3 thoughts on “14 maggio

  1. riporto quanto da fonte attendibile (forum “Rivista Indipendenza”) un breve commento sulla questione Ucraina; molto è stato scritto al riguardo sul periodico. dalle premesse, pare che l’autore del libro abbia una visione un po’ diversa.

    Oggetto: Kiev (Ucraina): colonizzazione 2.0 Gio Dic 04 2014, 19:19
    Quando la realtà supera la fantasia.
    Formazione poche ore fa del governo ucraino filo-occidentale: un magnate statunitense, George Soros, attraverso una sua Fondazione (la Renaissence), “network” di consulenza politica, paga due società di selezione di personale (la Pedersen & Partners e la Korn Ferry) per trovare tre ministri nel governo di Kiev, in dicasteri peraltro di una certa rilevanza: economia, finanze e sanità. Alla fine ‘passano’ tre figure, tutte di provata affidabilità atlantica.
    Il presidente ucraino Poroshenko si è quindi affrettato a conferire ai tre nuovi ministri stranieri la cittadinanza ucraina proprio per dare una parvenza di legittimità al loro ingresso nel governo, cittadinanza che lo stesso magnate atlantista Poroshenko ha promesso in parlamento che conferirà, con decreto, “agli stranieri che combattono” nel sud-est al fianco delle truppe di Kiev.
    Siamo, insomma, alla colonizzazione 2.0.
    Si tratta di un precedente che farà scuola. Niente di strano che si arriverà ad applicarlo anche in Italy-land…
    (qui la notizia http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-12-02/l-ucraina-vara-governo-ministri-stranieri-selezionati-cacciatori-teste-202117.shtml)
    Intanto le minacce atlantiche belliciste contro la Russia si acuiscono. La Casa Bianca invia altri 100 veicoli, tra carri armati e blindati, ai confini con la Russia.
    http://www.wallstreetitalia.com/article/1785014/usa-mandano-altri-carrarmati-al-confine-con-l-ucraina.aspx

    inoltre:
    (…) partiti e milizie neonaziste sono nel governo e nell’esercito. Ad esempio, significativa, ad aprile scorso, la nomina alla carica di Consigliere del Capo di Stato Maggiore del capo di Pravyi Sektor, Dmytro Yarosh, che nell’occasione annunciava di avere trovato con il ministro della difesa un «soddisfacente accordo» in base al quale la sua struttura, pur rimanendo separata, dipenderà dal Comando militare delle Forze Armate ucraine.

    "Mi piace"

  2. Sono lieto di ​essere giunto a conclusioni affrettate. In effetti non conosco Gabellini e, come avevo specificato, la mia impressione era basata sulle premesse, sulla brevissima presentazione dell’opera. La situazione in Ucraina è gravissima e, potremmo dire, paradigmatica. Fra le tante cose che inquietano c’è la presenza, la legittimazione di forze dichiaratamente naziste e ciò dovrebbe essere detto chiaramente ai nostri ignari (ma anche ignavi) concittadini. Stando così le cose, auspico che Bye Bye Uncle Sam voglia a sua volta rivolgere la propria attenzione all’opera della Rivista/Associazione Indipendenza con l’auspicio che si possano in qualche modo unire le forze. Grazie. Steo

    PS siccome per qualche ragione non riesco a collegarmi al vostro sito, se volete potete pubblicare la mia “ammenda”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.