Camorrista NATO

CASAL DI PRINCIPE (Caserta) — Via Toti numero 10. Sul confine tra la municipalità di Casal di Principe e San Cipriano. La villa è circondata e protetta da un alto muro, su di un ampio perimetro. Il portone e il cancello in ferro. Gli accessi sono sorvegliati dall’interno da telecamere ultima generazione. Potrebbe essere una delle tante villone che riempiono gli spazi di questa regione del casalese: costruite come fortini, ricordano la logica medioevale a difesa del clan, piegate su se stesse, affacciate su quello che viene chiamato “il luogo”, la corte interna. Con una differenza però. Questa è una delle proprietà immobiliari note della famiglia di Antonio Iovine, classe 1964, detto “ninno” perché piccolo di statura, tra i più pericolosi boss d’Italia, ricercato da oltre 12 anni. E con una peculiarità ancora più curiosa: la villa è ormai da tempo affittata ad ufficiali americani in servizio nelle vicine basi NATO. «Paradossale e assurdo, no? Le casse della NATO, cui contribuisce anche il governo italiano, alimentano quelle della camorra organizzata», dice Franco Roberti, coordinatore della direzione distrettuale antimafia di Napoli. Un fatto noto al comando provinciale dei carabinieri di Caserta, che assieme alla magistratura da tempo cercano di mettere sotto sequestro i beni della camorra, comprese le ville affittate alla NATO.

Quante? «Probabilmente centinaia — commenta il colonnello Carmelo Burgio, ex comandante della missione dei carabinieri a Nassiriya che da oltre 4 anni dirige gli oltre 1.360 carabinieri della provincia —. Con introiti milionari per la malavita locale, che così riesce a riciclare in modo pulito gli introiti delle sue attività illecite. Solo l’anno scorso, nel marzo 2007, riuscimmo a sequestrare beni pari a cento milioni di euro del clan Bianco-Corvino e a localizzare una cinquantina delle loro ville, che erano state acquistate grazie ad un largo giro di truffe alle assicurazioni auto. Di queste oltre 40 erano state affittate a militari americani stanziati nelle basi NATO campane. Oggi quasi tutte sono ancora abitate da ufficiali USA con le loro famiglie. Ma gli affitti, che sono alti per queste regioni e variano in genere dai 1.500 agli oltre 3.000 euro mensili, vanno ora ad un fiduciario dello Stato». Alla procura di Napoli sospettano tra l’altro che anche il clan di Giuseppe Setola, considerato tra gli autori del massacro di sei giovani di colore poche settimane fa, abbia affittato alla NATO. «Occorre capire chi sono gli intermediari della camorra presso gli americani », dice preoccupato Raffaele Cantone, magistrato di Cassazione esperto dei Casalesi. La villa di via Toti ha un iter molto particolare. «Antonio Iovine, assieme a Michele Zagaria, detto ” Capa storta”, e gli Schiavone è al comando della camorra casalese. Si arricchiscono anche con gli affitti alla NATO», dicono i carabinieri. «Calcoliamo che quella dove vive la famiglia di Iovine, sempre tra Casal di Principe e San Cipriano, valga almeno un milione di euro e quella molto vicina di via Toti oltre 800mila. Nell’aprile di quest’anno gli abbiamo sequestrato beni per il valore di 80 milioni di euro. Ma il giudice per le indagini preliminari ci ha negato i sequestri delle ville. In particolare, per quella intestata alla madre di Iovine e affittata agli americani, ci è stato detto che non ci sono prove sufficienti per dimostrare che è stata comprata con fondi sporchi», specifica il tenente dell’Arma Giuseppe Tomasi, da oltre trent’anni impegnato nella lotta alla camorra.
(…)

Estratto da “Ufficiali NATO in affitto nella villa del boss”, di Lorenzo Cremonesi.

One thought on “Camorrista NATO

  1. US NAVY: ACQUA INQUINATA, VIA 11 FAMIGLIE DA CASAL DI PRINCIPE

    NAPOLI, 13 NOV – Presenza di ”percentuali inaccettabili di sostanze chimiche solventi nell’acqua di rubinetto delle loro abitazioni”: lo ha attestato il Comando della Marina militare statunitense (Nsa) di Napoli che ha annunciato che 11 famiglie americane che risiedevano nel Casertano, a Casal di Principe, saranno trasferite in nuovi alloggi, a Gricignano, nella base della US Navy.
    Dall’esito delle analisi a campione condotte nella prima fase dello studio sulla salute pubblica a Napoli, la US Navy, circa due mesi fa, aveva gia’ identificato acqua inquinata in tre case di Casal di Principe. Successivamente, e’ stata analizzata l’acqua del rubinetto di altre undici abitazioni date in fitto a personale statunitense, e situate nel raggio di 1,5 km dalle altre tre abitazioni: anche qui le analisi chimiche hanno rilevato la presenza di sostanze chimiche solventi.
    Le undici famiglie, come detto, saranno trasferite nella base della Us Navy di Gricignano dove viene garantita acqua potabile. Non sussiste alcun motivo, dice il Comando, per cui anche altre famiglie che risiedono nella zona di Casal di Principe debbano essere trasferite immediatamente.
    (ANSA)

    —–

    US NAVY: ACQUA INQUINATA, STOP AFFITTI IN AREE CASERTANO

    NAPOLI, 13 NOV – Il Comando della Marina Militare statunitense di Napoli ha annunciato l’istituzione di una moratoria temporanea per i nuovi contratti di locazione nelle zone di Arzano, Casal di Principe, Marcianise e Villa Literno, tutte in provincia di Caserta.
    La decisione e’ stata presa dopo che in 14 abitazioni di Casal di Principe, occupate da personale americano, e’ stata riscontrata la presenza di acqua del rubinetto inquinata. Sono stati adottati, si legge in una nota, ”parametri estremamente precauzionali e conservatori – si considera un arco temporale di esposizione di 30 anni – nel valutare il fattore rischio nelle zone in questione”. L’analisi delle informazioni rilasciate sia dalle autorita’ sanitarie italiane che statunitensi, ha condotto il Comando a stabilire delle ”zone a sospensione di nuovi contratti di locazione”; cioe’ delle aree non piu’ disponibili al personale statunitense per firmare contratti di locazione attraverso l’Ufficio Alloggi della marina americana.
    Le zone a sospensione di nuovi contratti di locazione sono state stabilite in base ai dati sulla salute pubblica rilasciati sia dalle autorita’ sanitarie italiane che statunitensi. La zona ”a sospensione fitto” piu’ estesa include Casal di Principe e Villa Literno; le altre due includono Arzano e Marcianise.
    (ANSA)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.