Uno scontro epocale, un momento pericoloso

Mentre tutti i giornali e le TV nostrane sono impegnati sulle modeste vicende politiche di casa nostra fatte di patteggiamenti di basso livello, veti incrociati, piccoli ricatti, false promesse, a molti sfugge la drammaticità del contesto internazionale dove assistiamo ad uno scontro epocale dai risvolti molto pericolosi.
Le potenze nord-atlantiche, guidate dagli USA, puntano in modo sempre più aggressivo sulla Russia di Putin, rea di non inchinarsi agli interessi imperiali statunitensi come ai bei vecchi tempi di Gorbaciov ed Eltsin. Contemporaneamente cercano di far fronte alla perdurante stagnazione economica occidentale, ed ai continui pericoli di nuove crisi, cercando di tamponare l’ascesa impetuosa di concorrenti politici ed economici, tra cui si distingue la Cina. Questo grande ex-Paese coloniale, un tempo preda privilegiata di imperialismi occidentali e giapponesi, non solo ha da tempo superato gli USA in termini di produzione globale (espressa in termini reali, cioè tenuto conto dei prezzi interni), ma ormai supera gli USA anche in settori tecnologici di avanguardia come quello dei supercomputer e della computazione quantistica.
Dopo le ridicole mai provate accuse lanciate agli hacker russi che avrebbero determinato la sconfitta della povera Clinton, ora la campagna denigratoria è stata lanciata dagli Inglesi, capeggiati dal borioso ministro degli Esteri Boris Johnson. Il cattivo Putin in persona è accusato di aver fatto avvelenare col gas Sarin (perbacco! Lo stesso che sarebbe stato usato anche in Siria!) una ex-spia di basso livello ormai in tranquilla pensione in Inghilterra da otto anni. Questa follia sarebbe stata commessa da Putin giusto alla vigilia delle elezioni presidenziali russe e dei Campionati di Calcio in Russia cui quel Paese teneva moltissimo come rilancio di immagine. Un vero autogol! Peccato che gli Inglesi, pur di fronte alle argomentate richieste russe, non abbiano fornito alcuna prova.
La mancanza di prove non ha impedito però all’Unione Europea ed a tutti i Paesi della NATO di seguire l’esempio britannico ed espellere circa 150 diplomatici russi. Anche il nostro governo leccapiedi guidato da Gentiloni non ha voluto essere da meno ed ha espulso due diplomatici. Bisogna dare atto al leghista Salvini di essere stato l’unico a criticare questa decisione, forse perché i tanto deprecati “populisti” in questo momento sono più in grado di “leggere” la situazione, rispetto alle ormai decerebrate ex-sinistre. Tutta l’operazione si è dimostrata un completo fallimento visto l’autentico plebiscito ottenuto da Putin, intorno a cui tutto il popolo russo si è stretto, compresi i due principali candidati dell’opposizione (il comunista ed il nazionalista) che in fatto di politica estera sostengono pienamente il loro governo.
Il problema è che queste operazioni propagandistiche servono in realtà a preparare l’opinione pubblica occidentale a non opporsi ad un confronto anche sul piano militare con la Russia. Mentre i missili e le truppe corazzate della NATO sono ormai schierati a pochi chilometri dai confini russi e si minaccia una ripresa dei combattimenti in Ucraina, lo scontro più duro e diretto avviene in Siria. Qui il governo laico del Presidente Assad si è dimostrato molto più forte del previsto. Spalleggiato da gran parte della civilissima multi-etnica e multi-religiosa popolazione siriana, e con l’aiuto importante dei Russi, il governo ha progressivamente sconfitto tutti i gruppi di fanatici jihadisti e salafiti, in gran parte formati da estremisti stranieri, che avevano cercato di destabilizzare il Paese.
L’ultima grande vittoria dell’esercito governativo è quella ottenuta con la liberazione dei sobborghi di Damasco definiti Ghouta. Qui da sei anni alcune bande terroriste tenevano in ostaggio la popolazione tormentando la popolazione del centro di Damasco, e specialmente i quartieri cristiani, con continui bombardamenti con mortai che mietevano molte vittime civili. Ora, quasi tutti i gruppi (Jaish Al-Islam finanziato dall’Arabia Saudita, Failaq Al-Ahram finanziato dal Qatar, Ahrar Al-Sham finanziato dalla Turchia, Tahrir Al-Sham facente parte di Al Qaeda), sconfitti sul campo, hanno accettato di sgombrare la zona mediante salvacondotti. Questo ha posto fine anche all’assurda campagna pseudo-umanitaria, alimentata anche da giornalisti di regime, come Ricucci e le note Botteri e Goracci, che ha cercato fino alla fine di fermare l’operazione dell’esercito ed evitare la sconfitta dei fondamentalisti.
Purtroppo i protettori dei cosiddetti “ribelli” non demordono. L’esercito USA, servendosi anche dei miliziani curdi come carne da cannone, con la scusa della lotta all’ISIS, ha occupato tutte le zone della Siria orientale dove si trova il 70% dei giacimenti di gas e petrolio per sottrarre risorse al governo siriano vittorioso per la ricostruzione post-bellica. Anche la zona strategica di Al Tanf, posta sulla grande autostrada Baghdad-Damasco è stata occupata dagli USA per bloccare le comunicazioni tra Siria ed Iraq. Gli USA dichiarano che non se ne andranno più e bombardano chi osa avvicinarsi. I Russi dichiarano che risponderanno se minacciati, e Putin fa sapere di possedere missili che possono colpire ogni zona del mondo senza essere intercettati. Da parte loro i Curdi, dopo aver fatto da mercenari agli USA sperando nel loro aiuto, tradendo Assad che li aveva accolti in Siria insieme al loro capo Ocalan rifugiato e protetto in Siria per 20 anni, ora sono “scaricati” e devono sostenere l’attacco della Turchia di Erdogan. Chi scrive è stato in passato sostenitore del PKK (Partito Comunista Curdo) visitando varie volte le zone di confine tra Turchia, Siria ed Iraq, ma oggi non può far altro che criticare le sciagurate ed autolesioniste scelte dei dirigenti curdi.
Anche Israele, mentre continua a massacrare e scacciare la gente palestinese e ad arrestare anche le ragazzine che hanno osato resistere ai soldati, sostiene alla frontiera siriana, nel Golan e nel bacino dello Yarmuk, le formazioni salafite e dello Stato Islamico per tenere a distanza l’esercito di Assad ed i suoi alleati, gli Hezbollah libanesi, che già sconfissero lo Stato sionista nel 2000 e nel 2006.
“Dulcis in fundo”: Trump, dopo aver minacciato di denunciare l’accordo di compromesso raggiunto tra Obama e l’Iran, dopo aver spostato l’Ambasciata USA a Gerusalemme (“capitale indivisa dello Stato ebraico”), scatena anche una avventata guerra dei dazi contro la Cina, che certamente gli si ritorcerà contro. Invece, rimanendo in Estremo Oriente, sembra essersi ammosciata la campagna di minacce contro la Corea Popolare. Il fatto è che questo piccolo e combattivo Stato si è dotato di armi atomiche, non come l’Iraq di Saddam e la Libia di Gheddafi che non avevano l’atomica e se ne sono viste le conseguenze.
Ma l’eco di questo scontro epocale che vede un confronto duro e pericoloso tra gli USA ed i loro alleati, da un lato, e Russia, Cina, Siria, Iran, Venezuela, Cuba, ed altri Stati indipendenti dall’altro, giunge attutito in Italia dove si discute solo “de minimis”. Anche l’ex-sinistra “radicale”, quella che abboccò all’inganno delle “primavere arabe” e, ancor prima, alla “rivoluzione” contro Milosevic finanziata da George Soros, dorme sonni tranquilli parlando al massimo, ed impropriamente, di “migranti” o ricorrendo ad un “antifascismo” strumentale.
Vincenzo Brandi

2 thoughts on “Uno scontro epocale, un momento pericoloso

  1. Il decaduto governatore pro tempore, unicamente preposto all’ordinaria amministrazione della Nazione Italia soltanto teoricamente Sovrana, il conte paolo gentiloni silveri, che dovrebbe limitarsi a pagare le bollette, si permette accodarsi da domestico insensato ai guerrafonai e spie per eccellenza i pirati gran britannici, capeggiati dalla maggio dal sentor di sionista, per inguaiarci e schierarci contro i Russi, cioè coloro che già abbatterono Napoleone ed Hitler, i Veri Vincitori della II guerra mondiale. Questi malgoverni ci hanno venduto lo Stato che siamo Noi, per un cucchiaio di lenticchie scadute che si sono cuccati loro ed i loro amichetti d’intrallazione, ed ora hanno sbertucciato anche la Nostra Dignità. E’ agir corretto, questo? O si dovrebbe chiamare torreggiante infedeltà ? Per avere le idee chiare su ordinaria amministrazione: http://www.laleggepertutti.it Ordinaria amministrazione nel diritto civile
    Attività che tende unicamente alla gestione di un complesso patrimoniale, senza intaccarne la consistenza.
    http://www.treccani.it Atti di ordinaria e straordinaria amministrazione In diritto civile, tutti gli atti di gestione del patrimonio possono essere ripartiti tra atti di ordinaria amministrazione e atti di straordinaria amministrazione (o eccedenti l’ordinaria amministrazione). L’art. 320 c.c. elenca una serie di atti che eccedono l’ordinaria amministrazione (atti di alienazione, accettazione o rinunzia all’eredità e così via). Dottrina e giurisprudenza hanno quindi rinvenuto il criterio discretivo nell’incidenza degli atti: si ha ordinaria amministrazione quando questa è limitata alla sfera di disponibilità e regolamentazione delle sole rendite; straordinaria amministrazione quando invece riguarda anche il patrimonio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.