8 thoughts on “Vendesi penisola

  1. Le due vignette sono stupende, complimenti all’autore, domanda : posso stamparle e affiggerle sul muro perimetrale della casa in cui abito ( fino a quando non mi verrà espropriata da queste riforme in atto) ?

    "Mi piace"

  2. Grazie per la cortese risposta, domani li affiggerò sulla recinzione di casa mia antistante un”ambulatorio medico” e poi vedrò le reazioni dei passanti.

    "Mi piace"

  3. Comunque…. volevo aggiungere che questo atto del melodramma nazionale e’ gia’ andato in onda esattamente il 25 luglio del 1943,
    solo che li’ invece di monti i tedeschi acchiappano l’uomo stanco e sfiduciato e con le buone e le cattive lo mettono al suo posto cosi’ che coloro
    che non hanno capito la mediocrita’ del tizio si lascino abbindolare dalla sua retorica. Il secondo e’ peggio del primo, perche’ ancora piu’ vilmente consegna il paese all’ FMI, come se la sua inutilita’ fosse colpa di tutti e non sua. Se l’armistizio a quei tempi deve aver fatto tremare i nostri nonni,
    la consegna all’ FMI ci ha tolto il respiro. Il vecchio ottuagenario invece e’ sempre il redivivo “to badogliate”. Questi italiani vanno fatti a calci in culo! diceva “lui” e questi individui che per 20 anni hanno pascolato cosa hanno fatto per la patria se non abbandonarla nel momento del bisogno. Il loro motto era ” Me ne frego”. Allora come adesso li sostituiscono i collaborazionisti che rifugiatosi all’estero tornano per regolare i conti. Il pesce puzza sempre dalla testa.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.