guerra e che con il ricavato della vendita questi intermediari, su richiesta degli USA, consegnarono armi alla controguerriglia nicaraguense.

Questo commercio della morte è tanto più fiorente, quanto questi strumenti e queste tecnologie vengono sperimentate su bersagli palestinesi vivi.
Solo la disfatta dello Stato sionista può mettere fine a questo mercato insanguinato.
Lo Stato sionista non è soltanto il boia del popolo palestinese, esso è anche un ingranaggio importante della contro-rivoluzione mondiale orchestrata dagli USA.
La lotta accanita del popolo palestinese con lo Stato sionista, che essa inizia a far vacillare, è un punto chiave della lotta mondiale contro la catastrofe capitalista in corso.

L’Alliance Ground Surveillance (AGS) a Sigonella

ags

Ignazio La Russa ce l’ha fatta. Lo aveva promesso nel giugno 2008: “Faremo di Sigonella una delle più grandi base d’intelligence del mondo”. Adesso è certo: la stazione aeronavale in mano all’US Navy ospiterà il nuovo sistema AGS (Alliance Ground Surveillance) dell’Alleanza Atlantica per la sorveglianza della superficie terrestre e la raccolta e l’elaborazione d’informazioni strategiche. Il governo italiano ha sbaragliato un’agguerritissima concorrenza: a volere i sofisticati impianti di spionaggio c’erano Germania, Grecia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna e Turchia. Gli investimenti in infrastrutture per oltre un miliardo e 560 milioni di euro facevano gola a tutti. Gli Stati Uniti dovevano però ripagare in qualche modo l’incondizionata fedeltà dei governi d’Italia alle scelte più scellerate di questi ultimi anni (guerre in Afghanistan e Iraq, nuova base militare di Aviano, comandi AFRICOM a Napoli e Vicenza, stazione radar satellitare MUOS a Niscemi, interventi in Libano, Darfur, Somalia e adesso Gaza). Roma dovrà comunque sborsare 150 milioni di euro entro la fine del 2010, anno in cui l’AGS diventerà pienamente operativo. Ma gli affari per i soliti noti del settore costruzioni militari è assicurato.
(…)
L’elemento cardine del sistema sarà rappresentato da un modernissimo velivolo senza pilota equipaggiato con sistemi radar e sensori in grado di rilevare, seguire ed identificare con grande accuratezza e da grande distanza il movimento di qualsiasi veicolo sul terreno. Lo scorso anno, l’Alleanza Atlantica ha formalizzato la scelta per l’Euro Hawks UAV, una variante specifica dell’RQ-4B Global Hawk acquisito da US Air Force e US Navy, che offrirebbe “maggiori benefici in termini di supporto logistico, manutenzione ed addestramento”.
(…)
Il primo prototipo di Euro Hawk diventerà operativo entro il 2009: due colossi del complesso militare industriale, Northrop Grumman ed EADS lo stanno costruendo dopo aver sottoscritto un contratto di 410 milioni di euro. I velivoli senza pilota della NATO destinati a Sigonella dovrebbero essere 6, a cui si aggiungeranno i 4 RQ-4B che l’US Air Force dislocherà in Sicilia quando saranno completati i lavori di realizzazione degli hangar di manutenzione degli aerei. “L’AGS è uno dei più costosi programmi di acquisizione intrapresi dall’Alleanza”, dicono a Bruxelles. Per l’intero sistema di rilevazione è infatti prevista una spesa che sfiora i 4 miliardi di euro. A beneficiarsene sarà un consorzio costruito ad hoc da imprese statunitensi ed europee: oltre a Northrop ed EADS ci sono pure General Dynamics, Thales e l’italiana Galileo Avionica, società del gruppo Finmeccanica. Se era ormai nota da tempo la notizia dell’arrivo a Sigonella di squadriglie di velivoli spia senza pilota, ha destato sorpresa l’accenno del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Vincenzo Camporini, all’“allestimento a Sigonella del sistema SIGINT” (acronimo di Signals Intelligence). Ha dichiarato Camporini: “Abbiamo scelto questa base dopo un’attenta valutazione e per la sua centralità strategica nel Mediterraneo che le consentirà di concentrare in quella zona le forze d’intelligence italiane, della NATO e internazionali”. A Sigonella saranno dunque centralizzate le attività di raccolta d’informazioni ed analisi di comunicazioni, segnali e strumentazioni straniere, trasformando la Sicilia in un’immensa centrale di spionaggio mondiale. Un “Grande Fratello” USA e NATO, insomma, ma non solo. I sistemi di Signals Intelligence hanno infatti una funzione determinante per scatenare il “first strike”, convenzionale o nucleare che sia. Sono lo strumento chiave di ogni “guerra preventiva”. Una delle articolazioni SIGINT è la cosiddetta ELINT – Electronic Intelligence, che si occupa in particolare d’individuare la posizione di radar, navi, strutture di comando e controllo, sistemi antiaerei e missilistici, con lo scopo di pianificarne la distruzione in caso di conflitto. Per il funzionamento di aerei senza pilota, AGS e centrali di spionaggio, il ministro della difesa ha preannunciato l’arrivo in Sicilia di “800 uomini della NATO, con le rispettive famiglie”. I solerti sindaci dei comuni di Motta Sant’Anastasia (Catania) e Lentini (Siracusa) sono stati premiati. Ben quattro varianti ai piani regolatori approvate negli ultimi anni, consentiranno bibliche colate di cemento su terreni agricoli e aranceti: su di essi prolifereranno residence e villaggi per i militari nordamericani.

Da Il Grande Fratello di Sigonella, di Antonio Mazzeo.
[grassetti nostri]

agslogo

Secondo il governo Zapatero, con l’AGS a Zaragoza la Spagna avrebbe dovuto contribuire con 90 milioni di euro, il 5,8% del budget previsto per il sistema. Ignazio La Russa fa invece fa riferimento ad un contributo italiano per Sigonella di 150 milioni di euro, il 10% cioè del costo del programma. Come fa l’Italia a giudicare attrattivo l’AGS quando spenderà quasi il doppio di quanto avrebbe speso Madrid, che però si è ritirata per la scarsa sostenibilità di quell’investimento?
Ma non è ancora finita. Il rappresentante del governo, Javier Fernández, ha infatti spiegato ai giornalisti che l’AGS a Zaragoza “presentava molti inconvenienti perché, dovendo essere implementato nei pressi dell’aeroporto della città, poteva generare restrizioni al traffico aereo, saturazione nello spazio aereo e problemi durante gli atterraggi e i decolli. Proprio per questo l’uso di aerei senza pilota non è stato ancora regolato in Spagna”. Prima il governo Prodi, poi quello Berlusconi, devono probabilmente aver dimenticato che a Sigonella operano quotidianamente centinaia di cacciabombardieri, aerei cargo e cisterna di Stati Uniti, Italia e alleati NATO, e che a meno di una ventina di chilometri sorge lo scalo di Catania-Fontanarossa, più di due milioni di passeggeri all’anno, il cui traffico è regolato da due impianti radar di Sigonella, gestiti da personale dell’Aeronautica militare italiana.
A credere alle promesse di ricaduta economica e occupazionale dell’AGS c’è comunque il quotidiano La Sicilia di Catania che ha ottenuto dal ministro La Russa una lunga intervista. “Sigonella diventerà ancora di più un punto nevralgico della sicurezza dove si concentreranno le forze di intelligence dell’Italia e della NATO, e questo non solo aumenterà il ruolo italiano nella NATO, ma sul piano sociale darà posti di lavoro con l’arrivo di alcune migliaia di americani, cioè le 800 famiglie dei militari, che diventeranno piccoli ambasciatori della Sicilia”, ha spiegato La Russa. “Sigonella aveva il vantaggio di trovarsi geograficamente in posizione ottimale per il controllo sia dello spazio aereo europeo e sia di quello dell’Africa e del Medio Oriente, mentre se fosse stata scelta una base tedesca il controllo della zona sud sarebbe stato difficoltoso. Sono lieto di aver portato questa iniziativa nella mia Sicilia, contribuendo in questo modo anche allo sviluppo del territorio”.
Sarà opportuno non dimenticare che a capo dello storico quotidiano siciliano c’è l’editore-industriale-costruttore Mario Ciancio, proprietario di un immenso aranceto nel territorio di Lentini che, provvidenzialmente, l’amministrazione comunale ha autorizzato a variarne la destinazione d’uso. Vi potranno essere costruite più di mille villette unifamiliari per il personale USA di Sigonella. Per il progetto esecutivo e i futuri lavori esiste già una società, la Scirumi Srl. I soci? La Maltauro di Vicenza e la famiglia Ciancio, naturalmente.

Da Le beffe dell’AGS Nato che il ministro La Russa impone a Sigonella, di Antonio Mazzeo.
[grassetti nostri]

”Non c’è alcun motivo di un cambiamento”

spogli

Repetita iuvant.

Roma, 20 gennaio – C’é aria di trasloco a Villa Taverna, da 76 anni prestigiosa residenza cinquecentesca degli ambasciatori americani in Italia, nel cuore del quartiere romano dei Parioli.
L’ambasciatore USA Ronald Spogli – industriale di successo inviato da George W. Bush nell’agosto del 2005 a Roma per rappresentare gli Stati Uniti – lascerà l’Italia il 6 febbraio prossimo per fare rientro in California dove è titolare, insieme al socio Bradford M. Freeman, di una delle principali società di investimento americane.
Storicamente gli ambasciatori statunitensi si dimettono il giorno dell’insediamento del Presidente, vale a dire il 20 gennaio, ma Spogli ha avuto l’autorizzazione dalla nuova amministrazione Obama di restare a Villa Taverna con la moglie Georgia Beth Claude un paio di settimane in più.
Spogli aprirà, per l’ultima volta, i cancelli della sua residenza il giorno prima di partire per salutare la stampa italiana che lo ha seguito in questi anni a Roma.
Bocche cucite in ambasciata su chi prenderà il posto di Spogli. Una scelta che, comunque, come ha sottolineato recentemente lo stesso Spogli, ”non cambierà gli ottimi rapporti esistenti tra gli Stati Uniti e l’Italia”. ”Nella politica estera americana – ha osservato – c’è grande continuità” e quindi ”non c’è alcun motivo di un cambiamento nei rapporti con l’Italia”.
(ANSA)

La NATO a Gaza? La NATO ovunque!

ehud jaap

Non contenti del Programma Individuale di Cooperazione siglato lo scorso dicembre fra la NATO ed Israele, ora gli atlantisti, per bocca del Segretario Generale Jaap de Hoop Scheffer, ipotizzano una presenza – almeno indiretta – dell’Alleanza Atlantica in terra di Palestina.
Al riguardo ecco la parte conclusiva del
discorso pronunciato da de Hoop Scheffer l’11 gennaio u.s.,  in occasione della conferenza organizzata congiuntamente dall’Istituto di Studi per la Sicurezza Nazionale e dal Forum Atlantico di Israele a Tel Aviv.

Se voi considerate, signore e signori, i molti seri ed irrisolti problemi nel Medio Oriente, dalla Palestina fino al programma nucleare iraniano, la cooperazione NATO-Israele nell’ambito del Dialogo Mediterraneo può apparire piccola ed insignificante. Non è inoltre sorprendente che alcuni osservatori invochino ulteriori passi avanti, per esempio una forza militare a guida NATO per la regione. Dato che sono stato il primo Segretario Generale della NATO che ha ipotizzato questa possibilità pubblicamente, di certo non sono contrario a una tale idea in via di principio.
La comunità internazione sta lavorando per metter fine alle violenze a Gaza dove, lasciatemelo sottolineare, non è previsto un ruolo per la NATO. Concedetemi, comunque, di usare questa opportunità per ripetere le tre condizione che consentirebbero alla NATO di svolgere un suo ruolo: primo, un accordo generale di pace; secondo, sicuramente, il consenso delle parti e, terzo, un mandato dell’ONU. Se queste condizioni fossero soddisfatte, immagino che la NATO troverebbe difficile dire “no” qualora gli Alleati fossero interpellati per dare un proprio contributo alla pace nel Medio Oriente. Ma sfortunatamente siamo molto lontani dal soddisfare queste condizioni.
Ecco perché abbiamo bisogno di focalizzare il ruolo attuale della NATO. Io non credo che la NATO sia la soluzione, ma che può rendere più facile il raggiungimento delle soluzioni. E questo perché dovremmo lavorare per un ruolo più definito della NATO in Medio Oriente, soprattutto nell’area dell’addestramento e dell’acquisizione di capacità. Un tale ruolo costringerà gli Alleati – europei e nordamericani – a sviluppare politiche coerenti, di lungo periodo per questa regione. Ed aiuterà anche a dissipare la sfiducia che ancora esiste in alcune parti della regione verso la NATO.
Ed aiuterà, penso, a sviluppare un’agenda comune per la sicurezza non soltanto tra singoli Paesi partner e la NATO, ma – idealmente – anche tra singoli Paesi nella regione.
Eccellenze, signore e signori, all’età di 60 anni, la NATO può guardare indietro ad un percorso veramente di successo. Non solo ha protetto la sicurezza dei suoi Stati membri, che è il suo scopo principale ed esso continuerà, ma è stata anche capace di plasmare il suo ambiente strategico in un modo che i padri fondatori di quest’Alleanza neanche osavano sognare nel 1949.
Questa storia di successo può essere estesa alle regioni al di fuori dell’Europa? Precisamente, la formula di associazione, dialogo e cooperazione può essere applicata nel Medio Oriente – ed offrirci una similare promessa di successo?
E’ troppo presto per rispondere a questa domanda con certezza assoluta. Ma come dimostra la crescente cooperazione fra Israele e la NATO, abbiamo molte ragioni per essere ottimisti. Grazie.
[grassetti nostri]

Il contesto all’interno del quale situare questa esternazione lo descrive, come al solito magnificamente, Mahdi Darius Nazemroaya qui.
Meditate, gente. Meditate.

Guantanamo, fantasmi italiani

In Italia pochi li ricordano. E nessuno ha il coraggio di garantire apertamente per loro. Sono sei tunisini catturati tra la fine del 2001 e l’inizio del 2002 in Afghanistan ed in Pakistan.
Da quasi sette anni aspettano di conoscere la loro sorte nel campo di prigionia divenuto simbolo della Guerra al Terrore di George W. Bush. In un rapporto del giugno 2008, l’organizzazione britannica Reprieve li ha battezzati “gli Italiani dimenticati a Guantanamo Bay”.

L’inchiesta realizzata in proposito da RaiNews24 è qui.

Camorrista NATO, atto secondo

john-perham-loran

Lo scorso ottobre, segnalammo che le indagini condotte dal coordinatore della direzione distrettuale antimafia di Napoli, Franco Roberti, avevano portato a scoprire numerose proprietà immobiliari della Camorra affittate a ufficiali NATO di stanza nelle basi campane dell’Alleanza.
All’epoca, Raffaele Cantone, magistrato di Cassazione esperto dei Casalesi, si chiedeva preoccupato chi fossero gli intermediari della Camorra presso gli statunitensi.
Ora, all’indomani dell’arresto del superlatitante Giuseppe Setola, forse abbiamo un nome: si tratta di John Loran Perham, 35 anni, figlio di un ufficiale statunitense in servizio a Napoli e di madre casertana, arrestato insieme al boss. Perham è tra l’altro cognato dei fratelli Luigi e Nando Russo, quest’ultimo proprietario a suo tempo del locale Blue Moon, la sede storica di tanti incontri tra Setola ed il suo gruppo di fuoco, uno dei covi più famosi in cui il boss si nascondeva con i killer ricercati – e catturati il 30 settembre scorso – Alessandro Cirillo, Giovanni Letizia e Oreste Spagnuolo.

Qui il video degli arrestati.

nato-chill

“Loran Perham, chi era costui?”, di Pompeo Ingravallo

“Non lo ricordo… debbo fare uno sforzo… ah, sì!”
E’ A.P. che parla, un ex-commercialista napoletano di 63 anni, ora residente in Provenza, beato lui.
Domiciliato per tanti anni ad Agnano, strano no? un quartiere niente affatto residenziale… zona-Ippodromo e NATO, assai squallida: ma con studio nella “City” cosiddetta, il quartiere-incubo edificato da Achille Lauro, il contrabbandiere USA che fu Re di Napoli nei remoti Cinquanta.
AP – “Loran Perham era un gentile signore che a quell’ epoca eroica, gli anni Settanta, aveva la responsabilità di approvvigionare il commando NATO di Agnano-Bagnoli.
Ossia provvedeva agli acquisti di ogni tipo di materiale per una popolazione di almeno 10.000 abitanti.
La sua predilezione andava per gli articoli di elettronica HI-FI, allora di gran moda.
Loran Perham li vendeva DIRETTAMENTE anche a una rete di utenti domestici italiani: si andava pazzi per comprare la roba di SONY franco-dogana, alla metà del prezzo.
Amplificatore da 100 watt, casse a sospensione pneumatica marca AR, nota bene la sigla (la più pregiata allora: “per la musica classica”), giradischi Technics col braccetto calibrato a “S”: una goduria per 1 milione!
In negozio più del doppio. In URSS manco per 1 miliardo.
Uno stipendio medio era di due-trecentomila lire.
La mejo borghesia dipendeva, attraverso una rete di agenti di cui A.P. era il venditore di maggiore successo, da questo tizio BENEVOLENTE, che tale appariva, “della NATO”.
Poi si passò ai televisori-schermo largo, negli anni Novanta.
Così, come se fosse il Paese dei Balocchi…..
Ma Loran Perham, oltre a farti cadere la grazia (“la NATO, la NATO: siamo ammessi a comprare!” gridavano all’ unisono, per un volta, gli studenti-rivoluzionari guevaristi o maoisti… Mentre le spie sofriane, Goffredo Fofi in testa, si leccavano i baffi… Tra gli entusiasti di acquistare a metà prezzo, perfino un tale che nel recinto NATO, solo e nottetempo, qual kamikaze votato al suicidio, c’era entrato DA SOLO, con una bomboletta di vernice rossa, tra le prime in commercio, durante il febbraio del ’68, “offensiva del Tet” da parte dei Vietcong: per dipinger di rosso TUTTE le auto in parking con scritte inneggianti a Zio Ho, fino all’ alba, e senza che Polifemo si accorgesse di nulla) su dal cielo al borghese fremente, tipica propaganda comunista MA a mezzo consumismo, faceva pure ben altri affari.
La Polverina Bianca: dopo l’ hashish innocuo, fu lui che la introdusse, nei salotti per bene come nei tuguri dei “vedovi della contestazione”, tanto per tirarsi su.
Creando un rete di diffusione sul territorio ben più capillare che l’ Alta Fedeltà. E assai più redditizia.
Tanto era uguale: spacciare un TV, o un panetto di coca, sempre era contrabbando, però così per bene ! Non sembrava peccato, né reato… ”E’ la NATO.”
Intanto, oltre a innervare il contrabbando vero e proprio, stile “Duchesca” o “Forcella”, le due Vuccirìe napoletane di prodotti elettronici — ai “tempi belli” che l’ America sembrava solo questo: gadgets e rock — appaltate a famiglie di grossisti che avevano pure “negozi per bene” di dischi coltissimi nei migliori quartieri (come, ad esempio, G.C.*: un commerciante-contrabbandiere ignorantissimo, che divenne pure il critico musicale “serio” del maggior quotidiano napoletano. Grazie alle intimità con un famoso “luminaria” del ramo, sito in quartiere-Brera), Loran Perham CREAVA, a piedi uniti e contro la RAI pubblica, il business di radio e TV-“Libere”.
TUTTE le prime emittenti contrabbandiere, poi sancite legittime da un decreto del Sinedrio (“Corte Costituzionale” cosiddetta), accampavano a Napoli, e presumibilmente altrove, paraphernalia tecnici usciti da NATO-Bagnoli, con il nulla-osta siglato “Loran Perham”……
Molti di questi…. giornalisti, spuntati come funghi all’ ombra del Vesuvio, come dell’ Etna e ovunque, pervasero anche la RAI. Ed ancora ne occupano gli schermi….
Loran Perham però, era a quell’ epoca, RITENUTO INSIEME UN NOME E COGNOME, come “Pinin Farina” per esempio.
Deve essere stato un tale “marchio di garanzia” che il figlio, l’ uomo arrestato dalla DDA a Mignano Montelungo insieme al porco Setola, HA RITENUTO DI CONSERVARLO IDENTICO, solo aggiungendovi il suo battesimale:
John Loran Perham, come Sergio PininFarina !”
(fine prima puntata)

Da Camorra e NATO, un antico legame in napolibera.eu del 16 gennaio 2009.

L’AFRICOM (e l’Italia) in Darfur

unamid

Il Comando USA per le operazioni in Africa, AFRICOM, ha dato il via ad un ponte aereo per trasferire in Darfur, via Ruanda, 75 tonnellate di materiali pesanti (camion per il trasporto carburante, elevatori, depositi d’acqua ed attrezzature varie non meglio specificate), a sostegno dell’ambigua operazione di “peacekeeping” che ONU e Unione Africana sostengono nella regione occidentale del Sudan dal 2004.
La missione aerea, la maggiore mai realizzata da quando il comando è divenuto operativo, prevede l’utilizzo di due aerei cargo C-17 “Globemaster III” dell’Air Mobility Command (AMC), ed è stata autorizzata l’1 gennaio 2009 dal presidente uscente George W. Bush. In una nota inviata alla Segretaria di Stato Condoleezza Rice, è stata definita d’“importanza strategica per gli interessi e la sicurezza degli Stati Uniti d’America”.
Le operazioni di trasporto saranno coordinate dal 618th Tanker Airlift Control Center dell’AMC, con sede presso la Scott Air Force Base, e dalla “Seventeenth Air Force” USA, riattivata nella base tedesca di Ramstein quale principale strumento operativo aereo di AFRICOM.
Secondo Vince Crawley, portavoce del Comando USA per l’Africa, “i velivoli C-17 effettueranno numerosi viaggi tra l’aeroporto di Kigali, Ruanda, ed uno scalo aereo in Darfur non ancora individuato, dove le truppe statunitensi opereranno solo il tempo richiesto per le attività di scarico dei materiali”. Parallelamente al dispositivo attivato dal Pentagono, il Dipartimento di Stato avvierà un analogo intervento in Darfur con fondi propri, che vedrà l’affidamento ad una compagnia aerea privata della movimentazione di circa 240 container di “materiali pesanti” che giungeranno a Port Sudan, città nordorientale sul Mar Rosso.
(…)
Molto probabilmente, il ponte aereo USA-Germania-Ruanda-Sudan coinvolgerà direttamente il nostro paese, in primo luogo la base siciliana di Sigonella, che l’Air Mobility Command vorrebbe trasformare in uno dei principali scali europei dei velivoli cargo e cisterna USA. In un’intervista rilasciata al periodico Air Forces Magazine (novembre 2008), il generale Duncan J. McNabb, la più alta autorità militare nel settore del trasporto aereo statunitense, ha spiegato che “per assicurare il successo dell’intervento in Africa”, è indispensabile “sviluppare le infrastrutture delle basi chiave, come Lajes Field, l’isola Ascensione nell’Atlantico e Sigonella, Sicilia”. “L’Air Mobility Command – ha aggiunto McNabb – sta lavorando con il comando dell’US Air Force in Europa per trasferire in queste installazioni, dalla base aerea di Ramstein, Germania, il traffico aereo di AFRICOM”.
L’Italia, però, non si limiterà a fornire basi logistiche per i velivoli da trasporto delle forze armate USA. Alla vigilia di Natale, il ministro della Difesa Ignazio la Russa, e il capo di stato maggiore Vincenzo Camporini hanno annunciato che le nostre forze armate si stanno preparando a partecipare alla missione congiunta ONU-UA nel Darfur, “mettendo a disposizione i propri velivoli da trasporto e proteggere le popolazioni locali da una sorta di pulizia etnica che in qualche modo si suppone guidata da poteri politici locali”.
(…)

Da Anche l’Italia giocherà un ruolo nel Darfur, di Antonio Mazzeo.

CyberNATO

Sette Paesi della NATO (Estonia, Germania, Italia, Lettonia, Lituania, Slovacchia e Spagna), insieme all’Allied Command Transformation dell’Alleanza, con sede a Norfolk negli Stati Uniti, hanno creato nella capitale estone Tallin un centro di eccellenza per la Cooperative Cyber Defence che avrà come obiettivo di addestrare i tecnici degli Stati membri contro possibili “minacce informatiche” .
Il centro sarà operativo nel corso del 2009, con un gruppo di trenta esperti già al lavoro per condurre ricerche e corsi di addestramento sui più recenti rischi informatici. L’accordo è stato stipulato nella primavera del 2008, ad un anno di distanza dal maggior cyber attacco che abbia colpito istituzioni pubbliche e private del Paese baltico: nel maggio 2007, infatti, uno sciame di DDoS (Denial of service attack) della durata di tre settimane riuscì a paralizzare quasi completamente l’infrastruttura informatica nazionale.
L’attacco avvenne dopo che le autorità estoni avevano deciso di rimuovere dal centro della capitale un monumento sovietico che ricordava i caduti dell’Armata Rossa morti durante la seconda guerra mondiale. Trasferimento che provocò violente proteste e culminò in un’offensiva telematica di hackers russi. Fu in quel caso evidente la vulnerabilità delle reti informatiche di un Paese che, d’altro canto, è uno dei primi al mondo ad aver introdotto e-government e voto elettronico e che per la sua fiorente industria hi-tech ha meritato il soprannome di “E-stonia”.
Negli stessi giorni, a Bonn si è svolto un incontro tra settanta esperti tra militari, ricercatori e funzionari governativi provenienti da sedici Paesi europei della NATO, che ha affrontato il problema di superare il divario esistente tra esigenze militari nel settore della robotica e le potenzialità acquisite in campo civile. Sono stati quindi individuati due filoni.
Nel primo pacchetto, quello di come utilizzare sin da adesso le tecnologie disponibili, sono state identificate le cinque più importanti esigenze militari, nell’ordine: ricognizione e sorveglianza di sostegno tattico alle forze di terra; sminamento postconflitti; scorte e rifornimenti; controllo di veicoli e persone per la ricerca di armi ed esplosivi; trasporto degli equipaggiamenti. Nel secondo, riguardante gli sviluppi futuri, sono stati delineati sei campi d’azione: comunicazioni, piattaforme robotiche, sensori e modellistica, navigazione e pianificazione delle missioni, interazione uomo/robot, sistemi multirobot.
In questa prospettiva, l’esercitazione svoltasi lo scorso autunno in Sardegna, con grande dispiegamento di mezzi e uomini, denominata Trial Imperial Hammer.

English corner

byebyeunclesam-banner

Riepiloghiamo – divisi per categoria – gli articoli del blog per i quali è disponibile anche la versione in lingua inglese:

Afghanistan
Operazione SarissaOperation Sarissa

Italia
In Italia convergenza bipartisan sul JSF“Bipartisan” concurrence on the JSF in Italy
Una tigre nel motoreA tiger in their tank

NATO-Amerika
Soldati americani in giro per il mondoAmerican soldiers all over the world
La NATO secondo John KleevesNATO according to John Kleeves
Testate nucleari USA in EuropaUSA nuclear warheads in Europe

“Scriverò un libro ma non so ancora bene su cosa”

confstampa-bush

La saga continua.

Washington, 11 gennaio – Una volta che avrà consegnato le chiavi della Casa Bianca a Barack Obama, il 20 gennaio prossimo, George W. Bush intende dedicarsi alla stesura di un libro. Girava già voce ma il problema, come ha ammesso l’interessato in un’intervista rilasciata al notiziario televisivo ‘Fox News’, è che lui stesso non ha tuttora deciso di che cosa specificamente tratterà… Di certo avrà carattere autobiografico, ma quanto al tema centrale il presidente USA uscente ha dichiarato di non sapere bene al momento quale sarà. “Non so ancora esattamente che cosa ne verrà fuori”, ha spiegato Bush, “ma sto giocando con l’idea di descrivere, forse, le decisioni più difficili che ho dovuto prendere come presidente, e il contesto nel quale le ho prese. Quello che è mi è chiaro”, ha proseguito, “è che è alquanto arduo per la gente ricordare come fosse la vita appena quattro o cinque anni fa, e dunque per me potrebbe essere importante ricostruire il quadro in cui dovetti adottare certe decisioni”. Bush non ha voluto nemmeno indicare i tempi di completamento dell’opera: “Potrei dire due anni oppure quattro, ma comunque la finirò”, ha tagliato corto. Definendosi “una personalità di tipo A”, cioé nervosa e dal punto di vista psicologico incline all’impazienza, l’ormai per poco inquilino della Casa Bianca ha sottolineato: “Ho bisogno che le cose siano fatte. Una volta che mi metterò a lavorare al libro, sarò in grado di portarlo a termine”. Per il resto, ha aggiunto, i progetti prevedono un centro di studi politici e una Biblioteca Presidenziale nel natio Texas. “Ho lo stesso senso di aspettativa che avevo quando arrivai a Washington per diventare presidente degli Stati Uniti, ma senza altrettanta solennità. Per cui”, ha concluso Bush, “me ne starò con le mani in mano per un bel pezzo”.
(AGI)

La Dichiarazione del Vertice di Bucarest

080403ed-003

“49. Durante gli ultimi vent’anni la complessità delle esigenze alle quali è sottoposta la nostra Alleanza è aumentata di pari passo con l’evoluzione dell’ambiente della sicurezza e con l’aumento della portata delle nostre missioni e delle nostre operazioni, come del numero dei nostri membri. Ciò implica un adattamento ed una riforma costanti delle strutture e dei processi presso il Quartiere Generale della NATO. Prendiamo atto dei progressi fatti nel quadro della trasformazione generale della NATO, ma bisogna andare oltre, anche per trarre i maggiori benefici possibili dal trasferimento in una nuova sede. Nell’esaminare i settori in cui sarà necessario apportare cambiamenti, dovremo soprattutto mettere a profitto gli insegnamenti tratti dalla nostra esperienza nell’adempiere alle nostre funzioni essenziali, ed in particolare nel rispondere alle necessità legate alle operazioni, allo sviluppo delle capacità, al partenariato ed alla comunicazione strategica. Nel protrarsi dei lavori condotti dai nostri Ministri della Difesa nel portare avanti gli aspetti della trasformazione legati alla difesa, gli Alleati dovranno anche studiare gli strumenti per pervenire ad una rapidità e ad una coesione ottimali nella trasmissione di solidi consigli politici, militari ed in materia di risorse come base per la nostra consensuale presa di decisioni e come mezzi per accrescere la nostra reattività in caso di necessità operative in cui il fattore tempo sia essenziale, comprese quelle dei comandanti della NATO. Abbiamo chiesto al Segretario Generale di definire la via da seguire per il conseguimento di questi obiettivi entro il Vertice del 2009.
50. Esprimiamo la nostra sincera gratitudine al governo romeno per la sua squisita ospitalità. La città di Bucarest ha ospitato il più grande Vertice della NATO, testimonianza della determinazione dell’Alleanza a collaborare strettamente con la comunità internazionale e del suo contributo unico alla promozione della stabilità in un ambiente strategico in rapida mutazione. Nella nostra riunione abbiamo preso delle decisioni e dato nuovi orientamenti in vista dell’adeguamento della NATO a questo ambiente per mezzo delle sue missioni e operazioni, della modernizzazione delle sue strutture e delle sue capacità, del rafforzamento dei legami con altri Paesi ed organizzazioni, e del mantenimento della sua apertura all’adesione di nuovi Stati. Abbiamo rafforzato il nostro dialogo e la nostra cooperazione con i Paesi e le organizzazioni essenziali alla nostra sicurezza. Ci riuniremo nuovamente l’anno prossimo a Strasburgo ed a Kehl per celebrare il 60° anniversario della NATO, per fare il punto sulla sua riforma e per continuare a tracciare la via della modernizzazione della nostra Alleanza per affrontare le sfide alla sicurezza del XXI secolo.”

Così si conclude la Dichiarazione del Vertice di Bucarest, rilasciata dai Capi di Stato e di Governo partecipanti alla conferenza del Consiglio Nord Atlantico a Bucarest, il 3 aprile 2008.
Un’overdose di NATese. Il testo integrale della dichiarazione è qui.
(Qui, invece, un interessante commento del Comité de Surveillance OTAN, corredato di alcuni collegamenti al blog).

Un calabrese (irreprensibile) alla CIA

panetta

Siderno (Reggio Calabria), 6 gennaio – “Studiava sempre. Era qui a Siderno in vacanza, tutti noi ragazzi andavamo al mare oppure a giocare ed a divertirci, lui invece rimaneva a casa a studiare, a leggere, e non cedeva a nessuna tentazione”. L’ingegnere Domenico Panetta, già sindaco di Siderno, grosso centro del Reggino, per due legislature, conversando telefonicamente con l’AGI, ricorda con “gioia ed orgoglio” il cugino Leon Panetta, ieri indicato come nuovo capo della CIA dal presidente eletto degli Stati Uniti d’America, Barack Obama. “Le ultime volte che l’ho incontrato – dice Domenico Panetta – ricopriva l’incarico di capo di gabinetto dell’allora presidente americano Bill Clinton. Mi ha ricevuto alla Casa Bianca ed anche in quell’occasione abbiamo dialogato in dialetto sidernese, una lingua che lui ama molto e che utilizza anche oggi. Spesso scrive o telefona, chiedendo sempre notizie del suo mare, della sua terra. E’ infatti un convinto ambientalista ed anche un uomo impegnato profondamente per l’affermazione dei diritti civili”. Leon Panetta, sposato e padre di tre figli, è figlio di Carmelo Panetta, originario di Gerace, e di Maria Carmela Brugnano, di Siderno, emigrati in America a cercar fortuna. Ha un fratello, anche lui residente in USA. “Pur essendo nato negli Stati Uniti d’America – sottolinea il cugino calabrese – mantiene stretti legami con la sua terra d’origine, ovviamente compatibilmente con tutti gli impegni cui deve assolvere. La notizia della sua nomina a capo della CIA ci rende orgogliosi, ci riempie di soddisfazione e credo sia anche una notizia molto positiva per l’intera Calabria ed anche per tutta l’Italia”.
(AGI)

Soprattutto per l’Italia…
[grassetti nostri]

TARGET – incontro internazionale

target

Nel X° Anniversario dei bombardamenti della NATO sulla Repubblica Federale di Jugoslavia

Il 24 marzo 1999 la NATO scatenava, ininterrottamente per 78 giorni, la sua potenza di fuoco contro il territorio della allora R.F. di Jugoslavia – un Paese già amputato con le secessioni iniziate nel 1991, e oggi ulteriormente smembrato tra Serbia, Montenegro e Kosovo. Per i suoi bombardamenti la NATO utilizzava armi vietate dalle convenzioni internazionali (es. bombe a frammentazione), armi di grave nocumento alle generazioni presenti e future (es. all’uranio impoverito), e mirava contro industrie chimiche, infrastrutture civili, mezzi di trasporto in servizio, ambasciate di Paesi terzi…
Quei bombardamenti rappresentarono l’apice in un processo di attacco a quel Paese, multinazionale e sovrano, per il quale era stata programmata la disgregazione e la svendita al capitalismo straniero. Negli anni successivi, tutti i settori-chiave dell’economia e del sistema finanziario jugoslavo venivano ceduti. Mentre le storiche strutture militari jugoslave venivano in larga parte dismesse, le piccole repubbliche sorte dalla disgregazione erano gradualmente assorbite nelle alleanze militari euro-atlantiche, e piegate agli obiettivi di queste.
A sua volta, l’intera vicenda della crisi jugoslava, che dal 1991 non può dirsi conclusa ancora oggi, è paradigmatica della fase apertasi con l’abbattimento del Muro di Berlino: una fase che, lungi dal garantire pace e libertà, è stata caratterizzata da guerre e devastazioni, “vendute” alle opinioni pubbliche attraverso pelose retoriche dei “diritti” e disoneste campagne di disinformazione. Cosicché ad esempio l’Italia, dopo avere reiteratamente violato la propria Costituzione fungendo da base di lancio per i bombardamenti e partecipando a numerose missioni di guerra in Paesi vicini e lontani, si ritrova ancora ad impiegare fette crescenti del proprio bilancio statale per finanziare la macchina militare, nonostante la crisi economica e sociale che incalza… e deve ospitare ulteriori basi militari straniere sul proprio territorio!
E’ in una città nevralgica nell’ambito di questi processi come Vicenza che, in occasione del X° Anniversario dell’inizio di quei bombardamenti, promuoviamo una grande iniziativa nazionale ed internazionale per raccontare che cosa hanno essi rappresentato, al di là della cortina fumogena creata dai media, e per discutere con gli occhi rivolti al futuro di attività e prospettive nel campo della solidarietà internazionalista tra i lavoratori e per il movimento che in tutta Europa si batte contro la guerra e contro le basi militari.

Promuovono:
Rete Disarmiamoli! – RdB CUB – Coord. Naz. per la Jugoslavia ONLUS – Beogradski Forum / Forum di Belgrado per un mondo di eguali – Rete Semprecontrolaguerra

Programma:
Vicenza – sabato 21 e domenica 22 marzo 2009

sabato 21 marzo, pomeriggio
PROPAGANDA DI GUERRA: tra disinformazione strategica e deriva politico-culturale
LE NUOVE CROCIATE: crisi macroeconomica e politiche militari
ECOCIDIO: gli effetti della guerra
A seguire: documentazione video

sabato 21 marzo, sera
Iniziativa di autofinanziamento (cena e concerto)

domenica 22 marzo, mattina
ROVESCIARE IL TARGET – E’ POSSIBILE?
La condizione dei lavoratori nei Balcani, in Italia, in Europa
Dai bombardamenti sulla Zastava al grande movimento di solidarietà
Tavola rotonda e dibattito: Il movimento contro la guerra, le basi militari e la NATO

Per adesioni ed informazioni: disarmiamoli oppure jugocoord

Aggiornamenti al sito cni.it

Un giovane Leviatano dietro due pesci piloti [yankee soldier abroad]

ernst_juenger

“Sedevo nello scompartimento con due cortesi italiani. A Livorno salì, aggiungendosi a noi, un marinaio americano. Portava shorts che lasciavano scoperta gran parte della coscia e una camicia color kaki con le maniche che arrivavano poco sotto le ascelle. Adattò a schienale la sua voluminosa sacca d’ordinanza, si sdraiò di traverso sul sedile imbottito, e muovendo lentamente le mascelle sprofondò in una specie di meditazione.
Si trattava palesemente di uno degli infimi gradi nella gerarchia militare; il suo biglietto ferroviario di prima classe lasciava intendere come egli godesse dell’invidiabile gamma di mezzi a disposizione delle forze armate cui apparteneva. Quando s’incontrano militari americani, ciò che avviene inevitabilmente nei diversi paesi europei, si è irresistibilmente colpiti da un’impressione contrastante che non è facile tradurre in parole. Da un lato, si percepisce la forte e marcata consapevolezza con cui viaggiatori di questo tipo si muovono sui percorsi militari e tra le basi d’acquartieramento che tessono una trama sull’intero continente. Su tutte le grandi strade, in tutte le stazioni ferroviarie, in tutti gli aeroporti si trovano le loro scritte in codice, i loro segni cabalistici, i loro generi voluttuari. Quale rapporto ha tutto questo con l’atteggiamento trasognato, con quella sorta di stato di trance che contraddistingue simili viaggiatori? E’ da supporre che essi non posseggano alcuna nozione, o tutt’al più che ne abbiano una molto superficiale, del luogo in cui vengono a trovarsi, Stoccarda o Yokohama, Torino o Manila. Li si vede in tutti i centri abitati, in tutti gli angoli del mondo con le stesse abitudini, con gli stessi comforts, con la stessa aria d’innocenza, insomma dotati di quel semper idem che Santippe celebrava in lode del suo Socrate. Cicerone scrisse in proposito che giustamente Socrate aveva sempre la stessa espressione, poiché lo spirito che la suscitava era immutabile.
Ciò non vale soltanto per Socrate. In questo caso, il semper idem è una vacuità indifferenziata che quasi ciascuno riflette nel suo volto e che è sufficiente ad alleggerire il peso del bagaglio. Accadeva anche nell’impero romano. Con i cittadini di un potente impero che viaggiano nelle sue province è sempre come con il pane e l’acqua: il sapore specifico passa in secondo piano. Il contrario renderebbe la prognosi sfavorevole.
Alle sorprendenti e spesso sconcertanti singolarità della nostra epoca appartiene l’assunzione della dottrina di Monroe a coscienza planetaria, la quale si sente responsabile di ogni punto della terra e presto forse anche di realtà extraplanetarie. Si vedono le sorgenti, ma non la foce – chi conosce le correnti derivate da questo Mississippi, che con impeto crescente si muove verso il suo colmo, verso il suo sbocco di piena ancora lontano e inimmaginabile? Le cateratte non fanno altro che accelerarne il corso. Si vede tutto questo in un libro illustrato, si presagisce la sciagura, ma come sono avare, invece, le testimonianze di una élite intellettuale la cui riflessione dovrebbe, se non pilotare, quanto meno accompagnare il corso delle cose! Forse anche questo fa parte di una sensibilità indifferenziata. Nei tipi umani descritti da Norman Mailer viene alla luce l’uno e l’altro aspetto, ma anche l’intelligenza critica di un autore di ceppo britannico.
Intanto il treno si era rimesso in moto, e sobbalzai, interrotto nella mia meditazione da un grido dell’uomo in kaki che pareva lo stridìo di un uccello. Il marinaio aveva eruttato quell’urlo senza neppure alzare gli occhi, e il suono era pressappoco:
«Gii-ne-wà?».
Anche i due italiani furono ricondotti allo stato di attività dall’inopinata emissione sonora, ma parvero capire il significato del grido, poiché uno di loro rispose con voce melodiosa:
«Sì, sì, signore, questo è íl treno per Genova».
L’uomo in kaki lo scrutò con aria benigna. Poi aprì la bocca a una seconda laconica inchiesta:
«Ri-storànt-kar?».
Ma sì, c’era anche la carrozza ristorante. I due si offrirono di accompagnarlo, ed egli sparì scortato da loro come un giovane Leviatano dietro due pesci piloti.”

Estratto da Presso la torre saracena, occasione il ritorno da un viaggio in Sardegna compiuto dal romanziere e saggista tedesco Ernst Jünger nel 1954.
Il testo si trova nella raccolta denominata Il contemplatore solitario, Ugo Guanda editore, 1995, pp. 204-206.