No al ricorso contro la revoca del MUOS

375111_572189666144909_1195483520_n

A Palermo, venerdì 10 Maggio dalle ore 9.00 in poi, dinanzi al TAR Sicilia, in via Butera angolo Piazzetta S. Spirito (Porta Felice/Foro Umberto I).
Partecipiamo numerosi, determinati ma ordinati, silenziosi ma decisi!
Noi diciamo NO al MUOS e al ricorso del Ministero della Difesa contro la Regione Sicilia e la revoca delle autorizzazioni per la costruzione del MUOS emessa dal governo Crocetta.

Dalle ore 9.00 in poi, presidio sit-in organizzato dal Comitato mamme NO MUOS in collaborazione con il Comitato di Base di Palermo.
Sono ammesse bandiere NO MUOS e striscioni, che possono essere piazzati sia in Piazzetta S. Spirito (di fianco Porta Felice-fronte Istituto Nautico), sia in via Butera di fronte il portone d”ingresso al TAR.

[A questa pagina del sito della giustizia amministrativa si trovano le specifiche del ricorso.
Il collegio giudicante è composto dal presidente Filoreto D’Agostino e dai consiglieri Nicola Maisano e Giovanni Tulumello – modifica del 9/5/2013, ore 14:35]

Annunci

9 thoughts on “No al ricorso contro la revoca del MUOS

  1. Il muos non deve passare. Gli americani si accontentino di quello che già hanno scippato ai siciliani con l’inganno.

  2. intanto a Roma, è arrivato un consumato attore…

    ROMA, 9 MAG – ”Siamo felici che siate venuti qui. C’e’ sempre stato un forte rapporto tra Italia e Stati Uniti”. Cosi’ il premier Enrico Letta ha salutato, in inglese, il segretario di Stato USA John Kerry e la delegazione americana che lo accompagna, prima di cominciare i colloqui bilaterali a Palazzo Chigi. (ANSA).

    ROMA, 9 MAG – Strappo al cerimoniale per John Kerry, il segretario di Stato Usa in visita a Roma. Arrivando a Palazzo Chigi per incontrare il premier Enrico Letta, il ministro degli esteri di Barack Obama ha colto tutti di sorpresa perche’ anziche’ entrare nel cortile d’onore dove era atteso, ha preferito scendere dalla Chrysler nera e blindatissima – sulla quale e’ arrivato preceduto e seguito da molti mezzi della polizia – percorrendo alcuni metri e varcando a piedi il portone della Presidenza del Consiglio dimostrando cosi’ di non temere per la sua sicurezza a nemmeno due settimana di distanza dalla sparatoria nella quale sono stati feriti due carabinieri. Si e’ trattato di un fuori programma, fanno notare sia persone del seguito di Kerry sia gli addetti delle forze dell’ordine che hanno vigilato sull’arrivo del segretario di Stato.
    Sempre fonti del suo seguito hanno detto che Kerry e’ rimasto molto colpito dalla sparatoria avvenuta il 28 aprile davanti a Palazzo Chigi e ha seguito la vicenda con partecipazione perche’ gli americani stimano molto i carabinieri soprattutto per come entrano in contatto con le popolazioni in zone da pacificare con gli interventi di peace-keeping. Kerry, non e’ un mistero, ama molto l’Italia e le vicende politiche di casa nostra sono state seguite con ancora maggiore attenzione in vista di questo viaggio tanto che la parola ”inciucio” e’ entrata anche nel suo vocabolario. (ANSA)

    nel pomeriggio sarà il turno della ministra degli Esteri Bonino, che siamo certi non ci deluderà…

  3. Ama molto l’italia? Se ci vuol bene è meglio che parta subito .e si porti dietro anche altra gente come lui.

  4. Perchè ci devono sempre consigliare, cosa si deve fare, cosa piace a loro che non facciamo, cosa dobbiamo pensare, chi dobbiamo sostenere. Ho un sogno. Napolitano che consiglia Obama (premio nobel per la pace) a fare, a dire, a non fare a non dire, che interviene nelle scelte politiche di Obama (pemio nobel per la pace) che minaccia Obama (pemio nobel per la pace) di ritorsioni se non si allinea. Quando finirà! Forse ce ne accorgeremo perchè i grandi e grossi quando cadono fanno un gran rumore. Spero presto.

  5. 500 militari amerikani a Sigonella. Noi, occupati e usati come sala di attesa di una stazione. Bettino dove sei? Bisogna aspettare ancora con pazienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...