Il nemico ci ascolta

Obama

A tre anni circa di distanza dall’ultima “fuga di notizie”, grazie a Edward Snowden il Washington Post ha messo le mani sulla documentazione relativa al bilancio della comunità d’intelligence degli Stati Uniti relativamente al 2013.
Di tale documentazione, il quotidiano ha reso noto solo una piccola parte, neanche una ventina di pagine per lo più contenenti grafici e tabelle, ma comunque utile a farsi un’idea nelle sue linee generali di quanto bolle in pentola.
Balza evidente agli occhi la riduzione -rispetto a qualche anno or sono- delle risorse finanziarie complessivamente a disposizione di CIA, NSA e le diverse altre agenzie che compongono il variegato mondo dell’intelligence a stelle e strisce, ma la cifra di 52,6 miliardi di dollari rimane comunque di tutto rispetto.
Come certamente non è trascurabile che 107.035 persone siano attivamente impegnate nel quotidiano esercizio di spionaggio e controllo, per quasi due terzi delle quali impiegati civili e il rimanente terzo diviso fra addetti militari e personale a contratto.
Per quanto riguarda invece le diverse voci di spesa, va evidenziato che a fronte di una generale riduzione quello del controspionaggio è l’unico settore che preveda investimenti crescenti. Probabilmente i casi Wikileaks, Bradley Manning e, infine, bEd boy Snowden hanno fatto scuola.
Troppo tardi comunque, come notano i giornalisti del Washington Post, per mettere le mani su quest’ultimo.
Federico Roberti

Bradley Manning linciato dal governo statunitense

Di Pepe Escobar, per rt.com

Il verdetto per Manning era predeterminato, e il processo farsa in un tribunale fantoccio – una rivisitazione postmoderna in salsa americana della Cina negli anni ’60 durante la Rivoluzione Culturale – già segnato, sigillato e consegnato.
Il Presidente degli Stati Uniti aveva già detto che [Manning] era colpevole. I media corporativi USA avevano strepitato per tre anni circa la sua colpevolezza. Adesso il governo statunitense – che ha criminalizzato Manning per i suoi “intenti malvagi” – ha dimostrato che sono cavoli amari per chiunque osi rivelare i crimini di guerra americani, che sono, per definizione, impunibili.
E se ci fosse bisogno di ulteriore dimostrazione del “luminoso” futuro che attende Edward Snowden – come se non bastasse la patetica lettera con la quale il Procuratore Generale USA Eric Holder promette che Snowden non sarà torturato se estradato negli Stati Uniti.
Tutto ciò nel momento in cui l’Angelo della Storia ha gettato ancora una volta un lampo di ironia; Bradley Manning è stato dichiarato colpevole di non meno di 19 capi d’imputazione da un giudice militare, giusto la porta accanto alla Centrale dello Spionaggio, il quartier generale della NSA a Fort Meade, nel Maryland. Continua a leggere

Spiare il mondo intero per pura autodifesa

democracy
“Nel corso della sua vita professionale nel mondo della sicurezza nazionale, Edward Snowden deve aver affrontato numerose interviste d’indagine, esami con la macchina della verità ed estremamente dettagliati controlli personali, così come la compilazione di infiniti moduli accuratamente progettati per catturare ogni tipo di menzogna o incoerenza. Il Washington Post  (10 giugno) ha riferito che “alcuni funzionari hanno detto che la CIA ora, senza dubbio, inizierà a rivedere il processo con cui Snowden è stato assunto, cercando di determinare se fossero stati trascurati dei segnali che un giorno avrebbe tradito i segreti nazionali.”
Sì, c’era un segnale che hanno ignorato, Edward Snowden aveva qualcosa dentro di lui, una forma di coscienza, soltanto in attesa di una causa. E’ stato lo stesso per me. Andai a lavorare presso il dipartimento di Stato, allo scopo di diventare un funzionario del servizio esteri, con le migliori, le più patriottiche, intenzioni, facendo del mio meglio per uccidere la bestia della Cospirazione Comunista Internazionale. Ma poi l’orrore quotidiano di ciò che gli Stati Uniti facevano al popolo del Vietnam entrò a casa mia tramite ogni tipo di media, e ciò mi addolorava. La mia coscienza aveva trovato la sua causa, e nulla di ciò che risposi all’intervista di pre-assunzione avrebbe allertato i miei interrogatori del possibile pericolo che ponevo, perché non lo sapevo io stesso. Nessuna domanda dei miei amici e parenti avrebbe suscitato il minimo accenno del radicale attivista contro la guerra che sarei diventato. I miei amici e parenti dovevano essere sorpresi quanto lo ero io di esserlo. Non c’era alcun modo per l’ufficio di sicurezza del dipartimento di Stato di sapere che non avrei adottato e celato un tale segreto.
Così cosa può farci un povero Stato di Sicurezza Nazionale? Beh, potrebbe prendere in considerazione il proprio comportamento. Smettere di fare tutte le cose terribili che rattristano persone come me, Edward Snowden e Bradley Manning, e tanti altri. Fermare i bombardamenti, le invasioni, le guerre infinite, le torture, le sanzioni, i golpe, il sostegno alle dittature, il sostegno assoluto ad Israele, fermare tutte le cose che rendono gli Stati Uniti tanto odiati, creando tutti questi terroristi anti-americani che costringono lo Stato di Sicurezza Nazionale, per pura autodifesa, a spiare il mondo intero.”

Edward Snowden e altri “spifferatori” degli USA, di William Blum continua qui.

Bradley Manning

-

Roma, 8 giugno – Si chiama Bradley Manning, ha 22 anni, ed è il soldato americano che ha diffuso il video della strage compiuta da un elicottero USA a Baghdad, che per errore uccise diversi civili, un cameraman della agenzia Reuters, Namir Noor Ewldeen, e il suo autista Saeed Chmagh. E’ stato arrestato per diffusione di ”informazioni classificate” e si trova in Kuwait in attesa di processo.
La notizia, diffusa dal sito web Wired.com, è stata confermata dal Pentagono. Il militare, che ha ceduto all’organizzazione non governativa WikiLeaks le immagini della strage ed alcuni documenti diplomatici, è finito in manette due settimane fa mentre prestava servizio presso una base a 40 chilometri da Baghdad. Il video, che mostrava l’attacco condotto da un elicottero Apache per le strade della capitale irachena, era stato pubblicato da WikiLeaks lo scorso aprile e postato anche su YouTube.
Secondo quanto riferisce il New York Times, Manning sarebbe stato scoperto grazie alla soffiata di un ex hacker, con il quale il soldato aveva una corrispondenza via e-mail e sms. Oltre al filmato del raid a Baghdad, Manning avrebbe inviato a WikiLeaks circa 260mila dispacci diplomatici e un video di un raid aereo USA in Afghanistan nel quale persero la vita 97 civili.
(ASCA)