Apocalisse soft

«Ho denunciato nei giorni scorsi la scarsa credibilità dell’allarme lanciato dagli apparati della sicurezza USA su imminenti attentati in Europa. Adesso constatiamo che questi attentati ci sono stati, ma nello Yemen. A 5mila chilometri di distanza da Berlino. E in forme alquanto deboli: un razzo contro un auto diplomatica e l’uccisione di un tecnico europeo che può forse essere legata al terrorismo» dichiara in una nota Pino Arlacchi, europarlamentare, ex vicesegretario generale ONU con incarichi di lotta al terrorismo e alla delinquenza internazionale.
«Come Apocalisse mi sembra un po’ troppo soft per giustificare il panico indiscriminato lanciato qualche giorno fa. Ma negli USA ci sono ormai oltre un milione di persone che campano su una industria della paura che fattura oltre 100 miliardi di dollari all’anno e che resterebbero senza lavoro se il terrorismo venisse trattato per quello che realmente è. Per non parlare poi dell’industria mondiale della comunicazione, che tiene su tirature e ascolti spaventando la gente», conclude Arlacchi.

Fonte: Eurasia

2 thoughts on “Apocalisse soft

  1. SAREBBE ASSURDO SE FOSSE IL CONTRARIO. L’INDUSTRIA DELLA PAURA è SEMPRE STATA MOLTO RICCA, E PER OVVIE RAGIONI. QUALCHE SECOLO FA LA FACCENDA ERA PIù SEMPLICE: la paura era reale e realistico era, per un contadino o per un cittadino, il rischio di venire depredati, attaccati, invasi, conquistati da bande di mercenari al soldo di questo o quel potente. ( Un pò come avviene in paesi come Iraq o Afghanistan, invasi da mercenari armatissimi, tanto quelli organizzati in “bande private” quanto quelli appartenenenti ad un Esercito della “Coalizione”. Per il momento, in UE e limitrofi ( con esclusione della Balcania) e nell’America del Nord, il rischio è considerato remoto. Questa è la ragione per la quale l’industria della paura ( armi di distruzione di massa, armi individuali, comunicazione terroristica [film, videocassette, videogiochi, Horror, Alieni etc…] tirano e tireranno sempre in attesa di qualche nuovo malanno atteso per il…… 2012.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.