Le relazioni NATO-Russia viste da uno che c’era

Il 27 aprile 1997 veniva firmato a Parigi, dai Capi di Stato e di governo dei Paesi membri della NATO e dal presidente della Federazione Russa (allora, Boris Eltsin), l’Atto Fondamentale sulle relazioni comuni, la cooperazione e la mutua sicurezza tra la NATO e la Russia.
Tra le disposizione di tale Atto, c’era anche quella secondo cui le parti non avrebbero mai dovuto intraprendere azioni che potessero minacciare la sicurezza europea, senza prima consultarsi con l’altra per ottenerne l’approvazione.
A dieci anni di distanza – a parere del generale Leonid Ivashov che all’epoca faceva parte della delegazione russa in rappresentanza del Ministero della Difesa – chiamarla cooperazione è un insulto. La NATO ha attivamente e progressivamente lavorato per rafforzare la propria potenza militare, occupare posizioni strategicamente utili ad accerchiare la Russia, isolarla dai suoi alleati e renderle ostile i Paesi che la circondano. Tutto ciò attraverso una ben calibrata miscela: allargamento dell’Alleanza Atlantica ai Paesi dell’Europa Orientale, ridislocamento di truppe ed equipaggiamenti a ridosso dei confini russi, rivoluzioni colorate nelle repubbliche ex sovietiche propedeutiche ad una loro adesione alla NATO, ed interventi “umanitari” armati, quando occorreva, come in Serbia nel 1999.
In attesa di mettere uno spesso cappuccio antimissilistico sul potenziale nucleare avversario.

One thought on “Le relazioni NATO-Russia viste da uno che c’era

  1. E’ noto che gli Usa utilizzano la Nato come trampolino per estendere la loro nefasta influenza su tutto l’oriente e l’europa stessa.
    Noi europei siamo il sostegno a questo trampolino, veniamo pagati, lisciati, anche bistrattati ma siamo contenti di servire zio Tom. Perchè! Non abbiamo palle a sufficienza?
    Forse, ma dubito, se il presidente francese non fosse stato il presidente di turno (nella botte!) avrebbe manifestato il suo dissenso sia per quello che la russia sta facendo ma soprattutto per l’ingerenza Usa nelle cose europee e questo avrebbe dato l’idea, ma solo l’idea di una certa indipendenza di pensiero.
    In un certo senso mi piacerebbe sapere, per bocca degli Usa, perchè hanno deciso e scelto di installare i radar per lo scudo spaziale in Polonia. Hanno paura di Mosca o di Vicenza. E Mosca deve stare zitta? E se lo facessero a Cuba cosa direbbe il Cretino di turno?
    Vedremo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.