Colonia Italia puntata n. ?


Con uno scarno comunicato emesso lo scorso venerdì, 21 dicembre, il ministero della Giustizia nella persona del Guardasigilli uscente Paola Severino ha reso noto – “dopo una attenta valutazione” – che, in riferimento alle 23 richieste della Procura generale di Milano per l’estradizione dei cittadini statunitensi condannati in via definitiva nel procedimento per il sequestro di Abu Omar, soltanto una di esse sarà evasa.
A finire fra i “ricercati” sarà quindi Robert Seldon Lady, l’ex capo della stazione CIA a Milano, in quanto condannato a sei anni di pena.
Tutti gli altri componenti il gruppo d’azione – i quali peraltro avevano già goduto dell’applicazione dell’indulto da parte dell’autorità giudicante – rei di aver sequestrato, torturato e poi fatto scomparire l’imam egizio nel 2003, resteranno liberi e giocondi, grazie a un decreto ministeriale del gennaio 2000 e alle conseguenti circolari in materia che avrebbero consolidato la prassi di non richiedere l’estradizione dei soggetti condannati a pene inferiori ai quattro anni.
Insomma non sono trascorsi invano questi ultimi mesi, passati alla ricerca del cavillo giuridico idoneo a mascherare la sudditanza della “Repubblica Italiana” al padrone d’oltreoceano.
Buon Natale da Paola Severino. congedatasi con merito.
Federico Roberti

Annunci

7 thoughts on “Colonia Italia puntata n. ?

  1. Il padrone prima di tutto Guai a farlo innervosire. Pagare l’affitto sempre. In qualsiasi modo e la recente storia da Ustica ad oggi insegna. Buon natale agli oppressi. E a byebyeunclesam che ci permette di postare idee e commenti “diversi”

    Mi piace

  2. i tecnici di una colonia rispondono direttamente al potere del paese colonizzatore ! i miei più sentiti auguri di buon anno, questo che sta passando non è stato dei migliori e poi si è portato via Alberto. Un abbraccio, Giancarlo

    Mi piace

  3. “…temiamo che il prossimo possa essere in ininterrotta continuità con quello che sta concludendosi…”. Questa era buona!

    Per i delinquenti targati Cia: sarebbe scorretto pretendere una condanna solo per loro. In Italia mandiamo liberi criminali della peggior fatta, a prescindere dalla nazionalità. Queste assoluzioni sono forse un riflesso inevitabile del degrado complessivo delle nostre istituzioni.

    Mi piace

  4. perdona, Fausto, ma questi – una volta tanto, a differenza dei piloti del Cermis, che non hanno subito alcun processo in Italia – sono stati condannati, quindi non si tratta di mandare assolti criminali conclamati ma di far valere il proprio diritto a vederli scontare la pena inflitta.
    ma per ciò ci vorrebbe uno Stato in pieno possesso della propria sovranità…

    Mi piace

  5. dopo la precipitosa fuga da Panama, dove Bob Seldon Lady era stato arrestato dalle autorità locali lo scorso mese di luglio, in barba al ministro Cancellieri e al suo profondo rammarico
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/20/caso-abu-omar-seldon-lady-gia-negli-usa-cancellieri-non-ci-sono-spiegazioni/661378/

    ora fa pervenire a Giorgio NATOlitano la propria richiesta di grazia, non mancando di ricordare che all’epoca del sequestro Abu Omar “milioni di dollari” erano garantiti dagli Usa all’Italia per contrastare al Qaeda e che l’attività era “agli ordini dei funzionari Usa” ma “in collaborazione con alti membri del governo italiano”.
    http://www.huffingtonpost.it/2013/09/12/robert-seldon-lady-grazia_n_3914954.html?utm_hp_ref=italy

    si accettano scommesse sull’esito della domanda…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...