La macchina del caos – i video

A Bologna, i tre incontri per la critica del Nuovo Ordine Mondiale.

La macchina del caos lavora senza sosta creando i “fatti” secondo i propri principi e facendo, a suo modo, anche la nostra storia.
Per definizione, il suo operare non può riconoscere limiti e confini visto che, come è stato ammesso da fonte interna autorevolissima, “the american homeland is the planet”.
Sebbene in queste ultime settimane venga effettivamente contrastata sul teatro siriano dall’intervento della Russia di Putin, essa mantiene nel suo ventre oscuro copiose riserve velenifere e notevoli capacità metamorfiche che la rendono comunque temibilissima e nemica irredimibile di qualunque popolazione.
Lo si vede, forse meglio che in passato, proprio in Europa, dove per l’affondamento di qualsiasi speranza di “risveglio politico globale” si serve senza scrupolo, fra le altre, dell’arma di distruzione chiamata “accoglienza dei migranti”.
In questa situazione l’Italia, che rimane a livello planetario uno dei massimi terreni di sperimentazione per la macchina del caos, potrebbe senza paradosso rivelarsi uno degli avamposti strategici decisivi nel quale, in un futuro nemmeno troppo lontano, si giocheranno le sorti dei processi di affrancamento dal doppio giogo dell’Unione Europea e della NATO.

A cura di controinformazione.info, in collaborazione con faremondo.org  e byebyeunclesam.

Sabato 14 novembre 2015.
Irak Libia Siria Yemen… e non solo.
Esplosioni controllate sulla pelle dei popoli,
con l’intervento di Marinella Correggia, giornalista e attivista contro la guerra, autrice di El presidente de la paz, saggio sulla politica estera di Hugo Chavez (edizioni Sankara).

Sabato 28 novembre 2015.
Importazione di popolazioni.
L’esercito di riserva della globalizzazione e la destabilizzazione dell’Europa,
con l’intervento di Enrico Galoppini, redattore del giornale in rete Il Discrimine, e Martina Carletti dell’ARS – Associazione Riconquistare la Sovranità.

Sabato 12 dicembre 2015.
Per un’Italia sovrana e neutrale.
Le prospettive del movimento per l’uscita dell’Italia dalla NATO,
con l’intervento di Vincenzo Brandi, portavoce del Comitato No guerra No NATO.

Portaerei Italia a Modena e Bologna

Incontri pubblici:
Portaerei Italia: 60 anni di presenza militare USA/NATO nel nostro Paese

* Venerdì 7 Maggio, ore 21, presso la Sala Conferenze della Circoscrizione Centro Storico, Piazzale Redecocca 1 a Modena
A cura di Pensieri in Azione
con
Giancarlo Chetoni, redattore blog byebyeunclesam
Fabrizio di Ernesto, autore di “Portaerei Italia”, Fuoco Edizioni

** Sabato 8 Maggio, ore 16, presso la Sala dell’Angelo, via San Mamolo 24 a Bologna
A cura di  Eur-eka
con
Giancarlo Chetoni
Fabrizio di Ernesto
modera Eduardo Zarelli, responsabile di Arianna editrice

La distanza da Aviano ai Caraibi

Rassegna settimanale, a carattere non periodico, dei termini usati nei motori di ricerca per trovare il blog:

  • danno all’immagine della p.a.
  • chicca iraq base
  • la conobbi la prima volta nella sede del
  • crisi economica industria cinematografic
  • cosa sono le armi convenzionali
  • cabina telefonica
  • pioppo in serbia
  • approntamento furgoni kangoo
  • il nuovo canale del nilo 2014
  • popolazione adulta caucasica
  • pubbblicità progresso
  • il colosseo giocattolo
  • self service bye bye
  • europa come destinazione turistica
  • gladio a pordenone
  • quanto costa un joint strike?
  • foto di speranza free
  • otpor brucia schede in parlamento
  • “pedoprete”
  • distanza da aviano ai caraibi

Qualcuno ci legge

byebyeunclesam-banner

La missione militare della NATO: un fallimento su tutta la linea.
Articolo a firma di Simonetta Cossu apparso su Liberazione del 20 settembre u.s., pp. 2-3.

Un fantastico post

pepe_escobar

Maybe not as much as Americans, European taxpayers are also being fleeced. In a devastating post at the Italian byebyeunclesam blog, Giancarlo Chetoni explains how Afghanistan is costing Italian taxpayers 1,000 euros (US$1,433) a minute, or 525.6 million euros a year, to “free the country from terrorism and drugs”. Surrealism is the norm. Italy famously gave 52 million euros to “reform Afghanistan’s judicial system” when, Chetoni notes, “3.5 million penal cases and 5.4 million civil lawsuits are currently pending” in Italy. During the next four years, Italy will practically double its contingent, from 3,250 troops to more than 6,000.

Grazie, Pepe.
[La traduzione italiana dell’articolo è qui].

English corner

byebyeunclesam-banner

Riepiloghiamo – divisi per categoria – gli articoli del blog per i quali è disponibile anche la versione in lingua inglese:

Afghanistan
Operazione SarissaOperation Sarissa

Italia
In Italia convergenza bipartisan sul JSF“Bipartisan” concurrence on the JSF in Italy
Una tigre nel motoreA tiger in their tank

NATO-Amerika
Soldati americani in giro per il mondoAmerican soldiers all over the world
La NATO secondo John KleevesNATO according to John Kleeves
Testate nucleari USA in EuropaUSA nuclear warheads in Europe