Ci vogliono invadere una seconda volta?

obama-poland-troops-europe-1.siPrima tappa della visita nel Vecchio Continente in occasione del settantesimo anniversario dello sbarco in Normandia, il premio Nobel per la pace arriva in Polonia.
E promette un miliardo di dollari per rafforzare il dispositivo militare USA/NATO in Europa orientale, a fronte della crisi ucraina.
Ci vogliono invadere una seconda volta?

Annunci

11 thoughts on “Ci vogliono invadere una seconda volta?

  1. Beh, dal vero stato canaglia per eccellenza cosa ci si può aspettare?
    Agli Usa manca il non aver mai avuto bombardamenti in casa propria, ma c’è sempre una prima volta.
    Ricordo che non molto tempo fà, il ministro della difesa russo Lavrov disse che la Federazione Russa è perfettamente in grado di ridurre gli Stati Uniti in un cumulo di cenere radioattiva….

  2. Lo stanno facendo con il favore dei nostri governanti, presidente in testa. Ci hanno venduti allegramente e per causa di Obama peggioriamo i nostri scambi con la Russia. Saranno pochi ma togli anche quelli…

  3. Allegri ragazzi, non tutto il male viene per nuocere, cerchiamo di essere un poco più positivi. Magari forse non domani, forse ci vorranno quattrocinque anni ma la caduta del grande lestofante è alle porte…..Ma non vi siete accorti che il tapiroobamico è in completa confusione, corre di qui vola di la ma la situazione si fa sempre più intricata ( per LUI : il lestofanbycolor) e la paranoia aumenta, aumenta ecc.- e questo è niente al confronto di quello che succederà quando metà mondo o giù di li comincerà ad usare il Rublo e Renmimbi per gli scambi commerciali, e già ci siamooooo, allora si che ne vedremo delle belle, come si suol dire.
    Saluti e a presto. Piero

  4. @ StufoMarcio.

    Non interpretare questa mia mia come un rimprovero o una polemica, ma hai mai sentito parlare della «dottrina della mutua distruzione assicurata»? E’ quella teoria secondo cui se gli USA avessero lanciato per primi contro l’URSS, questa avrebbe avuto il tempo di lanciare a sua volta prima dell’arrivo del primo missile e le due nazione si sarebbero distrutte vicendevolmente. E’ il fondamento della Guerra Fredda, l’equilibrio del terrore, il motivo per cui c’è stata la crisi dei missili a Cuba e, in parte, uno dei motivi per cui siamo ancora vivi (visto che una guerra nucleare globale non c’è stata). Lavrov può dire quello che vuole, ma, anche se la Guerra Fredda è finita (ufficialmente, anche se è evidente che non è così), il principio di MDA è ancora valido. Specie ora che ci sono anche la Cina e l’India di mezzo.

  5. Il fatto preoccupante è che queste cose le dica un fine diplomatico ed intellettuale come Serghei Lavrov e non un simpatico “birichino” come Dmitry Rogozin.
    Il Pio Orsacchione è stato provocato in tutti i modi possibili ed immaginabili, hanno detto che è solo un animale e gli hanno profanato un paio di Chiese e segato un paio di Crocifissi, gli hanno rubato il miele vicino alla tana, hanno tentato di sodomizzargli i cuccioli, adesso gli ammazzano Orsacchiotti cugini nel Dombass per cui ora è MOLTO INCAZZATO è uscito dalla tana con un metro a rotella ed ha tracciato un cerchio intorno, chi si troverà dentro il perimetro verrà sbranato senza preavviso e sarà fortunato se morirà sul colpo e non per dissanguamento per un paio di arti a scelta strappati.
    Ivan

  6. Certamente mi ripeto, ma per Obama noi europei siamo pericolosamente vicini alla Russia e quindi in grave pericolo. Quindi bisogna stare sotto il suo tacco, lustrargli le scarpe perchè è lui che ci difenderà a costo della nostra libertà. Un paese occupato dagli Usa è un paese libero… non lo sapete? A Camp darby a Pisa organizzano la festa d’estate aperta a tutti. Eppure ci sarà qualcuno che per mangiare andrà in braccio a zio Tom e all’ingresso come amico simpatizzante si farà perquisire fino nelle mutande per godere della amicizia dell’imperatore. Bah!

  7. Il mito della liberazione americana dell’Europa

    “Nel giugno 2004, all’epoca del 60° anniversario (e primo decennale celebrato nel XXI secolo) dello sbarco alleato in Normandia, alla domanda “Quale è, secondo voi, la nazione che più ha contribuito alla disfatta della Germania”, l’Ifop [Institut français d’opinion publique, agenzia francese di indagini statistiche e di mercato, ndt] diffuse una risposta rigorosamente inversa da quella raccolta nel maggio 1945: cioè rispettivamente 58 e 20% per gli Stati uniti e 20 e 57% per l’Urss. Tra la primavera e l’estate 2004 c’èra stato un martellamento sul fatto che i soldati americani avevano, dal 6 giugno 1944 al 8 maggio 1945, attraversato l’Europa “occidentale” per restituirle l’indipendenza e la libertà rubata dall’occupante tedesco e minacciata dall’avanzata dell’Armata rossa verso ovest. Sul ruolo dell’Urss, vittima di questa “tanto spettacolare [inversione di percentuali] nel tempo”, non ci furono domande. Il 2014 (e il 70°) promette anche di peggio nella rispettiva presentazione degli “Alleati” della Seconda guerra mondiale, con sullo sfondo le invettive contro l’annessionismo russo in Ucraina e altrove.”

    http://www.resistenze.org/sito/te/cu/st/custef04-014594.htm

  8. @ StufoMarcio

    Grazie per la segnalazione, anche se in realtà sia su donchisciotte che su global research si parla più che altro dello scudo spaziale esteso sull’Europa, e di come gli USA si mettano al sicuro da una ritorsione in questo modo. Se vogliamo, una giustificazione per le affermazioni di Lavrov la si può trovare di più in questi articoli su Aurora

    https://aurorasito.wordpress.com/2014/05/09/il-ritorno-di-star-wars/

    e

    https://aurorasito.wordpress.com/2014/04/04/il-deterrente-definitivo-come-funziona-il-sistema-perimetro-russo/

    dove si parla rispettivamente del corrispettivo russo dello scudo spaziale e del sistema Perimetro, una sorta di “Ordigno Fine del Mondo” di kubrickiana memoria. Il che però riporta tutto ad un sostanziale equilibrio, non più basato sulla quantità di testate, ma sui mezzi per neutralizzarle e su quelli per neutralizzare il neutralizzatore. Sembra che, per quanto riguarda la Guerra Fredda, “non si esca vivi dagli anni ottanta”…
    Grazie di nuovo.
    Ciao

  9. Che l’invasione della prima volta, aveva lo scopo come si è compreso successivamente, di creare una base nel mediterraneo. La scusa di Hitler regge, ma fino ad un certo punto. Poi come sappiamo, hanno sempre operato in modo subdolo, per sottometterci. Gli ultimi atti stanno tutti li a dimostrarlo.
    A parte queste considerazioni, personale… Vorrei far osservare che, Russia/Cina/india e la combriccola dei BRICS, si stia allontanando dal dollaro. Ergo, se la stampante Amerikana, smette di stampare (vedi tapper) se il mondo chiede meno dollari e, la minaccia di inondare il mercato Americano di dollari si realizza, gli americani si trovano in un grosso pasticcio.
    Certamente le cose a mio avviso possono più facilmente succedere negli USA, in quanto le tasse e gli interessi che entreranno, sono in misura molto minore per non solo le industrie ma anche per le Pensioni che venngono elargite, dai vari enti privati pensionistici.
    E’ verissimo, che tentano in tutti i modi di accaparrarsi ancora le bricciole degli europei, ma il sistema monetario, sta pericolosamente cambiando e qui, a differenza di altri staterelli… Vedi Libia, Iraq, ed altri…. abbiamo dei pesi massimi. Curioso che alla riunione del Bilberg, non era stato invitato nessun industriale europeo, Ucraina? SAnzioni?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...