La globalizzazione del potere militare: l’espansione della NATO

Nell’articolo che presentiamo quale “inaugurazione” del blog, la questione al nostro ordine del giorno viene inquadrata come meglio non si potrebbe.
La posta in gioco? Il controllo dell’Eurasia e, conseguentemente, il dominio del Mondo.
Questo il punto di partenza, contiamo di andare lontano, aggiustando la mira di mano in mano.
Vi preghiamo, inoltre, di leggere il nostro biglietto da visita.

La prospettiva militare globale e le ambizioni geopolitiche della NATO sottolineano ed evidenziano le direttive militari e le operazioni della NATO. Il sistema di alleanze militari si sta compattando e i suoi principali obiettivi sembrano essere i giganti eurasiatici: la Russia, la Cina e forse l’India. L’espansione della NATO non si limita all’Europa e all’ex-Unione Sovietica, ma persegue ambizioni globali. In Asia, dalla rete di alleanze della regione Asia-Pacifico si sta formando un’alleanza parallela alla NATO. La Cina, la Russia e l’Iran si trovano ora in prima linea in una riluttante coalizione eurasiatica che si sta costruendo per contrapporsi alla NATO e agli Stati Uniti. Alla fine i tempi dell’allargamento della NATO potrebbero decidersi in Medio Oriente. Se il Medio Oriente cadrà sotto il controllo totale dell’alleanza anglo-americana e della NATO si creeranno le condizioni per una nuova fase della “guerra lunga” che condurrà dritto al cuore dell’Eurasia.

La versione integrale dell’illuminante articolo di Mahdi Darius Nazemroaya, ricercatore associato presso il Centre for Research on Globalization, è qui.