“L’America è una bomba pronta ad esplodere”

11855639_868651543183312_1361897555660675597_n

Gli Stati Uniti sono in declino. Anche se non tutti i maggiori traumi al sistema saranno devastanti, quando quello giusto arriva, il risultato potrebbe essere drammatico.

Non tutti gli esplosivi sono uguali. Sappiamo tutti che bisogna stare attenti con la dinamite. Meglio maneggiarla con cautela e non fumare mentre si è alle prese con essa.
Il Semtex è diverso. Si può farlo cadere. Si può lanciare. Si può mettere nel fuoco. Non succederà nulla. Cioè niente finché non si inserisce il detonatore giusto.
Per me, gli Stati Uniti – e la maggior parte del presunto libero Occidente – appaiono sempre più come un camion sistematicamente caricato di Semtex.
Ma è facile contrastare le grida di allarme con il fatto che il camion è stabile – perché è vero: è possibile gettare altre scatole nella parte posteriore, senza alcun pericolo reale. Assente il detonatore giusto, non è più pericoloso di un camion carico di maionese.
Ma aggiungete il detonatore giusto e sarete solo a un clic di distanza dalla devastazione completa.
Possiamo vedere quanto siano fragili gli Stati Uniti oggi prendendo in considerazione solo quattro tendenze.

1. La distruzione delle aziende agricole e di fonte di cibo affidabile
L’Americano medio si trova a una lunga distanza dal cibo quando i negozi sono chiusi.
Il Washington Post riferisce che il numero di aziende agricole nel Paese è sceso di circa 4 milioni da più di 6 milioni nel 1935 a circa 2 milioni nel 2012.
E secondo il Collegio di Agricoltura e Scienze della Vita, solo il 2 per cento della popolazione degli Stati Uniti vive nelle aziende agricole.
Ciò significa che circa 4,6 milioni di persone attualmente hanno i mezzi per nutrirsi.
Le infrastrutture logistiche di approvvigionamento alimentare sono estese, a volte per migliaia di miglia. I negozi hanno riserve non più che per pochi giorni. Una semplice pausa in quella linea di rifornimento svuoterebbe i negozi in breve.

2. Debole sistema economico
Il sistema economico americano è poco più di schiuma.
La valuta statunitense si è staccata dallo standard aureo nel 1933 e ha tagliato ogni legame con l’oro nel 1971. Da allora, la moneta è stata essenzialmente legata al petrolio, il cui valore è stato protetto e tenuto insieme dalle guerre.
Il mondo intero ne ha avuto abbastanza degli Stati Uniti e della loro arroganza – non da ultimo il popolo degli Stati Uniti stessi, come dimostra il massiccio sostegno attualmente [mostrato] per la decisione di Putin di affrontare l’ISIS.
Dal momento che la guerra pro-attiva è ciò che mantiene gli Stati Uniti in essere, se perdono il monopolio su questo fronte, il loro declino è inevitabile.
Le economie di carta crollano sempre. Esse durano in media per 37 anni. Secondo questo parametro gli Stati Uniti avrebbero già dovuto essere a corto di gas.
Una volta che le persone si sveglino e sentano odore di Yuan, l’esodo dal dollaro sarà inarrestabile.

3. Gli americani sempre più dipendenti da droghe che alterano la coscienza
Secondo l’American Scientific, l’uso di antidepressivi tra la popolazione degli Stati Uniti è aumentato del 400 per cento alla fine degli anni Duemila rispetto agli anni Novanta. Molti di questi farmaci sono inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina.
Questi sono il tipo di narcotici approvati dalla FDA con i quali sono spesso associati i pistoleri solitari, e le loro psicosi sono spesso attribuite a un ritiro forzato o improvviso da tali farmaci.
I farmaceutici sono prodotti in luoghi centralizzati da aziende che si affidano a sistemi di logistica estesi sia per produrre che per distribuire la loro produzione. Se il sistema logistico smette di funzionare, non c’è più offerta.

4. Morale in declino
Durante le oggettive durezze degli anni Trenta, c’era sorprendentemente poco crimine. Le persone venivano cresciute con una concezione della morale e del giusto e sbagliato. Frugalità e prudenza erano virtù apprezzate. Le comunità erano generalmente abbastanza coese.
Rispetto ad allora, la società oggi è indisciplinata, irrealista ed egoista.
Nel 2013 circa 250 milioni di acquirenti hanno partecipato alle vendite del Venerdì Nero in cui circa 61 miliardi di dollari sono stati spesi per articoli di consumo – circa il 100 per cento in più rispetto ai dati del 2006.
Parapiglia e persino omicidi non sono infrequenti ogni anno con persone che si azzuffano per accaparrarsi articoli a prezzo ridotto.
I beni acquistati in tali vendite tendono ad essere non-essenziali e molti di loro sono acquistati tramite carte di credito che poi devono essere pagate a interesse.
Parte del problema in ciò che ho descritto sopra è che c’è poca tensione esplicita. Certo, [la situazione] è deprimente, volgare ed immorale. Ma non sembra catastrofica. Sembra normale.
Il mio punto di vista è che solo perché gli Stati Uniti – e molti altri Paesi organizzati secondo lo stesso modello – non sembrano sul punto di esplodere, non significa che non salteranno in aria.
Mentre 80 anni fa avremmo potuto assorbire i traumi maggiori, oggi non possiamo.

Nessun posto dove fuggire
In passato, la gente viveva in comunità rurali. Potevano coltivare cibo. Avevano comunità reali. Avevano anche autocontrollo e una concezione di moralità.
Oggi, se le linee di rifornimento collassano, siete bloccati in una casa che non si può riscaldare circondati da milioni di tossici dipendenti da droga approvata da FDA che stanno andando di matto perché hanno terminato la roba e persone che ucciderebbero propria nonna per ottenere un iPhone a prezzo scontato.
Direi che il giusto evento shock – o combinazione di eventi shock – farà detonare l’esplosivo.
I potenziali detonatori accadono tutto il tempo. In alcuni casi essi sono contenuti o semplicemente incompatibili con l’esplosivo o non deflagrano. Ma questo non significa che non accadrà mai o che non siamo seduti su una montagna di esplosivi.
Nel Regno Unito proprio la scorsa settimana c’era un tale potenziale detonatore – che allo stato attuale non è deflagrato.
Il britannico Indipendent ha riferito venerdì che gli esperti sono stati ‘sbugiardati’ dopo che Pauline Cafferkey – che era stata portata a Londra in tutti i luoghi – è rapidamente deperita dopo essere stata dichiarata guarita da Ebola.
A questa donna era stato consentito l’accesso nella comunità – ancora malata di Ebola – ed era riuscita a visitare la scuola elementare di Mossneuk a East Kilbride, Lanarkshire meridionale, il lunedi per ringraziare i bambini dei loro sforzi per la raccolta di fondi.
Possiamo ritenere che questi eventi abbiano la loro origine nell’incompetenza; il fatto è: abbiamo una donna che muore per Ebola nel più grande centro urbano del Regno Unito.
Che cosa succederebbe se ci fosse più incompetenza?
Boris Johnson, l’attuale sindaco di Londra, ha messo in guardia il pubblico britannico per la possibilità di Ebola a Londra solo la scorsa settimana.
Forse sa qualcosa che noi non sappiamo.
Cosa pensate che succederà se la gente inizia a morire di Ebola a Londra od a New York? La risposta naturale sarà uscire dal centro urbano il più rapidamente possibile.
Durante la Grande Peste di Londra del 1665, per esempio, Defoe scrisse: “Non si vedevano che carri e carretti, con merci, donne, servi, bambini, carrozze piene di gente di miglior sorte, e cavalieri che le guidavano, e tutti via in fretta”.
Una volta che la migliore gente di città raggiunga la campagna ci saranno resistenze immediate da parte della popolazione ospitante, non da ultimo perché non si vuole che gente potenzialmente infetta entri nella loro comunità.
Nel frattempo, i poveri che sono rimasti nelle città saranno a corto di cibo in breve tempo, poiché i fornitori si rifiuteranno di entrare in città.
Coloro che sono fuggiti da Londra nel 1665 hanno avuto un posto dove andare: stavano tornando ai campi che li alimentavano.
Oggi, i campi che ci nutrono sono in gran parte in altri Paesi, e quelli che sono nel nostro stesso Paese sono principalmente proprietà di grandi multinazionali.
Non sto prevedendo esattamente questo scenario per gli Stati Uniti o per qualsiasi altro Paese. Sto dicendo che ci sono tutti gli ingredienti per un completo collasso e morti in larga scala dato il giusto evento iniziale.
Sto dicendo che la volatilità è ingrediente della torta – anche della torta di ciò che oggi appare e viene percepito normale.
Sto dicendo che mentre può essere possibile caricare scatole su scatole di Semtex sociale nel camion, dato l’appropriato detonatore il crollo sarà rapido, inarrestabile e devastante.
Sam Gerrans

Fonte – traduzione di F. Roberti

Annunci

2 thoughts on ““L’America è una bomba pronta ad esplodere”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...