Un altro C.A.I.

“Quando ero un giovane studente con una borsa di studio della NATO assegnatami per elaborare negli anni Settanta uno studio comparativo dei bilanci della difesa dei Paesi NATO, ebbi l’occasione di leggere il Rapporto Harmel del 1967: rimasi meravigliato dalla lungimirante affermazione che l’area del Trattato del Nord Atlantico non può essere considerata in isolamento dal resto del mondo. Crisi e conflitti che nascono fuori dell’area possono mettere a repentaglio la sua sicurezza sia in via diretta sia intaccando l’equilibrio globale.
Pierre Harmel come Manlio Brosio, allora Segretario Generale della NATO ed ex Presidente del Comitato Atlantico Italiano, erano certamente sulla giusta strada ed oggigiorno ne abbiamo conferma.
Stabilità e sicurezza non dipendono più dall’equilibrio delle forze, ma dalla cooperazione. Esse devono essere assicurate in tutto il mondo.” (grassetto nostro)
Parola del On. Prof. Enrico La Loggia, Presidente del Comitato Atlantico Italiano (C.A.I., appunto).
Si tratta di un Ente che svolge da cinquanta anni attività di studio, formazione ed informazione sui temi di politica estera, sicurezza ed economia internazionale, relativi all’Alleanza Atlantica. In ambito internazionale, il Comitato assicura la presenza dell’Italia in seno all’Atlantic Treaty Association (ATA), che è l’organo di raccordo tra la NATO e le pubbliche opinioni dei Paesi membri. In ambito nazionale, esso svolge attività di studio attraverso commissioni con competenza in diverse materie, dalle tematiche militari a quelle economiche, educative, relative a stampa ed informazione, etc. Quali attività di formazione ed aggiornamento culturale, il Comitato organizza corsi e promuove conferenze e dibattiti presso istituti accademici e scolastici su tematiche atlantiche. Nel campo dell’informazione, infine, esso è attivo su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di associazioni periferiche ad esso aderenti, denominate Club Atlantici, dei quali coordina e promuove le iniziative.
Particolarmente attivo appare, in questo senso, il Club Atlantico di Bologna, organizzatore negli ultimi due anni di conferenze su “il ruolo dell’Italia nella NATO e nelle operazioni di mantenimento della pace” oppure su “l’Ungheria nell’ambito dell’integrazione europea ed atlantica” (sic). Appuntamenti centrali del calendario atlantico sono comunque gli annuali Forum Atlantici organizzati in prestigiose “location”. Nel settembre 2006, alla vigilia del Vertice NATO di Riga, ricercatori presso centri di studi strategici od accademie militari, decisori politici e parlamentari con il proprio “staff”, di età fra i venticinque ed i trentacinque anni, si sono riuniti al Centro Alti Studi per la Difesa a Roma ed hanno discusso – per tre giorni – di ruolo, capacità e missione della NATO, in considerazione delle sfide e minacce future. Nell’ottobre 2007, i lavori si sono svolti invece “nella straordinaria cornice di Palazzo dei Normanni” a Palermo, un’occasione di dialogo, di riflessione politica ed un contributo scientifico altamente qualificato, volti a promuovere “nuove prospettive di sicurezza e cooperazione nel Mediterraneo, Medio Oriente ed Asia”. Con la partecipazione, per la prima volta, anche di relatori provenienti dai Paesi aderenti all’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, che – evidentemente – comincia a far sentire il proprio peso sullo scacchiere internazionale.

7 thoughts on “Un altro C.A.I.

  1. Vedo che siete sempre molto centrati sui temi che trattate e per questo ho inserito il vostro sito tra i link preferiti del nostro blog (http://www.velina-azzurra.blogspot.com/). Per simpatia vi consiglio di non perdere il vostro tempo con i comitati atlantici che conosco benissimo:sono un ciarpame inutile, stanze vuote, ammuffite e pure senza soldi, distintivo all’occhiello di vecchi professori e di ex politici super trombati. Già la nomina di La Loggia è stata -credo- frutto di un equivoco: non sapeva dove andava. Questi comitati non hanno mai neppure svolto il loro teorico ruolo istituzionale di fare informazione, pubblicità e lobbyng per conto dell’alleanza (quello che Byebyeunclesam denuncia). Non vi fate impressionare da qualche seminario per studenti. Cose inutili, puttanate senza alcuna influenza. Il discorso quindi va rovesciato: se ne avete voglia potreste partire come spunto dai comitati per spostarvi su Bruxelles e scoprire che l’intera struttura politica (e quindi anche di propaganda) della Nato è una pura finzione, un costosissimo baraccone (non a caso rimasto per mezzo secolo in prefabbricati) costruito fin dalle origini ad un solo scopo: fare da quadro e copertura alle periodiche “istruzioni” del locale ambasciatore Usa ai suoi colleghi “alleati” e agli organi ufficiali: segretario generale, comitato militare e comando unificato Shape. Le vere campagne informative della Nato le fanno i grandi media istituzionali, le agenzie di stampa, i commentatori dei corrieri e delle repubbliche e, un po’ meno rilevante, la rete dei giornalisti specializzati e all’occorrenza embedded. Avete presente il vecchio patto di Varsavia? Beh, dove’è la differenza?.
    Cordialità
    Claudio Lanti

    "Mi piace"

  2. molte grazie per il link, per l’apprezzamento e per il suggerimento: è certo che a noi serve indagare anche questo, ai diversi livelli, proprio per appurarne il grado di incisività, e non ci distoglie dalle campagne informative NATO svolte pervasivamente con mezzi che sono a un tempo occulti e sotto gli occhi di tutti.

    cari saluti,
    bbus

    "Mi piace"

  3. LEGGE 3 agosto 2010, n. 126
    Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2010, n. 102, recante proroga degli interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace, di stabilizzazione e delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia. (10G0150) (GU n. 186 del 11-8-2010 )

    MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE AL DECRETO-LEGGE 6 LUGLIO 2010, N. 102

    (…)

    All’articolo 2:

    (…)

    e’ aggiunto, in fine, il seguente comma:

    “10-bis. Al fine di assicurare la funzionalita’ del Comitato atlantico italiano, incluso nella tabella degli enti a carattere internazionalistico di cui alla legge 28 dicembre 1982, n. 948, e successive modificazioni, e’ assegnato in favore dello stesso un contributo straordinario di 250.000 euro per l’anno 2010.
    Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307″.

    "Mi piace"

  4. Pingback: Non solo Afghanistan | ICTUMZONE Progetto Nazionale

  5. Pingback: Non solo Afghanistan | Guard for Angels

  6. CHE ONORE!

    Nato: all’Italia presidenza dell’Atlantic Treaty Association
    Fabrizio Luciolli eletto all’unanimita’

    (ANSA) – ROMA, 30 MAG – Il segretario generale del Comitato Atlantico Italiano, Fabrizio W. Luciolli, e’ stato nominato Presidente dell’Atlantic Treaty Association (ATA), l’organizzazione che riunisce i Comitati atlantici nazionali di tutti i paesi Nato e partner. La nomina e’ stata adottata all’unanimita’ dal Consiglio dell’ATA riunito in Montenegro in sessione speciale.
    Il mandato della presidenza italiana avra’ durata triennale. “La nomina di un rappresentante italiano alla presidenza dell’ATA costituisce un importante riconoscimento del ruolo dell’Italia nella NATO e per la cooperazione internazionale condotta dal Comitato Atlantico Italiano in seno all’Atlantic Treaty Association, con programmi di ricerca e formazione civile e militare nei Balcani, Mediterraneo e Medio Oriente”, ha commentato Luciolli.

    "Mi piace"

  7. Il Club Atlantico di Bologna celebra i 30 anni a Modena

    L’evento si e’ tenuto nell’Accademia Militare (ANSA) – MODENA, 22 NOV – Con qualche mese di anticipo rispetto al settantesimo anniversario di costituzione dell’Alleanza Atlantica (1949), il Club Atlantico di Bologna ha celebrato a Modena i 30 anni dalla sua fondazione con un convegno all’Accademia Militare. L’evento e’ stato aperto dal presidente, generale Giuseppe Paglialonga, per una breve illustrazione sulle finalita’ del club e i risultati conseguiti negli anni di attivita’. Successivamente il generale Giorgio Battisti, gia’ comandante del Corpo d’Armata di Reazione Rapida della Nato in Italia e Capo di Stato Maggiore della missione Isaf in Afghanistan (2013-2014), e’ entrato nel vivo dell’incontro, moderando il convegno che ha avuto come tema ‘La Nato, un’alleanza irrinunciabile’. Un tema attorno al quale si sono confrontati politici, accademici e militari. (ANSA).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.