Eccesso di democrazia

Karzai

Roma, 7 ottobre – Dati dell’ONU sulle elezioni presidenziali in Afghanistan mostrano che i voti ufficiali in certe zone superano il numero dei votanti. Nella provincia meridionale di Helmand, dove 134.804 voti sono stati registrati, le Nazioni Unite stimano che solo 38.000 persone abbiano votato.
La Commissione elettorale indipendente ha riportato che 212.405 voti validi sono stati depositati nelle urne nella provincia di Paktika, fra i quali 193.541 per Karzai. I votanti sarebbero stati solo 35 mila.
(ANSA)

Dal rapporto del Washington Post emerge anche che in diverse province in cui ha vinto il principale sfidante di Karzai, Abdullah Abdullah, vi sono stati brogli “al contrario”: nella provincia di Balkh hanno votato 450.000 persone, ma allo spoglio sono risultati solo 297.557 voti.
Possiamo, quindi, meglio definirli come “travasi di democrazia”.
Ad ogni buon conto questi incorreggibili afghani si meritano proprio una tutela straniera, militare e non, che sia la più lunga possibile.

[Qui la cartina con le “discrepanze” voti/votanti per area geografica]

11 thoughts on “Eccesso di democrazia

  1. “brogli significativi e diffusi”

    (ASCA-AFP) – Kabul, 11 ott – Frodi ”’significative” e ”diffuse” alle elezioni in Afghanistan. E’ stato il giudizio dell’inviato speciale dell’Onu, Kai Eide, che dopo le dimissioni del suo vice, Peter Galbraith, era stato accusato di voler nascondere l’evidenza emersa dalle indagini in corso. ”E’ vero che in un certo numero di seggi elettorali nel sud e nel sud-est ci sono state frodi significative”, ha detto Eide in una conferenza stampa, sottolineando che le dimensioni dei brogli devono ancora essere verificate.
    ”E’ stato detto che le frodi riguardavano il 30% dei voti, ma allo stato attuale e’ impossibile definirne l’entita’.Possiamo solo dire che i brogli sono stati diffusi”.
    Visibilmente seccato, l’inviato dell’Onu ha aggiunto che le dichiarazioni di Galbraith ”hanno riportato il contenuto di conversazioni private fatte a casa mia e che tali dovevano restare”. Era stato lo stesso segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon, a rimuovere Galbraith, che era passato immediatamente all’offensiva, giudicando la decisione un ”segnale terribile” sulla posizione del Palazzo di Vetro rispetto all’indagine sui brogli elettorali.

    "Mi piace"

  2. mille di queste elezioni!

    (AGI) – Kabul, 12 ott. – I risultati definitivi delle presidenziali afghane del 20 agosto scorso saranno annunciati entro la fine della settimana e con ogni probabilita’ la contestata riconferma di Hamid Karzai verra’ confermata. Lo ha annunciato la Commissione per i reclami elettorali (Ecc), che ha anche ricambiato in meno di una settimana le regole di verifica delle schede in modo da favorire ulteriormente Karzai: il riconteggio infatti, si limitera’ a prendere atto delle irregolarita’ senza considerare qual’e’ il candidato che se ne e’ avvantaggiato di piu’.
    Secondo le vecchie regole Karzai si sarebbe trovato con circa 520.000 schede falsificate a suo favore. Ora la Commissione ne potra’ trovarne anche piu’ di un milione ma il presidente se la caverebbe comunque. Lo scorso mercoledi’ l’Ecc aveva deciso di addebitare i brogli a ciascun candidato, in modo da penalizzare chi aveva tratto maggiori vantaggi dalle irrregolarita’. Questo avrebbe colpito in particolare Karzai e reso piu’ probabile il ballottaggio. “Avevamo sbagliato a interpretare le regole”, ha spiegato il canadese Gran Kippen, funzionario Onu e uno dei 4 membri superstiti della Commissione.
    Per gli osservatori dell’Unione Europea vi sono sospetti di brogli su almeno un milione e mezzo di schede , di cui oltre un milione votate a favore del presidente uscente. Secondo i risultati preliminari sinora diffusi, Karzai sarebbe stato riconfermato al primo turno col 54,6% di voti contro il 27,8% del suo principale rivale, l’ex ministro degli esteri Abdullah Abdullah.. Nel mentre la Eec ha perso uno dei due afghani: si e’ dimesso Mustafa Barakzai, vicino a Karzai, denunciando che l’organo e’ soggetto a interferenze straniere.

    "Mi piace"

  3. probabile ballottaggio Karzai-Abdullah

    (ASCA-AFP) – Washington, 16 ott – Dopo le polemiche sui brogli elettorali alle elezioni del 20 agosto scorso, Said Tayeb Jawad, ambasciatore dell’Afghanistan all’Onu, ha detto per la prima volta che e’ ”probabile” un secondo turno delle presidenziali. Jawad, che ha precisato di non aver parlato direttamente con le autorita’ elettorali, ha rivelato che presto potrebbe arrivare un annuncio ufficiale.
    Il funzionario, che e’ stato capo dello staff di Karzai e segretario del servizio stampa, e’ la prima personalita’ vicina all’entourage del presidente afgano a parlare pubblicamente dell’eventualita’ di un ballottaggio. ”Un ballottaggio” tra Hamid Karzai e il suo principale sfidante Abdullah Abdullah (ex ministro degli Esteri) e’ uno ”scenario piu’ che probabile” , ha affermato Jawad intervenendo all’Institute of Peace degli Stati Uniti.

    "Mi piace"

  4. Slitta Ancora Annuncio Su Risultati Definitivi Elezioni

    Kabul, 17 ott. (Adnkronos/Dpa) – Slitta ancora l’annuncio dei risultati elettorali definitivi in Afghanistan. La Commissione per i Reclami Elettorali (ECC) non ha potuto infatti completare i controlli sull’esito del voto di agosto e non riuscira’ – come auspicato – a presentare entro oggi le proprie conclusioni alla Commissione Elettorale Indipendente (IEC).

    "Mi piace"

  5. due mesi per il primo turno, quanti per il secondo?
    tutto tempo guadagnato per gli strateghi militari…

    (AGI) – Kabul, 19 ott. – L’Afghanistan si incammina verso un ballottaggio tra il presidente uscente, Hamid Karzai, e l’ex ministro degli Esteri, Abdullah Abdullah. La Commissione per i reclami (Ecc) ha presentato il suo rapporto “finale e vincolante” sul riconteggio parziale dei voti alla Commissione elettorale indipendente. Nel testo si chiede l’annullamento del voto in 210 seggi su 350 esaminati in cui sono state trovate “prove chiare e convincenti” di brogli. La Commissione non ha dato indicazioni su come cambieranno i risultati, ma l’organizzazione Usa di osservatori Democracy International ha riferito che la percentuale di Karzai e’ stata ridotta dal 55,6% dei dati preliminari al 48,3%, perche’ un milione di schede a suo favore sono state giudicare non valide. Abdullah salirebbe invece dal 28% al 31,5%. Di qui la richiesta che si vada al ballottaggio, come prevede la legge elettorale afghana nel caso in cui nessun candidato superi il 50%.

    "Mi piace"

  6. “cercheremo”

    (ANSA) – ROMA, 21 OTT – Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha detto alla Bbc che si dovranno rimuovere 200 funzionari coinvolti nei brogli in Afghansitan. ”Cercheremo di rimpiazzare tutti i funzionari che non hanno seguito le linee guida o che sono stati complici delle procedure di frode”, ha detto Ban Ki-moon. Per il prossimo turno, dunque, ”cercheremo di visitare tutti i seggi, per essere certi che frodi del genere non possano piu’ accadere”.

    "Mi piace"

  7. meno affluenza = meno frodi

    (ASCA-AFP) – Kabul, 21 ott – ”Il secondo turno di elezioni non sara’ perfetto. Questo e’ un paese in conflitto e dobbiamo ricordarlo”. Lo ha detto alla tv Al-Jazeera l’inviato speciale dell’Onu in Afghanistan, Kai Eide.
    Di fronte ad un possibile astensionismo e a nuovi casi di corruzione che potrebbe inquinare anche i risultati del secondo turno, Eide ha detto che e’ ”normale” che al secondo turno ci sia meno affluenza che al primo, ma che anche i casi di frode saranno di sicuro ”meno numerosi dell’ultima volta”.

    "Mi piace"

  8. “Irrealistico Pensare Che Non Ci Saranno Frodi”

    (ASCA-AFP) – Bratislava, 23 ott – Anche se le autorita’ afgane hanno promesso di rimuovere coloro che hanno lavorato nei seggi dove si sono verificate delle frodi al primo turno, non e’ realistico pensare che al ballottaggio del prossimo 7 novembre non si verificheranno brogli.
    Lo ha detto l’inviato speciale dell’Onu, Karl Eide, parlando con i giornalisti a Bratislava, a margine di un meeting dei ministri della Difesa della Nato. ”La Commissione elettorale indipendente mi ha assicurato che tutto lo staff coinvolto nella frodi o quello impegnato nei seggi dove si sono verificate non verra’ reclutato”, ha detto Eide, aggiungendo che i brogli non potranno essere eliminati del tutto. ”Quello che mi aspetto e’ una riduzione del livello delle frodi”.
    Secondo Eide, il ballottaggio sara’ piu’ semplice da organizzare, visto che in corsa ci sono solo due candidati invece di 41 e che non ci sono seggi per le elezioni provinciali. Le sezioni avranno bisogno di circa 50-60 mila impiegati, contro i 160 mila che furono necessari lo scorso agosto per il primo turno.

    "Mi piace"

  9. Pingback: Notizie dai blog su Afghanistan, famiglie in fuga dall'Helmad

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.