Via le basi da Vicenza!

L’apertura della base Fontega per permettere ai militari statunitensi di fuggire dalle basi militari vicentine si inserisce nella campagna per rimpatriare i soldati lanciata giovedì scorso dal Presidio Permanente NoDalMolin. Un centinaio di attivisti ha aperto quest’oggi un varco di 40 metri nelle recinzioni di base Fontega dopo che, giovedì scorso, erano state distribuite agli statunitensi le valigie.
Base Fontega è situata nel cuore dei colli berici ed è un’installazione militare che gli statunitensi sostengono di utilizzare come deposito per vecchie munizioni. Se questo è vero, è giunto il momento di smilitarizzare boschi e prati per restituire l’area alle comunità locali; se questo non avviene, i militari devono spiegare ai vicentini quali segreti nascondono al di là delle recinzioni. Per esempio, devono spiegare perché hanno appena restaurato un bunker e decine di mezzi entrano ed escono quotidianamente dall’area, mentre proseguono i cantieri e l’installazione è sottoposta alla sorveglianza militare. O, forse, gli statunitensi spendono milioni di euro per ammirare piante e fiori dei colli berici senza il disturbo dei passeggiatori vicentini?
Abbiamo capito che i soldati statunitensi sono chiusi, a migliaia, nei recinti delle basi militari statunitensi; abbiamo intuito il loro desiderio di tornare dalle proprie famiglie, lasciando ai vicentini il territorio berico; per queste ragioni, gli abbiamo fornito le valigie e, quest’oggi, gli abbiamo aperto un varco.
La prossima iniziativa sarà il 21 ottobre a Site Pluto, con una passeggiata intorno alle recinzioni dell’installazione militare. Sarà una giornata per famiglie, una scampagnata sugli splendidi colli berici intorno alle recinzioni di un territorio nel quale vige il mistero e il segreto militare. Un’iniziativa alla vigilia della riunione del Comipar durante la quale quest’ultimo deve esprimersi sui nuovi progetti statunitensi che il Consiglio Regionale ha recentemente dichiarato irricevibili, impegnando il Presidente Zaia a sostenere la posizione di migliaia di vicentini contrari alle servitù militari statunitensi. L’iniziativa inizierà alle 12.00 con una polentata di fronte agli ingressi di Site Pluto.

Fonte

Annunci

8 thoughts on “Via le basi da Vicenza!

  1. Grande iniziativa. Bisognerebbe escogitare qualche cosa di nuovo che i militari dovrebbero fuggire disperati dalle loro mamme.

  2. Ma avete pensato all’eventualita’ che questi soldati possano essere utilizzati contro la popolazione? o contro gli attivisti che senza curarsi dei rischi vanno a fare queste escursioni? i tempi sono cambiati e anche le regole.

  3. Non voglio fare il guastafeste, ma mi sembra alquanto ingenuo il solo pensare che coloro che occupano l’italietta dalla fine della seconda guerra mondiale se ne andranno dalle “loro” basi solo perchè un centinaio di persone (coraggiose e perbene) chiedono questo. Temo che ci vorrà ben altro…non di sicuro saremo aiutati da politici che hanno il terrore di perdere la poltrona e tutto il “resto”, ci sarà qualche comizio, forse una, due interrogazioni parlamentari senza esito, ci diranno che ci vuole pazienza (tanta), i media (buoni quelli!) non ne parleranno affatto e tutto finirà nell’oblio, come sempre….
    Bye Bye

  4. gli attivisti NoDalMolin, essendo protagonisti di una lotta che è ormai pluriennale, conoscono bene i rischi ai quali vanno incontro.
    d’altro canto non sono certo così ingenui da pensare che gli occupanti a stelle e strisce prenderanno le valigie premurosamente preparate per loro… ma, dite voi, quali altre iniziative possono studiare per tenere alta l’attenzione sulla questione delle basi militari USA presenti nel territorio berico?
    fra l’altro, sabato 6 u.s. una loro delegazione è stata anche a Niscemi per partecipare alla manifestazione contro l’installazione del MUOS…

  5. Gli attivisti No DalMolin hanno la simpatia nostra e di larga parte dei cittadini di Vicenza, sopratutto per il coraggio che dimostrano, se, però, riuscissero a portare in “piazza” 2/3 mila persone in ogni manifestazione costringerebbero i media a parlarne, i politici dovrebbero, anche se obtorto collo, discuterne a livello se non altro regionale; Insomma, molte più persone sarebbero coinvolte anche nel resto d’italia e così si creerebbero maggiori pressioni e probabilmente risultati migliori.La mia non è certo stata una critica, anzi….
    Saluti.

  6. oddio, in alcune occasioni i NoDalMolin sono riusciti a mobilitare anche 10 volte tanto o più il numero delle persone che tu dici, senza che gli organi di disinformazione -soprattutto quelli a carattere nazionale- si siano sentiti “costretti” più di tanto a discutere delle questioni sul tappeto. e, del resto, dell’avvenuto sequestro su ordine della magistratura del MUOS a Niscemi quanti tele-radio giornali o quotidiani a larga tiratura hanno riferito, se non magari in microscopici trafiletti alla cinquantaduesima pagina?
    e comunque, alcuni tipi di iniziative, tipo quella presso Fontega, non abbisognano certo di masse oceaniche per essere realizzate, anzi…

  7. un po di numeri su alcune manifestazioni nazionali
    06/10/2012 quasi 6.000 partecipanti tra cui rappresentanti donne del no dal molin, dei no tav, no radar sardi, e i vari gruppi no muos della sicila oltre a nomi come rita borsellino

    13/10/2012 ravenna manifestazione contro la cmc – dalla parete della terra arrivati da più parti…… una fiumana

    13/10/2012 venegono superiore (VA) in 3000 manifestazione nazionale nessun M346 ad Israele contro gli aerei da guerra destinati ad Israele costruite dalla Aer Macchi partecipanti no f35 , rappresentanti no dal molin, no tav, personaggi come Alex Zanotelli
    http://manuelvignati.photoshelter.com/gallery/Aermacchi-13-10-2012/G0000be_ZmQxqvJs/

    qualcuno ne sapeva?ne hanno parlato? forse perchè le nostre armi sono state le dimostrazioni pacifiche di dissenso?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...