Cambiare strategia, subito!

La drammaticità della situazione italiana richiede un cambio di rotta drastico nella strategia di contrasto del coronavirus

In questa drammatica evenienza non c’è stato praticamente modo di esprimere opinioni diverse da quelle espresse a suon di decreti dal Governo e dagli interventi dei virologi che hanno invaso tutto quel che era possibile invadere manifestando una unanimità di pareri tale da risultare inquietante. In questa unanimità ha operato sia una autocensura a livello individuale, per cui chi aveva un’opinione diversa ha tutto sommato preferito tenersela per sé per paura di essere attaccato e isolato dalla comunità scientifica, sia una censura a livello di giornali e televisione che non hanno lasciato alcuno spazio a posizioni di dissenso.
Paradossale situazione sia perché posizioni di dissenso mai come in questo frangente erano e sono lecite, e perfino ovvie, sia perché l’espressione di esso avrebbe fornito indicazioni che sarebbero potute tornare utili. Perché, c’è poco da girarci attorno, la linea che è stata sin qui seguita dal Governo, in accordo con le autorità di sanitarie e pressoché al gran completo la comunità degli “esperti” (virologi, biologi, medici e via e via), ha portato ai risultati che sono di gran lunga i peggiori del mondo e che metteranno capo a non meno di 60 mila morti a epidemia conclusa.
Il punto di fondo che viene regolarmente ignorato da tutti, autorità ed esperti, è il rapporto tra guariti e deceduti. Al 27 marzo di 86.498 contagiati i guariti erano solo 10.950, i morti 9.134: pochissimi i guariti e moltissimi i morti. Infatti di quanti sono fin ora usciti dallo stato di contagiosità il 45,5 per cento è deceduto, mentre il 54,5 per cento è guarito; con queste proporzioni, che non mostrano di modificarsi nel tempo, dei 66.414 contagiati in essere al 27 marzo ne moriranno altri 30 mila che, aggiunti ai già deceduti, porteranno il totale a quasi 40 mila. Ma l’epidemia continua a un ritmo ch’è perfino aumentato e che del tutto verosimilmente porterà ad almeno altri 50.000 contagiati e, dunque, ad altri 23.000 morti che faranno salire il totale, a fine epidemia, ben oltre i 60.000. (calcolo fatto considerando che resti invariata al 45,5 per cento la percentuale dei morti,)
Ecco dove sta la drammaticità della situazione italiana.
Ma cosa ci dice, questa drammaticità? forse che il problema sta in qualche ciclista che scivola di soppiatto, qualche podista improprio, qualche passeggiatore clandestino? Siamo seri! Ci dice che il sistema che abbiamo messo in piedi per contrastare l’epidemia non funziona!
Non funziona nei due punti decisivi:
(1) perché dopo ben oltre due settimane di zona rossa totale i contagi non mostrano di scendere
(2) perché non sa prendersi cura dei contagiati con una efficacia appena accettabile.
Che di due contagiati uno guarisca e l’altro muoia – e si è visto a un dipresso che è così – è qualcosa che non è degno di un Paese avanzato come l’Italia. Qualcosa che davvero richiama i tempi della grande peste, ma qui siamo di fronte a un coronavirus, non al bacillo della peste. Se poi si pensa che si infettano e muoiono medici e infermieri coraggiosi in proporzioni abnormi non possiamo esimerci dal chiederci come sia stato possibile tutto questo, come siamo finiti in questo drammatico, letale, vicolo cieco.
Abbiamo fatto due errori decisivi, che invece di correggere continuiamo imperterriti a perseguire:
1. inseguire nella strategia di contenimento del virus la Cina senza esserlo; senza essere uno Stato di polizia (ma una qualche attenzione al riguardo non guasterebbe perché stiamo pericolosamente scivolando in quella direzione), senza essere confuciani, senza avere uno stile di vita – e un ambiente di vita – essenziale come quello cinese, senza essere una popolazione relativamente giovane come quella cinese.
2. seguire un modello di cura pressoché totalmente ospedaliero – e qui la spinta l’ha data la Lombardia, anche per questo motivo la più tragicamente colpita dal virus – che ha del tutto isolato gli ammalati rendendoli più deboli ed esposti; ha ingolfato i nodi nevralgici dell’organizzazione ospedaliera, dai Pronto Soccorso ai reparti di Terapia Intensiva; ha infettato il personale sanitario in proporzioni mai viste, creato gli ambienti favorevoli alla proliferazione di un virus che lo stesso Istituto Superiore di Sanità definisce “un patogeno dall’elevato potere di trasmissione in ambito assistenziale”.
Il virus poteva essere controllato isolando la fascia a rischio degli anziani problematici e lasciandolo libero di circolare in situazione controllata (vietando, ad esempio, i ritrovi a più intenso e prolungato addensamento). Il fatto che si manifesti a un’età media letteralmente impossibile per un nuovo virus (63 anni) significa che alle età minori colpisce senza dar luogo ad alcun sintomo, cosicché una immunità di gregge si sarebbe potuta ottenere senza conseguenze davvero importanti. Ma i virologi, troppo presi dai virus, ignorano gli umani cosicché non considerano a sufficienza la formidabile resistenza organica di popolazioni, come quella attuale italiana, capace di smorzare e attutire l’impatto dei virus. Più alta è questa resistenza più alta è la proporzione dei positivi asintomatici prodotti da una epidemia ed anche il coronavirus, se lasciato circolare nei modi che si è detto, avrebbe agito dando tantissimi asintomatici e risparmiando i vecchi, nel frattempo protetti.
Cambiare dunque, ecco ciò che si deve fare e bisogna farlo alla svelta.
Coloro che prendono assai meno pedissequamente il modello cinese e distribuiscono più consapevolmente i contagiati tra domicilio, strutture territoriali intermedie e ospedali ottengono risultati assai migliori.
Si può discutere più approfonditamente delle misure più specifiche da prendere ma intanto è doveroso e urgente cambiare rotta e correggere con decisione e coraggio gli errori fatti. Lo dobbiamo agli Italiani che, sprangati in casa e ligi a regole che si sforzano di seguire, aspettano di vedere, è proprio il caso di dirlo, una luce in fondo al tunnel dell’epidemia.
Roberto Volpi

(Fonte)

4 thoughts on “Cambiare strategia, subito!

  1. Si scende molto in basso quando si inizia a condividere video di Byoblu e gli articoli dell’associazione del guru degli anti-vaccinisti… A quel punto dietro l’angolo resta giusto il complottismo paranoide di Giulietto Chiesa. Buona fortuna.

    "Mi piace"

  2. “Che di due contagiati uno guarisca e l’altro muoia – e si è visto a un dipresso che è così ”
    No, non è così. In Italia il “guarito” non è chi è stato positivo e oggi sta bene, è SOLO chi ha avuto anche due tamponi negativi dopo la malattia. E visto che non si riescono a tamponare tutti i contagiati e i medici, a maggior ragione non lo si sta facendo con chi non sta più male, e quindi non ha bisogno di cure. Ma i guariti reali sono molti di più. A parte centinaia di migliaia di asintomatici o sintomatici lievi che non sono mai stati tamponati e quindi non sono mai diventati ufficialmente contagiati, anche se lo sono), ci sono anche migilaia di positivi che sono guariti da soli a casa e migliaia di ospedalizzati dimessi, che formalmente non sono ancora stati dichiarati guariti ma di fatto lo sono. Tanto per fare un confronto, in Germania non li fanno proprio i tamponi ai guariti, danno per scontato, senza nessun controllo, che chi 14 giorni fa era positivo e oggi non è morto nè ospedalizzato è guarito.
    E la zona rossa VERA (si fa per dire, ci sono migliaia di fabbriche che autocertificano di essere necessarie e restano aperte lo stesso) c’è da mercoledì, quando hanno chiuso le fabbriche, non da due settimane.

    "Mi piace"

  3. (ANSA) – BOLOGNA, 30 MAR – “Essere molto precoci nella
    terapia dovrebbe, idealmente, fare guarire il paziente più
    precocemente, evitare l’evoluzione verso la fase
    iperinfiammatoria della malattia, quindi fare risparmiare vite e
    ricoveri in terapia intensiva e in ospedale”. Lo ha detto in una
    call con anestesisti e medici della terapia intensiva, il
    professor Pierluigi Viale, direttore di Malattie infettive del
    Policlinico Sant’Orsola di Bologna. Nell’incontro virtuale,
    Viale ha spiegato le fasi dell’infezione da Covid-19 e
    l’importanza di intervenire velocemente. Il video era su
    youtube: inizialmente con visualizzazione pubblica, poi solo
    ‘privata’.
    “In questo momento abbiamo due obiettivi fondamentali:
    intercettare i pazienti nella fase uno, la fase di malattia
    iniziale, e metterli subito in trattamento con terapia
    anti-virale. Se il paziente evolve verso la fase
    iperinfiammatoria, l’obiettivo è intercettarne precocemente
    l’inizio per evitare di trovarsi di fronte a casi in cui,
    probabilmente, il contenimento della risposta infiammatoria
    eccessiva è molto difficile da fare”.

    MILANO, 30 MAR – “La situazione mi ricorda il
    Vajont: la diga era meravigliosa dal punto di vista
    ingegneristico ma non avevano messo in sicurezza i fianchi della
    montagna che è franata nel bacino provocando un disastro”. A
    fare il paragone tra la tragedia di allora e quella attuale è
    Guido Marinoni, presidente dell’ordine di medici di Bergamo, la
    città che con il suo hinterland è una delle più colpite d’Italia
    per l’emergenza Cornavirus: ieri i dati le hanno assegnato il
    secondo posto dopo Milano per il numero ‘ufficiale’ dei
    contagiati anche se si è registrata una lieve flessione dei
    nuovi casi.
    Marinoni spiega che “Ats non ha messo in atto una politica
    sanitaria adeguata. Tutto il territorio è sfuggito, perché ci si
    è concentrati solo sui posti letto in terapia intensiva e ci si
    è dimenticati che questo è un problema di sanità pubblica.
    All’inizio, oltre al fatto che all’ospedale di Alzano Lombardo
    inizialmente non tutti gli interventi sono stati tempestivi e
    non si è provveduto con la chiusura del paese assieme a Nembro,
    sono state date indicazioni incerte alle Rsa e alle comunità
    protette, la rete dei medici di famiglia e dei pediatri sono
    stati mandati in giro senza i presidi di protezione adeguati”.
    Alcuni sono morti sul campo altri “hanno diffuso
    inconsapevolmente il virus”. Inoltre, secondo il presidente
    dell’Ordine dei Medici di Bergamo, uno dei motivi per cui i
    contagi si sono moltiplicati sta nel fatto che “non sono state
    adottate misure idonee di profilassi sul territorio”.
    E qui tira in ballo in problema dei tamponi: “Paradossalmente
    chi ne ha bisogno – ripete più di una volta – non sono i malati
    che vengono ricoverati con la polmonite interstiziale bilaterale
    perché la diagnosi è evidente. Ha senso, ed è fondamentale, che
    venga fatto agli operatori sanitari che non hanno sintomi e sono
    in servizio, ai malati che si sono curati a casa e che non
    avendo avuto un tampone iniziale non l’hanno neanche quando
    rientrano al lavoro e non viene fatto nemmeno a coloro che hanno
    avuto contatti stretti con ammalati”.
    Insomma per Marinoni, secondo cui la lieve diminuzione dei
    positivi “è tutta da verificare” e che “il calo della pressione
    sul pronto soccorso è dovuta al fatto che il 118 non porta più i
    malati perchè mancano i posti in ospedale”, è stata una politica
    sanitaria “inadeguata” una della cause della diffusione in breve
    tempo dell’epidemia. (ANSA).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.