TotoNATO

toto

Sono ormai in pieno svolgimento i preparativi per il prossimo vertice NATO di Strasburgo – Kehl, in programma all’inizio di aprile. Durante l’incontro, che segnerà il sessantesimo anniversario dell’Alleanza Atlantica, verrà ufficializzato l’ingresso quali nuovi membri di Albania e Croazia e molto probabilmente anche il ritorno della Francia nel comando militare integrato, dal quale uscì nel 1966 per decisione del generale Charles De Gaulle. Sono inoltre attesi l’adozione di un nuovo Concetto Strategico (quello in vigore risale al 1999) e la decisione circa i nuovi contingenti militari da inviare in Afghanistan. Il vertice, fra l’altro, sarà il primo a vedere la presenza del neoeletto presidente USA Barack Obama.
Pare comunque che l’attenzione dei governi dei Paesi membri sia attualmente focalizzata sulla successione a Jaap de Hoop Scheffer nel ruolo di Segretario Generale della NATO. I principali candidati a sostituirlo, quando alla fine della prossima estate concluderà il suo mandato, sembrerebbero essere:
– Radoslaw Sikorski, attuale Ministro degli Esteri polacco, ufficialmente sostenuto dal suo Primo Ministro, Donald Tusk, e da tutti gli Stati membri NATO dell’Europa orientale;
– il Primo Ministro danese Anders Rasmussen, che però pare più interessato al posto di primo Presidente della nuova Unione Europea (una volta che entrasse in vigore il Trattato di Lisbona, previa una nuova consultazione referendaria nella riluttante Irlanda);
– gli ex ministri canadesi della Difesa Peter MacKay e degli Esteri John Manley, la cui designazione violerebbe però la consolidata tradizione che a guidare la NATO sia sempre un europeo;
– in pole position, ci sarebbe comunque Solomon Passy, fondatore del Club Atlantico di Bulgaria dopo la caduta della Cortina di Ferro e Ministro degli Esteri nel governo dell’ex re Simeone (2001-2005).
Lo scorso ottobre, Passy ha rilasciato una dichiarazione secondo la quale è auspicabile che il processo di allargamento della NATO non si interrompa prima che altri Paesi dei Balcani (Macedonia, Serbia, Bosnia Erzegovina e lo stesso Kosovo) diventino membri. “Se questo accadesse, un terzo degli Stati membri della NATO sarebbero nei Balcani…”.

4 thoughts on “TotoNATO

  1. Deputy Defense Minister Stanislaw Komorowski said in an interview with Russian popular daily Vremya Novostei (…) that Poland is a full-fledged NATO member as it has been in the organization for 10 years now, adding that Polish Foreign Minister Radoslaw Sikorski would be a good candidate to replace NATO Secretary General Jaap de Hoop Scheffer, whose five-year term expires this year.

    “We are by far not new members of the alliance, but its participants. Poland has sent some 3,000 peacekeepers on various missions abroad,” he said.

    http://en.rian.ru/world/20090225/120286160.html

    "Mi piace"

  2. Non so se la Serbia entrerà a far parte della NATO. Quasi sicuramente prima o poi, la Serbia, sarà un membro dell’unione Europea, ma non credo che i Serbi potrebbero combattere contro la Russia.
    Saluti

    "Mi piace"

  3. MacKay?

    (ASCA-AFP) – Bruxelles, 10 mar – Gli Stati Uniti sono indecisi sulla candidatura da sostenere per il futuro segretario generale della Nato, incarico ricoperto attualmente da Jaap de Hoop Scheffer. A dirlo il vice presidente americano Joe Biden, smentendo la notizia secondo la quale Washington avrebbe scelto di sostenere il ministro della Difesa canadese Peter MacKay.
    ”Gli Stati Uniti non hanno ancora preso una decisione – ha ribadito Biden al termine dell’incontro avvenuto a Bruxelles con gli alleati della Nato – si tratta di una questione che richiede consenso”. Biden ha comunque affermato che ”qualsiasi Stato membro della Nato dovrebbe essere in grado di esprimere un candidato per la carica di segretario generale”.
    Secondo il Washington Post, Biden avrebbe spinto la candidatura di MacKay agli alleati europei, ma lo stesso ministro canadese si e’ detto sorpreso della notizia definendola una vera e propria ”novita”’.

    "Mi piace"

  4. Rasmussen?

    Roma, 11 mar. – (Adnkronos) – Il premier danese Anders Fogh Rasmussen rappresenta “un ottimo candidato” per fare il segretario generale della Nato e se la Turchia ha delle riserve deve essere “rassicurata”. A chiarire la posizione dell’Italia sulla successione all’olandese Jaap de Hoop Scheffer e’ il ministro degli Esteri Franco Frattini, al termine di un’audizione davanti alle commissioni Esteri di Camera e Senato sulla conferenza Durban 2. “Rasmussen e’ un ottimo candidato, credo che abbia esperienza, competenza e soprattutto equilibrio, dote fondamentale per il ruolo di segretario generale della Nato – afferma il titolare della Farnesina – ci sono consultazioni in corso, noi tradizionalmente esprimiano la preferenza per un candidato europeo”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.