Sergio Marchionne e una ristretta lista di invitati

italia usaVenezia, 31 maggio – La ventiquattresima edizione del Workshop del Consiglio per le Relazioni fra Italia e Stati Uniti si terrà a Venezia, presso l’Hotel Excelsior Lido, venerdi 7 e sabato 8 giugno 2013. La conferenza internazionale sarà riservata ai membri del Consiglio e a una ristretta lista di invitati, tra i quali esponenti del mondo della politica, della cultura, dell’industria e della finanza.
Il Workshop di Venezia è una delle principali iniziative del Consiglio Italia-USA, associazione privata volta a sviluppare i rapporti transatlantici e la partecipazione italiana in essi. Il Consiglio è attualmente presieduto per la parte italiana da Sergio Marchionne, Amministratore delegato di Fiat SpA, Presidente di Fiat Industrial SpA e Presidente e Amministratore delegato di Chrysler Group LLC, e per quella americana da David W. Heleniak, Senior Advisor di Morgan Stanley. Sergio Marchionne aprirà il Workshop con un discorso di benvenuto. I keynote speech saranno tenuti, nell’ordine, da David H. Thorne (Ambasciatore USA in Italia), Enrico Giovannini (Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali), Fabrizio Saccomanni (Ministro dell’Economia e delle Finanze) e Giuliano Amato (già Presidente del Consiglio).
(Adnkronos)

Il mago Marchionne

“Che la piccola utilitaria di Fiat, la 500, retrò sia nell’eleganza che nell’efficienza, potesse correre e vincere sul mercato statunitense era un una fantasia alla quale credevano soltanto i tappetini della stampa e della politica nostrana, i quali si sono lasciati abbagliare da Marchionne per timore di essere accecati dal faro di Obama. Quest’ultimo ha investito molto sull’Ad del Lingotto, non tanto per salvare Chrysler ma per mettere le ganasce ad un’Italia apparsa troppo spericolata e fuori controllo sulle piste internazionali, con Berlusconi che si recava in Lada alla dacia di Putin. Ovvio che nessuno desidera un frontale con l’Hammer di Washington per paura di rimetterci il telaio e la carrozzeria ma oliare così spudoratamente le qualità dell’uno per compiacere l’altro denota nessuna dignità professionale. Poiché alla Casa Bianca non bastava un cavallo di Troia per entrare a Roma, Obama si è affidato a tutto il “cavallaggio” della casa torinese. In tal maniera, giornalisti di tutte le “testate”, esperti di ogni sterzata e leader partitici di varie metallizzazioni si sono riverniciati d’accondiscendenza e si sono prodotti in esaltazioni accelerate dell’italo-canadese che dimostrava sicurezza sul lavoro ed affidabilità nella vita privata, con quel pullover così sobrio ed elegante come un coprisedile, precorritore dei tempi del loden e della Redenzione Morale. Ma il ceo di Chieti, divoratore di operai e sindacati, fagocitare di accordi e di contributi di Stato, serbatoio di pensieri e catalizzatore di speranze irrealizzabili, da buon superdotato con uno scappamento abnorme di chiacchiere e di promesse, ha ammesso di aver fatto una grande cazzata. Scegliere di volare negli USA con una autovettura che gli americani avrebbero visto bene in giardino con i sette nani è stata una mossa da ubriachi al volante. Se il celebrato talento dell’automobile fa adesso retromarcia mostrando un po’ di finta resipiscenza ed annunciando la sua rottamazione per il 2015, i marmittoni decerebrati dei mass media italiani, nonostante la sportellata in faccia ed il fumo alzato in tutti questi mesi, provano ancora a nascondere l’incidente che potrebbe segnare la definitiva scomparsa del marchio piemontese oltreoceano. Il colpo sarà difficilmente ammortizzato anche perché il Mago Marchionne ha il cilindro rotto come i cilindri dei suoi macinini che si scassano durante i lanci pubblicitari. Meglio dunque riporre tutti i sogni nel bagagliaio e scendere con i piedi per terra. Ma, soprattutto, ora che è chiaro a tutti che Marchionne non è della stazza declamata, sarà opportuno chiedere seriamente conto dei 20 miliardi d’investimento da lui assicurati per rilanciare gli stabilimenti nel nostro Paese e di cui non si è vista ancora alcuna traccia. Costui starà pure tentando di rilanciare la Panda ma i nostri connazionali non hanno nessuna intenzione di diventare una specie in via di estinzione industriale.”

Da Il mago coi cilindri rotti, di Gianni Petrosillo.
[Collegamenti nostri]

Dal Lingotto al Gattopardo

Kennst du das Land,
wo die Betrüger blühn?

L’uomo dell’anno, secondo Gianni Riotta, rivendica la sua appartenenza all’era cristiana e relega i metalmeccanici della FIOM e ogni suo avversario o critico all’era pre-cristiana.
C’è invece chi fa risalire i suoi comportamenti a quelli dei dinosauri del Giurassico Superiore.
A noi, afflitti da una visione geologica e storica più limitata, ricorda un personaggio letterario più recente, mirabilmente descritto mezzo secolo fa da Giuseppe Tomasi di Lampedusa ne “Il Gattopardo”: il faccendiere rozzo e rampante Don Calogero Sedara che approfittando della decadenza della nobiltà latifondista siciliana e del subbuglio garibaldesco del 1860 arraffa terreni e quattrini, sposa la causa sabauda-piemontese, si dà una ripulita con il matrimonio della figlia con il principe Tancredi e diventa senatore del Regno.
Per mancanza di scrupoli, decisionismo, irresponsabilità sociale e violazione di norme, statuti e diritti dei lavoratori – i “ca’funi” di centocinquanta anni fa – l’italo-canadese Marchionne non ha nulla da invidiare al Sedara ma una cosa è certa: anche ai fini dell’immunità parlamentare non darà la scalata ad una delle due Camere.
(…)
Sono d’obbligo a questo proposito alcune meste considerazioni sul ruolo dell’informazione in Italia.
(…)
A nessun organo dell’informazione è passato per l’anticamera del cervello di chiedere non solo al giovin signore John Elkann ma alla miriade di eredi Agnelli, Rattazzi&Co. se si siano per il momento accontentati delle poche decine di milioni elargite loro in borsa dall’AD o se insistano per liquidare su due piedi non solo l’Alfa come sostiene la stampa tedesca ma l’intera FIAT auto italiana senza attendere i dodici mesi di grazia apparentemente chiesti loro dallo stesso AD. I “molti, maledetti e subito” degli eredi dell’avvocato costituiscono un ostacolo non irrilevante per il grande imbonitore alle prese con una Chrysler più decotta del previsto e con la scadenza del gennaio 2012 entro cui dovrà restituire in contanti ai Governi degli Stati Uniti, del Canada e alle banche americane sette miliardi e mezzo di dollari più un miliardo e novantanove milioni di interessi per evitare di far la fine di altri imbonitori italiani nella repubblica stellata come lo infamous salvatore della lira. Nessun giornalista italiano gli chiede come fa a scommettere a parole sul successo di modelli “gas guzzlers” riciclati come la SUV, Jeep Cherokee e la Chrysler 300 con il petrolio che marcia verso i cento dollari al barile o, all’altro estremo, della 500 che data l’obesità degli improbabili acquirenti USA richiederà come accessorio essenziale un apriscatole.
E gli interrogativi mai posti non si fermano qui: perché non si consultano quotidiani di poco tempo fa come il “Frankfurter Algemeine” o il “Frankfurter Rundschau” per ricordare a tutti quali furono i motivi che indussero il governo federale tedesco e il sindacato IG-Metal a sbattere la porta in faccia a Marchionne che voleva acquistare la Opel con impegni altrettanto aleatori di quelli assunti oggi con la Chrysler, per non parlare dei venti miliardi nella FIAT Auto sui quali “è offensivo” chiedere ragguagli di sorta?
(…)
Nell’expertise e nel patrimonio tecnologico portato in dote da Sergio Marchionne ha creduto solo il Presidente Obama che pur di salvare dalla disoccupazione 58.000 metalmeccanici di quegli Stati che gli avevano assicurato la vittoria nelle presidenziali avrebbe affidato la Chrysler al fratello di Bin Laden. E c’è da chiedersi perché nel maggio del 2007 la Daimler-Benz liquidò con una perdita secca di 600 milioni, a cui altre non meno gravose seguirono, il controllo della stessa compagnia e quale ruolo abbia avuto e tuttora probabilmente ha il gruppo finanziario “Cerberus Capital Management L.P.” nel fallimento (Capitolo 11 di bancarotta) del 2009 e poi nelle intese con la FIAT.
E’ mai possibile che nessuno dei giornali e telegiornali italiani abbia spedito un solo inviato alle locals del sindacato “United Automobile Workers, USA” o a quelle più agguerrite dello Stato canadese dell’Ontario per capire cosa pensi la base operaia degli enormi sacrifici accettati dai loro vertici sindacali? E’ possibile che vere e proprie pubblicità occulte vengano travestite da inchieste giornalistiche sulla stampa nazionale?
E’ ovviamente possibile perché la FIAT è la principale inserzionista pubblicitaria di quotidiani, periodici e TV nazionali, anche se da un paio di settimane la presentazione dei suoi prodotti è praticamente assente dai mass media mentre è diventata massiccia quella della concorrenza straniera.
Per concludere chiediamo venia a Johann Wolfgang Goethe per aver sostituito zitronen (limoni) con betrüger nel famoso interrogativo su citato che tradotto in italiano recita “Conosci tu il paese dove fioriscono i cialtroni?”.

Da Sergio Marchionne come Don Calogero Sedara, di Lucio Manisco.

[grassetto nostro]