Think3 è rinata dalle ceneri

Print

A tre anni dal crack e dopo una battaglia legale durissima con gli americani di Versata, un ex dipendente guida l’azienda informatica e cerca di ripartire dalle sue ceneri

Dal giorno del fallimento sono passati tre anni. Nel mezzo ci sono state battaglie legali intercontinentali contro un colosso americano dell’informatica, la messa al bando del curatore italiano dell’azienda dal territorio statunitense, l’intervento di due ministri dell’ex governo Berlusconi e la gestione aziendale più lunga che si ricordi da parte del Tribunale di Bologna. Ora la Think3, azienda informatica di Casalecchio che ha spostato la sede a Bologna, riparte sotto la guida di un suo ex dipendente, che da pochi mesi ha preso in mano il gruppo che aveva lasciato nel 2010.
Una vera e propria odissea, per quest’azienda che produce software di programmazione per l’industria meccanica e oggi, nonostante le peripezie, ha clienti come Faac, Honda, Toshiba, Alessi e Fiat. Certo le difficoltà non sono state indolori. Nata nel 1979 a Bologna come Cad Lab e poi trasferitasi a Casalecchio, ai tempi d’oro la Think3 è arrivata ad avere 500 dipendenti, impiegati in dieci filiali di tutto il mondo. Un patrimonio di conoscenze che nel 2010 passa sotto il controllo del colosso texano Versata, che però non evita il crollo: Think3 viene dichiarata fallita dal tribunale di Bologna nell’aprile 2011 quando l’azienda, che ha già attraversato anni di crisi, ha ancora 150 dipendenti.
È l’inizio della seconda vita di Think3, quella sotto la guida del tribunale e del curatore Andrea Ferri. Che oltre a portare avanti l’attività dell’azienda deve anche battagliare nelle aule di tribunale di mezzo mondo con Versata, che non intende mollare le preziose licenze dell’azienda bolognese. Ci sono procedimenti nei tribunali italiani e negli Stati Uniti, cause su cause, comunicati contro comunicati con cui l’azienda americana spiega ai clienti che sono loro i padroni dei software, mentre dall’Italia si replica che no, è a Casalecchio che bisogna rivolgersi.
Nel luglio 2011 l’assessore provinciale Graziano Prantoni scrive ai ministri del governo Berlusconi Paolo Romani (Sviluppo economico) e Franco Frattini (Affari esteri) per chiedere il loro intervento. Quest’ultimo risponde assicurando che «è stata interessata la nostra ambasciata a Washington». Mentre dagli Stati Uniti si cominciano le procedure per bandire dal territorio il curatore fallimentare. «C’è stato un enorme spiegamento di forze da parte di Versata, con un gran numero di advisors e legali impegnati», racconta Ferri. Solo a fine 2013 si raggiunge un accordo, che fa cessare le ostilità tra i due gruppi e consegna le licenze agli italiani.
Oggi la Think3 cerca di rinascere con 40 persone divise tra Bologna, Francia e Giappone. Ma alla sua guida c’è Tom Davis, uno degli ex dirigenti dell’azienda (richiamato dopo il fallimento da Ferri) che prima di andarsene seguiva da Hong Kong le attività cinesi di Think3. Oggi 39enne, di origine inglese ma vissuto per la maggior parte in Italia, Davis fa il pendolare tra Torino, dove abita, e Bologna, dove l’azienda si è trasferita e dove oggi lavorano una ventina di persone. «La maggior parte dei dipendenti, quasi tutti informatici, con la crisi ha trovato un altro lavoro», racconta Davis. «Ora fatturiamo circa 7/8 milioni di euro, non lontano dai livelli della vecchia Think3, e continuiamo a investire in ricerca per sviluppare nuovi prodotti», continua.
«Ogni tanto – sottolinea Ferri – è bello dire che nonostante un fallimento si possa ancora creare business. Think3 è rinata dalle ceneri e gode di buona salute».
Marco Bettazzi

Fonte
[Il collegamento inserito è nostro]

Annunci

2 thoughts on “Think3 è rinata dalle ceneri

  1. Meno male che in questa serva italia ci sono ancora persone che hanno il coraggio di lottare per se stessi e per le loro famiglie. Sono un esempio per tutti coloro che hanno perso ogni speranza. GRAZIE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...