Penny Lane: la base segreta della CIA per trasformare i prigionieri di Guantanamo in agenti doppi

gitmo

Nelle prime fasi della “Guerra al Terrore”, gli agenti della CIA presso la struttura detentiva della Baia di Guantanamo trasformarono detenuti in agenti doppi, aiutando gli Stati Uniti a tracciare e uccidere terroristi, secondo quanto riportano funzionari statunitensi.
Per alcuni detenuti di Guantanamo, tenuti in prigionia nella base militare USA situata nel mezzo di acque infestate dagli squali, la promessa di libertà in cambio della collaborazione con la CIA per sradicare i terroristi da casa, può aver rappresentato molto più di una tentazione.
Oltre alla riconquista della libertà, ai co-cospiratori vennero assicurate garanzie di sicurezza per i propri familiari, e milioni di dollari provenienti dalla cassa dell’agenzia per la guerra segreta, alcune fonti hanno riferito all’AP.
L’intesa non era priva di alcuni rischi intrinseci, comunque, visto che non è raro per le truppe USA diventare improvvisamente l’obiettivo di “fuoco amico straniero” – come il conflitto in Afghanistan ha dimostrato in varie occasioni.
Nel Gennaio 2002, arrivarono a Guantanamo 632 detenuti, seguiti da altri 117 l’anno successivo. Improvvisamente, sembrò valere la pena di prendere il rischio di costruire una relazione strategica con il nemico. La CIA, riconoscendo l’opportunità di violare i nascondigli montani degli inafferrabili terroristi ricercati, sembrò preparata a rilasciare alcuni prigionieri dalle rigide condizioni della loro detenzione senza fine.
A poche centinaia di metri dietro la struttura detentiva di Guantanamo, celate tra la vegetazione e le formazioni rocciose, si trovano otto casermette senza pretese, note agli adddetti ai lavori come “Penny Lane”.
Data la relativa comodità delle unità del complesso, che si diceva avessero “cucine private, docce e… un vero letto con materasso”, il personale della CIA scherzosamente le chiamava “il Marriott” [catena di famosi alberghi di lusso - ndr].
L’agenzia di intelligence era allora incaricata di reclutare nel programma i potenziali candidati. Delle “dozzine di prigionieri” valutati per il programma speciale, soltanto una manciata firmò gli accordi per lavorare per lo spionaggio americano.
“Certamente quello era l’obiettivo”, ha rivelato Emile Nakhleh, un ex analista di spicco della CIA che nel 2002 si occupò di valutare i detenuti ma che non ha parlato di Penny Lane. “E’ il lavoro dell’intelligence reclutare informatori”.
Per dare spessore al programma, i reclutati necessitavano di buoni contatti con le organizzazioni terroriste, particolarmente con Al Qaeda.
Una volta accettati nel programma segreto, funzionari USA attuali e passati hanno riferito all’Associated Press che i candidati erano addestrati dall’agenzia di intelligence statunitense a fare spionaggio in favore della CIA, nel quadro dei suoi sforzi per catturare o uccidere gli operativi di Al Qaeda.
Le fonti hanno parlato del programma, terminato circa nel 2006, in condizione di anonimato perché non sono state autorizzate a farlo pubblicamente.
Il portavoce della CIA Dean Boyd ha rifiutato di commentare.
Un avvocato americano che ha rappresentato circa una dozzina di detenuti yemeniti a Guantanamo, David Remes, ha detto all’AP: “Vedo l’ironia nella decisione di lasciar andare via alcuni personaggi davvero poco raccomandabili”.
“Gli uomini che sono stati rimandati indietro come agenti furono addestrati nel riuscire a fornirci informazioni di valore”, ha aggiunto.
Le fonti dell’AP hanno confermato che alcuni degli agenti doppi collaborarono nel rintracciare e uccidere terroristi, mentre altri smisero di cooperare e la CIA perse i contatti con loro.
Ex funzionari coinvolti nel programma ricordano che il timore più grande era che un ex detenuto potesse attaccare gli Americani e poi dichiarare pubblicamente che era stato a libro paga della CIA.
Il governo USA nutriva una tale fiducia in Penny Lane che un ex funzionario dello spionaggio ricorda le discussioni circa la possibilità di rilasciare segretamente un paio di pakistani negli Stati Uniti, dotandoli di permessi per studio o per affari. La speranza era che essi si sarebbero messi in contatto con Al Qaeda e condotto le autorità ai membri della cellula statunitense.
Un altro ex funzionario anziano dell’intelligence ha affermato che tutto ciò non è mai accaduto.
Nel frattempo, l’impegno a chiudere Guantanamo, a cui è stata data l’etichetta di “Gulag dei nostri tempi” da Amnesty International, rimane una promessa non mantenuta dall’amministrazione Obama, che ha incontrato una dura resistenza all’idea da parte dei membri del Partito Repubblicano, particolarmente nella persona dell’ex vice-presidente Dick Cheney.
“Vi posso dire che l’amministrazione mantiene l’impegno di chiudere la struttura detentiva presso la Baia di Guantanamo”, ha dichiarato lo scorso Marzo il vice addetto stampa presso la Casa Bianca, Josh Earnest.
Delle 779 persone inizialmente detenute presso la Baia di Guantanamo, più di tre-quarti sono stati rilasciati, mentre i rimanenti, in attesa del rilascio, continuano a essere incarcerati nella struttura.
guantanamo

Nota a margine
Penny Lane prosegue nella tendenza delle Forze Armate statunitensi di prendere a prestito i titoli di famose canzoni dei Beatles per identificare le proprie strutture.
Nel 2010, il New York Times citò la storia di una struttura clandestina a cui era stato dato l’inquietante nome di “Strawberry fields”, poiché si riteneva che “i pezzi da novanta” ivi detenuti potessero restare lì, come dice la ben nota canzone, “per sempre”. Di queste persone si parlava in termini di detenuti fantasma, e furono imprigionate per anni dalla CIA nelle carceri segrete, “buchi neri” sparsi in Europa così come in Medio Oriente e Asia.

[Traduzione nostra da RT]

Guantanamo 2002-2012

Amnesty International ha pubblicato un rapporto sulla situazione dei detenuti di Guantanamo. Dal rapporto, intitolato Guantanamo 2002-2012: un decennio di danni ai diritti umani, emerge come, nonostante le promesse del Presidente statunitense Obama di chiudere il carcere entro il 22 gennaio 2010, poco sia cambiato in questi dieci anni.
Amnesty ha anche lanciato un appello per evitare che uno dei prigionieri di Guantanamo, ‘Abd al Rahim Hussayn Muhammed al Nashiri, ora in attesa di processo presso la corte militare, rischi la pena di morte, opzione prevista per il suo caso.
Sul sito dell’organizzazione, oltre al rapporto su Guantanamo, è possibile consultare una cronologia e una scheda con fatti e cifre.
Radio Città Fujiko di Bologna ne ha parlato con il portavoce Riccardo Noury.

Parole parole parole…

Washington, 9 dicembre – La Camera dei rappresentanti USA ha bloccato ieri, di fatto, la chiusura del carcere di massima sicurezza di Guantanamo, prevista nel 2011, e la possibilità che la mente degli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti sia giudicato sul suolo americano: la decisione, se confermata in Senato, sarebbe un duro colpo per il presidente Barack Obama, che aveva incluso la chiusura di Guantanamo tra gli obiettivi principali del sul mandato.
Con 212 voti contro 206, la Camera ha approvato il progetto di legge finanziaria per il 2011, destinato a fornire fondi al governo americano fino a settembre del prossimo anno. Un paragrafo del testo, però, “proibisce l’utilizzo di fondi per trasferire o liberare sul suolo americano Khaled Sheikh Mohammed (la mente degli attentati dell’11 settembre, ndr) e qualunque altro prigioniero di Guantanamo”. Un altro paragrafo del progetto di legge assicura che “nessun fondo fornito al ministero della Giustizia da questa legge o da altre potrà essere utilizzato per l’acquisizione di prigioni allo scopo rinchiudere persone detenute alla base navale di Guantanamo, a Cuba”.
La prigione di Guantanamo accoglie oggi 174 prigionieri, di cui solo tre sono stati formalmente condannati da un tribunale militare.
(Apcom)

Una richiesta dell’amministrazione Obama

Washington, 9 settembre – Per il ‘segreto di Stato’, una corte d’appello californiana ha cancellato il processo a carico di una linea aerea per i ‘voli segreti’.
L’accusa era di aver aiutato la CIA a svolgere i voli su cui viaggiavano sospetti terroristi, catturati senza un regolare mandato. La decisione accoglie una richiesta della amministrazione Obama. Il processo era contro la Boeing Jeppesen Dataplan, denunciata da un etiope, che aveva detto di esser stato portato e torturato in Marocco, poi a Kabul ed a Guantanamo.
(ANSA)

Il cuoco di Osama

Guantanamo, 12 agosto – L’ex cuoco ed autista di Osama bin Laden, il sudanese Ibrahim al-Qosi, è stato condannato a 14 anni di prigione. La sentenza è stata emessa da un tribunale militare nel campo di detenzione di Guantanamo sull’isola di Cuba.
Difficilmente Qosi sconterà tutta la pena perché, in base ad accordi segreti, l’applicazione della sentenza sarà limitata. Qosi si era dichiarato colpevole lo scorso mese di cospirazione con al Qaeda e di aver fornito sostegno materiale all’organizzazione.
(AGI)

Roma, 12 agosto – Prima condanna dell’era Obama (e quarta in assoluto) per un detenuto di Guantanamo: 14 anni di carcere all’ex cuoco di Bin Laden, Ibrahim al-Qosi, cinquantenne. Lo ha reso noto il Pentagono.
Al-Qosi è detenuto da otto anni nel campo sull’isola di Cuba, e la giuria lo ha ritenuto colpevole (come del resto da sue stesse ammissioni) di aver appoggiato atti di terrorismo di Al Qaeda contro gli Stati Uniti, a partire dal 1996, nonché di aver aiutato Bin Laden e altri suoi uomini a fuggire dall’Afghanistan dopo l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2001, e prima dell’invasione americana.
(ASCA)

Dopo otto anni trascorsi in tale amena località, le ammissioni di al-Qosi non possono che essere spontanee.

La sentenza è stata già emessa

Washington, 31 gennaio – Khalid Sheikh Mohammed, l’uomo considerato il regista degli attentati dell’11 settembre, “sarà giudicato e con ogni probabilità messo a morte per gli orrendi crimini che ha commesso, di questo potete essere sicuri”.
Così Robert Gibbs, il portavoce di Barack Obama, ha dichiarato, intervistato alla CNN, riguardo alla vicenda del processo a Mohammed ed altri incriminati per l’11 settembre.
(Adnkronos)

Morte a Camp Delta

La notte del 9 giugno 2006, tre detenuti morirono nella sezione di massima sicurezza del carcere di Guantanamo Bay. Il comunicato stampa iniziale dei militari riferiva non solo che i detenuti – Mani Shaman Turki Al-Habardi Al-Utaybi, Ali Abdullah Ahmed e Yassar Talal Al-Zahrani – erano stati trovati impiccati nelle proprie celle ma anche che le loro azioni rappresentavano una cospirazione come parte di una “guerra asimmetrica” contro gli Stati Uniti. Allo stesso tempo, i militari tennero lontano tutti gli organi di informazione e proibirono agli avvocati di far visita ai propri clienti.
Immediatamente sorsero dubbi su come tre detenuti, sotto costante sorveglianza, potessero effettivamente cospirare commettendo un suicidio in maniera coordinata. Presto i militari annunciarono di stare conducendo un’indagine, ma i risultati furono resi noti solo a più di due anni di distanza dai fatti. Nell’agosto 2008, la relazione dell’inchiesta concludeva che i detenuti si erano impiccati nelle proprie celle e che uno di loro quella notte, mentre camminava nei corridoi, aveva detto a voce alta “stanotte è la notte”.
L’indagine, comunque, lascia molte questioni irrisolte. Tre anni dopo è ancora incomprensibile come possa essere stata attuata una tale condotta coordinata, e come dei prigionieri attentamente sorvegliati abbiano potuto rimanere cadaveri per oltre due ore prima di venire scoperti. Sia il momento che l’esatta dinamica delle morti rimangono incerte, e la presenza di stracci di tessuto nelle gole dei detenuti non ha una spiegazione. La negligenza delle guardie carcerarie sembra essere stata esclusa dall’assenza di qualsiasi azione disciplinare nei loro confronti. Benché alcuni dei sorveglianti siano stati formalmente avvisati che si sospetta che le loro originali dichiarazioni siano false o che sono sospettati di non aver eseguito gli ordini, nessuno di loro è stato poi incriminato per aver rilasciato falsa testimonianza od aver svolto inadeguatamente il proprio dovere.
Il rapporto Morte a Camp Delta - elaborato dai ricercatori del Center for Policy & Research della Seton Hall University School of Law, coordinati dal professor Mark Denbeaux – esamina l’indagine, non per determinare cosa accadde quella notte ma piuttosto per valutare perché un’inchiesta sulla morte di tre persone abbia mancato di affrontare alcuni importanti aspetti. Inoltre, il rapporto solleva seri dubbi che devono essere presi in considerazione per sgombrare il campo dalle voci che sono circolate, voci secondo le quali la causa dei decessi è stata più sinistra della “guerra asimmetrica”.

Il rapporto è qui.