La Novorussia è prima di tutto un ideale

novorossia

“E poi sì, abbiamo ottenuto dei successi; abbiamo respinto il nemico e loro si sono ritirati. Ma ogni volta sono ritornati più numerosi e meglio armati. Ecco un chiaro esempio di questa tipica situazione operativa. Una volta loro hanno stabilito un posto di blocco a Staraya Krasnyanka, fra Kremennoye e Rybezhnoye. Noi lo abbiamo distrutto dieci volte. Un giorno lo distruggevamo, il giorno dopo era già ricostruito con una nuova guarnigione. Gli Ukri portavano via i corpi con dei camion Kamaz e detto fatto portavano un nuovo contingente, nuovi uomini che diventavano corpi il giorno dopo.
Si ha l’impressione che questi uomini non avessero idea di quel che succedeva. I nuovi arrivati ignoravano quello che era successo alla guarnigione precedente. Erano del tutto ignari del loro futuro. Mi chiedo spesso che cosa si aspettassero questi quando arrivavano, ma è un mistero. Erano circondati da chiari segni di una recente lotta: i trasporti, il posto di blocco, tutto era sporco del cremesi del sangue rappreso. Queste nuove forze erano uomini senza colpa: obbligati al servizio, e minacciati con il carcere; i disertori finiscono in prigione per sette anni. Uno non può rinunciare a vivere per sette anni. Partono, sperando di sopravvivere.”

“Oggi l’obiettivo principale è preservare al massimo la vita delle nostre truppe. Perché questi uomini, inquadrati nelle varie unità, sono i custodi della Volontà Popolare. Perché questi uomini saranno le basi, le colonne, di tutto ciò per cui combattiamo, ed è proprio per questo che li prendono di mira: loro possono creare un Governo, una Amministrazione Popolare, una forza di sostegno. Loro sono assolutamente essenziali per il nostro futuro e questo è il motivo per cui io desidero sopra ogni cosa proteggere le loro vite.”

“Come posso descrivere questa idea? Coscienza. Questo è quello che un uomo deve avere: una coscienza. Onore e dignità, virtù, rettitudine. Tutto il resto sono chiacchiere. La cosa principale è avere una coscienza, preferibilmente senza macchia. La guerra mette continuamente alla prova la coscienza, la sottopone a tentazione. E’ un continuo giudizio di coscienza e di virtù. La guerra è una cartina tornasole. Ogni persona si mostra chiaramente per quel che è, sia un fantaccino o un generale.
Alcuni traumi alla società sono necessari, ma la guerra è male.”

“Oggi la cosa più importante è resistere per vincere, per dimostrare che non siamo un gregge, che non siamo una massa biologica (come dice la Timoshenko) ma persone, individui. Siamo il Popolo. Siamo pronti a costituire un governo che tenga fede alle sue promesse.”

“Quando la Guerra è iniziata non esisteva qualcosa chiamato Novorussia. Questo concetto è sorto nel corso delle battaglie ed ora cresce, e cresce ancora, e si riempie di significato. Ora la Novorussia non è solo un territorio, è prima di tutto un ideale. Libertà e Coscienza. Questo è e sarà la nuova Russia“.

Da Intervista al comandante “Most”, alias Alexey Borisovich Mozgovoj, esponente di spicco della Resistenza novorussa ai golpisti euro-atlantici di Kiev, a capo della Brigata Prizraki (“Fantasmi”) dell’esercito della Repubblica Popolare di Lugansk, estremo lembo orientale dell’Ucraina.

Annunci

5 thoughts on “La Novorussia è prima di tutto un ideale

  1. e poi, questa lucidissima analisi della situazione sul campo:

    “La verità è che quello che si sta giocando non è un match a due che finisce in un termine prestabilito. Piuttosto siamo di fronte ad una partita a scacchi senza scadenze, che si svolge contemporaneamente, come nelle futuribili scacchiere del telefilm Star Trek, su piani diversi che però interagiscono fra loro. La guerra civile Ucraina, che sul campo è sia uno scontro identitario che una rivolta per una più equa distribuzione dei redditi, allargando la visuale diviene un episodio dello scontro fra Stati Uniti e Russia per un rapporto privilegiato con l’Europa Occidentale e, ad un livello ancora più alto, di quello fra due ipotesi di globalizzazione: unipolare e multipolare. Tutti questi scontri sono reali e coesistono interagendo. La naturale conseguenza di tutto questo è che il momento in cui potremo verificare chi ha vinto e chi ha perso sarà preceduto da una serie di snodi parziali, in cui uno dei contendenti potrà dire di avere mangiato un pezzo all’avversario, di avere raggiunto un obiettivo su uno dei piani in cui si gioca la partita.

    La nostra disgrazia è che di fronte al Grande Scacchista, al un freddo calcolatore che si muove accorto sacrificando qualche pedina per una strategia di lungo respiro come il sig. Spock, il logico alieno del noto telefilm, gli occidentali fanno la figura del dott. Mc Coy, il suo impulsivo avversario destinato alla sconfitta prima ancora di iniziare la partita.”

    da http://voltideldonbass.wordpress.com/2014/09/02/giocare-a-scacchi-con-mr-spock/

  2. altra importante testimonianza dalla Novorussia

    «Non temiano nessuno. Abbiamo obici da 122, tank, sistemi missilistici Grad. Che vengano. Polacchi, lituani, olandesi, anche gli inglesi che vogliono fare la expeditonary force (ride). Ogni armata che verrà sara schiacciata. Adesso arriva l’inverno, li aspettiamo. Sono pronto a morire per questa causa, combatto per la mia terra. E le motivazioni, sul campo, sono tutto. Siamo e rimarremo umani, gente che sente la pietà. Ma sul campo di battaglia chi ci combatte avrà quel che merita»

    da Volk, l’’ingegnere soldato che odia Kiev
    di Alessandro Farrugia
    http://voltideldonbass.wordpress.com/2014/09/05/intervista-a-volk-da-qn-un-ravvedimento-operoso/

  3. Pingback: 3D unificato - FOCUS UCRAINA - Pagina 992

  4. “Solo la capitolazione di Kiev puo’ risolvere la situazione attuale. Soltanto la separazione degli affari dal potere rendera’ possibile la costruzione di uno stato dal volto umano. E solo la condanna di coloro che detengono il potere e dei membri dell’élite restituira’ al popolo la stima di se’. Altrimenti sara’ stato tutto inutile…sia gli slogan che le vittime.”

    il commento del comandante Most in merito alla situazione attuale in Ucraina:
    http://latanadellorso.livejournal.com/52862.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...