La più grande democrazia

Washington, 29 gennaio – E’ scandalo ad Haiti. Su Facebook sono apparse le foto di alcuni dottori di una missione di aiuto di Porto Rico immortalati mentre bevono, sorridono e agitano armi da fuoco tra le vittime del terremoto. E’ quanto riferisce la CNN.
Teatro dell’episodio l’ospedale da campo di Jimani nella Repubblica Dominicana, a pochi chilometri oltre il confine con Haiti. Qui il Senato del piccolo territorio statunitense ha inviato subito dopo il sisma del 12 gennaio una missione di circa 100 medici.
(AGI)

New York, 30 gennaio – Gli Stati Uniti hanno sospeso l’evacuazione dei feriti più gravi da Haiti in attesa che si definisca la questione di chi pagherà per le loro cure. La decisione è stata presa dopo che il governatore della Florida, Charlie Crist, ha chiesto formalmente che il governo federale si faccia carico di una parte dei costi sostenuti per assistere più di 500 haitiani.
(AGI)

Ghazni, 30 gennaio – Truppe della NATO si sono scontrate con soldati afghani loro alleati, e hanno chiesto l’intervento aereo, uccidendo quattro militari afghani e ferendone altri sei. Lo riferiscono oggi le autorità provinciali.
Shahedullah Shahed, portavoce del governatore della provincia di Wardak, a sudovest di Kabul, ha detto che le forze straniere e le truppe afghane erano impegnate in operazioni venerdì sera nella provincia, quando hanno iniziato a spararsi addosso.
“Quattro soldati dell’esercito sono stati uccisi e altri sei feriti quando un attacco aereo delle forze straniere ha colpito la loro postazione”, ha detto il portavoce. “Non sappiamo perché sia accaduto, ma è profondamente disdicevole”.
Il portavoce ha aggiunto che il raid aereo aveva mirato a una postazione dell’esercito afghano nell’area che era stata da installata da poco.
La forza ISAF della NATO ha confermato che “un incidente” è accaduto tra le forze di sicurezza occidentali e quelle afghane, ma non ha voluto fornire ulteriori dettagli.
“Stiamo lavorando con il ministero della Difesa per stabilire i fatti”, ha detto il luogotenente dell’esercito USA, Nico Melendez, un portavoce del contingente ISAF.
(Reuters)

Port -au- Prince, 31 gennaio – La polizia haitiana ha arrestato dieci cittadini statunitensi, sospettati di traffico di bambini. I dieci, facenti parte di un’associazione benefica che aveva messo in piedi un rifugio per un centinaio di bambini vittime del sisma in un hotel a Cabarete, nella Repubblica Dominicana, non avevano alcuna autorizzazione a trasferire i minori fuori da Haiti. “Questo si chiama rapimento, non adozione”, ha detto il ministro degli Affari Sociali haitiano, Yves Christallin.
(AGI)

Croix des Bouquets (Haiti), 31 gennaio – La quasi totalità dei 33 bambini che 10 membri di un’organizzazione cristiana dell’Idaho volevano portare via dall’isola non aveva perso i genitori. E’ quanto denuncia il direttore di Sos Childrens Village, Patricia Vargas.
L’ambasciata americana a Port-au-Prince ha intanto reso noto che i dieci, del centro New Life Children’s Refuge, sono stati incriminati per “violazione delle leggi haitiane sull’immigrazione” dopo essere stati fermati al confine con la Repubblica Dominicana su un autobus con a bordo 33 bambini dai due ai 14 anni senza documenti.
(AGI)

Washington, 1 febbraio – L’austerity a cui Barack Obama ha improntato il budget che presenterà oggi al Congresso non ha toccato la guerra, anzi le guerre in Afghanistan ed in Iraq per le quali saranno stanziati oltre 160 miliardi di dollari. “Una cifra molto più alta di quella che il presidente sperava di spendere quando è stato eletto, solo di poco inferiore di quanto stanziato negli ultimi anni dell’amministrazione Bush” commenta oggi The Politico.
(Adnkronos)

2 thoughts on “La più grande democrazia

  1. Obama annuncerà lunedì la sua proposta di legge finanziaria per l’anno fiscale 2011, che inizia il 1 ottobre, e ha detto che includerà un piano triennale di tagli alla spesa in alcuni programmi nazionali.

    “Lanceremo un impegno senza precedenti per sradicare gli sprechi, l’inefficienza, e la spesa non necessaria nel nostro governo, e ogni americano potrà vedere come e dove spendiamo i dollari dei contribuenti“, ha detto Obama.
    http://it.notizie.yahoo.com/4/20100130/tts-oittp-obama-deficit-ca02f96.html

    ecco, appunto:
    https://byebyeunclesam.wordpress.com/2009/09/29/il-bilancio-occulto-della-difesa-americana/

    Mi piace

  2. “siamo in guerra”

    (AGI) – Washington, 1 feb. – Non e’ il bilancio di un’economia di guerra ma ci si avvicina. Barack Obama ha chiesto al Congresso 708 miliardi di dollari per le spese della Difesa per l’anno fiscale 2011. “Siamo in guerra”, ha detto il presidente americano, lasciando intendere un quadro sostanzialmente immutato e, anzi, aggravato rispetto al 2001, quando al Qaeda attacco’ gli Stati Uniti e comincio’ la serie delle guerre in Asia. La somma per la Difesa include 159,3 miliardi di dollari per le operazioni militari in Iraq, Afghanistan e Pakistan.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.