Washington chiama, Roma risponde

giorgio napolitano all'altare della patria

Secondo settennato per Giorgio NATOlitano.
Per completare il quadro manca solamente l’affidamento dell’incarico per formare il nuovo governo al Presidente del Centro Studi Americani.
Il servaggio continua.

Annunci

4 thoughts on “Washington chiama, Roma risponde

  1. Pingback: Napolitano bis: 2 BER al Colle. Bersani e Berlusconi per chiedere aiuto a “nonno massone”. Poi, 10 piccoli ‘amati’ indiani | Escogitur.it

  2. “Negli ultimi sette anni, infatti, il Quirinale è stato il vero punto di riferimento della Casa Bianca, e non solo per la corrispondenza protocollare delle cariche. Napolitano, come prima cosa, disponeva della certezza di un mandato settennale, a differenza dei capi del governo che andavano e venivano. Ma soprattutto dava garanzie di responsabilità, interna ed internazionale, con la sua propensione per la serietà fiscale, le riforme, l’Europa e l’ancoraggio atlantico del paese.”

    da Il sollievo degli Stati Uniti: “E’ il presidente della stabilità”
    http://www.lastampa.it/2013/04/20/italia/speciali/elezione-del-presidente-della-repubblica-2013/il-sollievo-degli-stati-uniti-e-il-presidente-della-stabilita-eDUXM9NKQ8l5NMiLv9Pf5J/pagina.html

  3. Durante il suo discorso di re-insediamento di fronte al Parlamento, Re Giorgio II (NATOlitano) ha testualmente affermato che chi critica l’impiego del dispositivo militare italiano nelle “missioni di pace” fa opera di disinformazione.

    il Partito Atlantico, in seduta plenaria, ha sonoramente applaudito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...