Sorosiani d’Italia

Annunci

Zeitgeist

#Elezioni2018, atto terzo

Matteo & Matteo: la par condicio spiegata ai Bolognesi.

#Elezioni2018, atto secondo

Bologna – Insulti e scritte ingiuriose contro il Partito Democratico e il suo segretario Matteo Renzi. A essere colpito è stato il circolo del centro storico in via Belle Arti 22, che questa mattina ha trovato la saracinesca completamente imbrattata con offese anche per il leader dem Renzi, che arriverà domani a Bologna, all’Opificio Golinelli, per presentare il suo programma. Il circolo sarà tra la altre cose la sede del comitato elettorale di Andrea De Maria, candidato nel collegio di Bologna città alla Camera per il PD.
Per questo proprio De Maria è il primo a intervenire, questa mattina su Facebook: “Continuano e si moltiplicano i gesti di intolleranza e aggressione contro il PD”. Pierferdinando Casini, in corsa per il centrosinistra nel collegio di Bologna per il Senato, è stato al circolo, nel primo pomeriggio, in segno di solidarietà: “C’è troppo veleno in giro in questa campagna elettorale, c’è troppo odio, c’è troppa incapacità di parlare di politica e una grande voglia di inquinare tutto con le intimidazioni, l’odio, l’esibizione delle cose più brutte. Siamo qua per dire no alla barbarie”.
“Ma noi non ci faremo intimidire – prosegue De Maria – Con le armi della democrazia, del rispetto e del dialogo contrasteremo ogni forma di estremismo e intolleranza. Ho già espresso la mia solidarietà ai segretari di Circolo e di quartiere del PD Malena e Aceto”. Non è la prima volta, negli ultimi mesi, che un circolo dem viene fatto oggetto di atti vandalici compiuti durante la notte.

Fonte

Un tribunale sarebbe stato meglio

“Tutto fila liscio fino al 2004, quando il settimanale Famiglia Cristiana pubblica un documento che fino a quel momento era rimasto riservato: l’assetto societario di Bankitalia. Si scopre così che questo organismo “di diritto pubblico”, il cui statuto prevede in ogni caso la partecipazione maggioritaria al capitale da parte di enti pubblici, per effetto delle privatizzazioni bancarie di dieci anni prima è finito per il 95% in mani private. Oltretutto, quelle stesse mani su cui Bankitalia è chiamata a vigilare.
Un cittadino fa causa e la vince.
La sentenza 2978/2005 Tribunale di Lecce, dice: “Bankitalia è un ente privato … cui è affidato in regime di monopolio la funzione statale di emissione della carta moneta, senza controlli da parte dello Stato e tuttavia controllata da quegli istituti che dovrebbe controllare. Rileva inoltre la violazione dell’articolo 3 dello statuto, che prevede che la maggioranza del capitale dev’essere tenuto da mano pubblica”.
Per tamponare la manifesta situazione di illegalità, il governo Berlusconi – con legge 262 del dicembre 2005 – stabilisce che entro tre anni le quote detenute da soggetti diversi da Stato o enti pubblici devono essere da questi dismesse e ritornare allo Stato.
Quindi, nazionalizzazione?
Non scherziamo, nell’Italia neoliberista questa parola è bestemmia.
Quella che il governo Berlusconi ha escogitato è solo una soluzione provvisoria: la soluzione definitiva arriva l’anno dopo, quando, con Decreto del Presidente della Repubblica (i.e. Giorgio Napolitano) del 12/12/2006, l’articolo 3 dello statuto viene riscritto abolendo la previsione che impone la maggioranza pubblica nella partecipazione azionaria di Bankitalia. Per la cronaca: il governo di Romano Prodi è insediato da otto mesi; Ministro economico finanziario è un Padoa-Schioppa che arriva fresco fresco da una “esaltante esperienza” nel comitato esecutivo della BCE; al Ministero dello sviluppo economico Pierluigi Bersani.
La legalità è salva. Un po’ meno la legittimità.
L’ultimo capitolo viene scritto qualche anno dopo, allorché il Governo di Enrico Letta (2013-2014), procede alla ricapitalizzazione di Bankitalia mediante utilizzo di parte delle riserve: la ratio ufficiale è la possibilità di tassare la plusvalenza degli azionisti (la banche) e ridurre il deficit. Il capitale passa da 156 milioni a 7,5 miliardi: la situazione patrimoniale di Bankitalia non cambia di un centesimo, in compenso un’eventuale nazionalizzazione è diventata estremamente onerosa.
La strategia è sempre la stessa: bruciarsi i ponti alle spalle e poi dire che non ci sono alternative all’andare avanti. Noi, felici cittadini eurocomunitari, ce lo sentiamo raccontare ogni giorno.
Come ripeto spesso, è certo che sarà la Storia a giudicare gli attori di questa vicenda, insiemi agli altri loro sodali che in diversa misura hanno avuto un ruolo nel disastro generale in cui ci hanno precipitati. Però continuo a pensare che un tribunale sarebbe stato meglio.”

Da Bankitalia, breve storia di uno scippo di Mauro Poggi.

#Elezioni2018, atto primo

Bologna, 25 gennaio – C’e’ stata anche una bandiera del PD data alle fiamme, nel corso della protesta inscenata, questa mattina, da alcuni attivisti del collettivo Hobo in occasione della presenza del ministro dell’Interno, Marco Minniti, ad un convegno sul tema della sicurezza e delle periferie organizzato dal Partito Democratico nella sede del quartiere San Donato. Le immagini della bandiera bruciata sono state pubblicate sulla pagina Facebook del collettivo che, sulla stessa pagina ha anche lamentato il tentativo degli uomini delle forze dell’ordine di identificare alcuni dei partecipanti al presidio. In mattinata al grido ‘Oggi il Daspo te lo diamo noi”, rivolto al responsabile del Viminale, una ventina di attivisti di Hobo hanno manifestato, fuori dalla sede del quartiere San Donato controllati dalla polizia, schierata in tenuta antisommossa. “Marco Minniti, fascisti e polizia, uno per uno vi cacceremo via”, recitano i componenti di Hobo. Tra i diversi striscioni esposti, su uno e’ scritto ‘Avviso di Daspo contro Minniti, individuo socialmente pericoloso e fascista” mentre un altro, “PD: 5 euro l’ora, Daspo e precarieta’. La nostra promessa: ingovernabilita’, I giovani vi odiano (ANSA).