Il Mullah morto sei volte

Lunedì tutte le televisioni del mondo, dalla CNN alla Tv di Stato iraniana alle nostre, hanno dato come notizia di testa la morte del Mullah Omar avvenuta in uno scontro coi servizi segreti pakistani. Poichè ho pubblicato un mese fa un libro sul Mullah delle televisioni e delle radio (private, io non ho accesso alla Tv pubblica, sono un cittadino di serie Bwin) mi hanno chiesto un parere. Mi sono messo a ridere. È esattamente la sesta volta che si dà il Mullah Omar per morto, catturato, arrestato, ucciso, accoppato, ferito, in fin di vita. Anche la notizia di lunedì era una bufala. Non era necessario essere degli esperti per capirlo.
(…)
Se fosse morto sarebbe stato un duro colpo. Per l’occidente. E per gli Stati Uniti in particolare. Nell’insurrezione afgana contro gli occupanti, il nucleo dei Talebani ‘duri e puri’ delle origini è ridotto all’osso. Molti sono morti in battaglia, alcuni sono stati fatti prigionieri. Alla guerriglia si sono aggiunti (oltre ai ‘giovani leoni’, ragazzi dai venti ai trent’anni che, a differenza di Omar e dei suoi compagni della prima ora, non hanno fatto l’esperienza della jihad contro i sovietici), i gruppi più svariati che più che un obbiettivo ideologico ne hanno uno molto pratico: cacciare lo straniero. Solo una personalità fortissima col prestigio di cui gode Omar può tenere insieme questa variegata galassia. Ma questo vuol dire anche che il Mullah Omar è l’unico interlocutore possibile per quella ‘exit strategy’ cui gli Stati Uniti pensano e lavorano da un paio di anni senza cavare un ragno dal buco proprio perchè, finora, si sono rifiutati di trattare col capo dei Talebani su cui hanno messo una taglia di 25 milioni di dollari senza trovare nessuno che fosse disposto a tradirlo. Ma se Omar non ci fosse, se morisse, qualsiasi accordo non potrebbe essere che parziale, con frammenti della guerriglia, mentre gli altri continuerebbero a combattere e si sarebbe punto e a capo.
Ma anche il Mullah Omar, oggi, ha interesse a trattare. Si è ripreso il 75 per cento del territorio ma più in là non può andare. Le grandi città, Kabul, Herat, Mazar-i Sharif, restano fuori dalla portata della guerriglia per l’enorme disparità degli armamenti. Tanto è vero che quest’anno i Talebani hanno rinunciato alla consueta ‘offensiva di primavera’ limitandosi a consolidare le proprie posizioni e a liberare, con un colpo magistrale, 500 loro militanti rinchiusi nella prigione di Kandahar.
La situazione è quindi di stallo. Per gli uni e per gli altri. Ma non può andare avanti all’infinito. Gli afgani hanno il tempo dalla loro, come sempre, gli Stati Uniti no, perchè per quella “guerra che non si può vincere” spendono, in un momento di crisi economica, 40 miliardi di dollari l’anno e immobilizzano 130 mila soldati (più i 40 mila degli alleati) mentre i bubboni del terrorismo, con tutta evidenza, sono altrove.
Trattare con il Mullah Omar? È possibile. Purchè ci si convinca che non è, e non è mai stato, un terrorista, che non è un criminale, nè un pazzo, nè un cretino e, a parte certa sua cocciutaggine, un uomo con cui si può ragionare. Ma se si continua a considerarlo un sodale di Bin Laden, quale non è mai stato tanto che quando nel 1998 il presidente Clinton gli propose di ucciderlo era d’accordo, se lo si bolla, come ha fatto la disinformatissima Tv di Stato Italiana, come ‘genero di Bin Laden’ (che ne abbia sposato una figlia è una, non innocente, fandonia occidentale), allora non si va da nessuna parte. E saranno gli afgani col tempo, con pazienza, come han fatto con gli inglesi nell’800 e con i sovietici trent’anni fa, a cacciare anche gli arroganti occidentali, senza nessuna ‘exit strategy’ ma con una fuga a rotta di collo tipo Vietnam.

Da Bufale sul Mullah Omar, di Massimo Fini.
[grassetto nostro]

3 thoughts on “Il Mullah morto sei volte

  1. “E saranno gli afgani col tempo, con pazienza, come han fatto con gli inglesi nell’800 e con i sovietici trent’anni fa, a cacciare anche gli arroganti occidentali, senza nessuna ‘exit strategy’ ma con una fuga a rotta di collo tipo Vietnam”.
    Chiaro come sempre, lucido nelle argomentazioni
    Per l’ultimo atto, vorrei esserci anch’io per godermi lo spettacolo come lo feci a suo tempo il 30/4/75, in bianco e nero, alla tv.

    "Mi piace"

  2. oggi tocca a “noi”:

    Herat (Afghanistan), 30 mag. – Attacco vicino al centro per la ricostruzione provinciale di Herat, nell’Afghanistan occidentale, gestito da soldati e da civili italiani. C’e’ stata una sparatoria e poi sono state udite due forti esplosioni, secondo quanto riferito dall’agenzia afghana Pajhwok. Nei dintorni sarebbero ancora in corso scontri a fuoco. Testimoni hanno riferito alla Reuters di aver visto i corpi di alcuni soldati stranieri.
    Un portavoce dell’Isaf e un portavoce del contingente italiano si sono limitati a confermare l’attacco, ma non hanno saputo riferire se vi siano vittime. Il Prt e’ una struttura mista composta da unita’ militari e civili con il compito di fornire sicurezza e supporto alle attivita’ di ricotruzione condotte dalle organizzazioni nazionali e internzionali operanti nella provincia e di sostenere le autoriota’ locali nel processo di stabilizzazione. (AGI)

    VIA GLI ASCARI DALL’AFGHANISTAN!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.