Il significato della guerra informatica

“Non stiamo semplicemente assistendo a un fiorire di leggende urbane, dietrologia e paranoia; il punto è che in guerra è la verità stessa a costituire oggetto di contesa. Le fonti di informazione filo-americane cercano di distrarre l’opinione pubblica dalle responsabilità della NSA. Governi seri dovrebbero chiedere i danni agli USA; conviene pertanto incriminare i malvagi Russi, i Siriani e i Nord Coreani. Dall’altra parte del fronte, le fonti di informazione di parte avversa sottolineano come gli USA impieghino comunemente queste armi per colpire i Paesi non sottomessi e mantenere gli alleati sotto ricatto. Si veda il caso di Stuxnet, un virus informatico creato dagli USA e da Israele nel 2010 per colpire la centrale nucleare iraniana di Natanz, e altri ben noti casi rivelati dall’ex collaboratore della CIA Edward Snowden. Da un punto di vista semiotico, non vi è differenza tra guerra e comunicazione sulla guerra: in guerra gli enunciati sono armi e le armi sono enunciati. La propaganda è un’arma più potente di un bombardamento, in grado com’è di inventare o di occultare uno sterminio; d’altro canto, anche la così detta “madre di tutte le bombe” è un messaggio eloquente. Non senza ragione Bill Gates, nel denunciare le responsabilità dell’amministrazione USA, ha paragonato il furto di questi programmi allo smarrimento di un missile tomahawk. Occorre un “cambio di analogia”: nell’immaginario giornalistico e di massa le attività di hacking sono considerate alla stregua di un furto, mentre sono una vera e propria guerra, condotta tra governi, tra governo e multinazionali, tra governo e gruppi politici.
Si tratta peraltro di armi estremamente economiche da sviluppare. E’ certamente più semplice scrivere un’applicazione che arricchire l’uranio. Una parte crescente dell’economia degli Stati emergenti, dall’India a Israele (da cui provengono le chiavette USB), è legata all’informatica e alla programmazione. I computer sono tecnologie piuttosto economiche, e i giovani di quei Paesi sono concorrenziali sul mercato mondiale. Occorrerebbe sbarazzarsi anche dell’illusione per cui i Paesi occidentali sono i detentori di ogni segreto o innovazione tecnologica. E’ un fatto: la guerra informatica riporta in equilibrio la balance of power a favore degli Stati più poveri, comunque essi siano schierati.
(…)
Come abbiamo visto, la cyber-guerra in corso può essere interpretata in termini di politiche internazionali. Da un lato abbiamo un attore, gli USA, che impiega queste armi per colpire i Paesi avversari e i loro popoli, “spegnendo” una rete di centrali elettriche o infiltrandosi in un sistema bancario. Dall’altro le stesse armi possono essere impiegate contro gli USA da quei Paesi che ne contendono la supremazia, perché sono economiche e semplici da sviluppare. La competizione si sposta allora sulla potenza di calcolo e sullo sviluppo di nuovi sistemi. Tale guerra coinvolge multinazionali americane, europee, cinesi, e si estende ad ogni campo: Google sviluppa sistemi quantistici di intelligenza artificiale in modo che le macchine possano apprendere più in fretta e con risultati migliori; la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) ha erogato un prestito di 25 milioni di euro a Qwant, il motore di ricerca europeo che rispetta la privacy degli utenti, per impedire che ogni giorno esabyte di dati sui cittadini europei finiscano nei server degli alleati statunitensi.
D’altro canto, la vicenda della cyber-sicurezza si presta a una lettura in termini di disuguaglianza. Malwaretech, eroe per caso, è un giovane disoccupato, un perdente come tanti altri. Al contrario, gli amministratori di società private e pubbliche colpite dal virus non sembrano avere competenze nell’ambito della sicurezza. Nessuno di noi lascia la porta aperta, nell’uscire di casa; il dirigente d’azienda medio non si rende neppure conto che il portone è spalancato. Dieci anni di crisi economica in Occidente hanno avuto per effetto un mancato ricambio generazionale: tassi di disoccupazione giovanile alle stelle, precariato, impossibilità per un’intera generazione di accedere a ruoli dirigenziali. In questo modo si è ostacolata anche la diffusione di competenze fondamentali, data l’onnipervasività dell’informazione nella società tardocapitalistica. Inoltre, chi vive una condizione di esclusione non deve nulla allo Stato o a aziende che limitano creatività e libertà. Il risultato non può che essere una sorta di vendetta pre-politica: ecco che nascono gruppi dediti a pratiche illegali, legittimati dal fatto che il web è terreno di guerra tra grandi agenzie e organizzazioni pubbliche e private: un campo di battaglia in cui uno Stato può sabotare una centrale nucleare mettendo a rischio l’ambiente di una regione, e allo stesso modo un magnate può boicottare l’economia di una nazione speculando contro una certa moneta. In questo ritorno a uno stato di natura hobbesiano non c’è diritto che tenga. I gruppi di pirati adottano le giustificazioni ideologiche più varie, anarchiche, libertarie, o al contrario nazionaliste o religiose, ma sono ugualmente il frutto di due condizioni: (1) vivono in un territorio in guerra, il web; (2) sono il prodotto di un’economia criminogena, il capitalismo.”

Da Attacchi informatici e guerra planetaria, di Francesco Galofaro.

Le democrazie dell’Europa e la NATO

“Per decenni durante la Guerra Fredda, alle democrazie dell’Europa è stato chiesto fondamentalmente di concentrarsi solo sulla propria difesa da attacchi del blocco sovietico mentre gli Stati Uniti si dimostravano leader nel mondo ed investivano nella preparazione delle proprie truppe, nelle capacità di proiezione di una forza globale, nell’introduzione di munizioni a guida precisa e di tecnologie avanzate; gli Stati dell’Europa crebbero al sicuro dispiegando forze militari concentrate prevalentemente sulla propria difesa.
Ora gli Stati Uniti sono alla ricerca di un reale, complessivo sostegno dai principali Stati dell’Europa nei combattimenti in Afghanistan. Spero che i tentativi da parte dei principali Paesi dell’Unione Europea di: sviluppare una capacità di trasporto aereo strategico; acquisire tecnologie militari avanzate; e preparare almeno alcune truppe per un rapido impiego siano un segnale che essi riconoscono che l’Europa non può continuare a lasciare che gli Stati Uniti assumano tutta la responsabilità per la sicurezza e la stabilità globali.
Di certo, spero che la missione dell’UE per combattere la pirateria al largo delle coste dell’Africa orientale sia un segnale di nuovo attivismo, ma non sono eccessivamente ottimista. I principali Stati europei continuano ad assegnare risorse insufficienti alla difesa e, quando dispiegano truppe in operazioni militari veramente importanti, come in Afghanistan, molti di loro limitano l’esposizione al combattimento delle proprie truppe mediante i “caveat”.
I principali governi europei non possono aspettarsi che gli Stati Uniti continuino ad offrire la garanzia della loro sicurezza se essi persistono in comportamenti usuali come: amoreggiare con le vendite di armamenti a Cina e Russia; commerciare con Paesi come l’Iran; e voltarsi dall’altra parte quando i dittatori reprimono l’opposizione, sia a Cuba, Russia, Sudan od Iran. L’Europa rimane ovviamente importante per gli Stati Uniti, ma i nostri appelli per un sostegno non devono restare inascoltati.
Inoltre, il futuro di piccoli Stati, come la Georgia, non può essere sacrificato per questioni di commercio europeo e della mancanza di volontà di agire in difesa di un “Europa integra e libera”. Infine, noi tutti diamo il benvenuto agli sforzi dell’Unione Europea per migliorare le capacità di difesa europee, ma speriamo che questi sforzi non giungano a spese della NATO e della sua abilità nel garantire la sicurezza dell’Europa ed affrontare nuove minacce.”

Ileana Ros-Lehtinen, membro del Comitato Affari Esteri della Camera dei Rappresentanti statunitense, durante l’audizione su La sicurezza transatlantica nel 21° secolo: le nuove minacce richiedono nuovi approcci?, tenutasi lo scorso 17 marzo.

“Riformare e rivitalizzare la NATO sarà un’impresa enorme che esige la direzione americana ed un’Amministrazione impegnata per un’agenda con la NATO al primo posto. Senza la leadership americana, la NATO fallirà. L’opportunità d’oro di ringiovanire la NATO è nel preludio al vertice NATO di Lisbona alla fine di quest’anno, dove sarà reso noto l’ultimo Concetto Strategico. Il Concetto Strategico della NATO delinea lo scopo dell’alleanza, l’organizzazione, ed i compiti e sarà fondato su una percezione aggiornata della minaccia. La NATO, come qualsiasi organizzazione veramente strategica, possiede meccanismi di sua fattura per riconoscere ed affrontare il cangiante ambiente della sicurezza, come fece con i nuovi Concetti Strategici nel 1991 e nel 1999. (…)
E’ vitale che nel riconoscere le nuove minacce, come il cyberterrorismo e la proliferazione dei missili balistici, la NATO non possa semplicemente affrontarle solo a parole. Per confrontarsi con la vasta gamma di minacce simmetriche ed asimemetriche che riguardano l’alleanza sono necessarie risorse e volontà politica. (…)
Soprattutto, gli Stati Uniti devono rinforzare l’egemonia della NATO nell’architettura della sicurezza europea. Se l’egemonia della NATO nell’architettura della sicurezza transatlantica non fosse aumentata, poco altro può essere raggiunto. Né l’Unione Europea né la Russia sono in grado di soppiantare il ruolo direttivo dell’America sul Continente in modo stabile, produttivo o sano.
(…)
Sotto questo aspetto, la NATO deve rimanere la pietra angolare della sicurezza dell’Europa. L’UE non ha ancora risolto la tendenza centralizzatrice dei suoi gruppi dirigenti di fare dell’Europa un controbilanciamento degli Stati Uniti, piuttosto che un complemento. Pertanto, nei termini di ridefinire la relazione NATO-UE, gli Stati Uniti dovrebbero adottare sei semplici principi:
– l’egemonia della NATO nell’architettura della sicurezza europea è suprema;
– l’UE dovrebbe rappresentare un complemento civile alla NATO piuttosto che avere un’identità militare separata;
– l’UE non dovrebbe duplicare le attività della NATO, inclusa ogni distinta capacità europea di pianificazione operativa e comando;
– la NATO deve mantenere almeno un Comando Supremo negli Stati Uniti;
– la NATO deve riservare tutte le proprie risorse esclusivamente per le missioni NATO; e
– i beni e le risorse per missioni esclusivamente dell’UE devono essere fornite in aggiunta ai – non al posto dei – contributi dei membri alla NATO.”

Sally McNamara, integralista atlantica in servizio come analista per gli affari europei presso la Heritage Foundation, durante la medesima audizione.
[Traduzione e grassetti nostri]

L’ennesimo attacco travestito da difesa

Nel corso di una simulazione tenutasi a Washington lo scorso mese (dal significativo nome di Cyber Shock Wave) uno scenario virtuale ma altamente spettacolare è stato scrupolosamente suscitato: almeno 40 milioni di cittadini senza corrente elettrica, 60 milioni senza telefono, sistemi finanziari bloccati e a rischio e i vertici del Pentagono in ginocchio! Dalla situation room – in cui erano presenti fra l’altro l’ex capo dei servizi segreti John Negroponte, il generale Wald, già vicecomandante delle forze USA in Europa e Stephen Friedman, consigliere economico di George Bush – il responso è stato perentorio: “Non siamo preparati ad affrontare e contrastare questo genere di attacchi”.
Nel maggio 2009, del resto, il Presidente Obama era personalmente sceso in campo: “I nostri network militari e di sicurezza sono costantemente sotto attacco”, aveva rivelato.  “Si tratta della sfida economica e di sicurezza più importante per la nazione”.
In Israele denuncia analoga proviene dal professor Yaniv Levyatan dell’Università di Haifa, che ha sottolineato – in un intervento ospitato sulla rivista ufficiale del Collegio di sicurezza nazionale – la capacità dei “terroristi” a sfruttare le possibilità dell’information warfare: occorre “prestare grande attenzione alle informazioni che circolano sui vecchi e sui nuovi media (…) La raccolta di informazioni deve concentrarsi su aspetti come l’identità dei capi terroristi, la struttura sociale cui appartengono, le loro affiliazioni tribali e politiche” – insomma, una schedatura completa di persone e associazioni sgradite.
In quasi perfetta sintonia Raphael Perl, capo dell’Antiterrorismo dell’Osce , Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. In un’intervista rilasciata ad “Avvenire” egli afferma che “i principali gruppi terroristici svolgono intense attività su Internet, a cominciare dal reclutamento e dall’addestramento delle nuove leve per arrivare alla raccolta e al trasferimento di fondi”, mentre concede che “sulla probabilità di un attacco su grande scala gli esperti sono in disaccordo”; ad ogni modo “l’idea che le minacce alla sicurezza provenienti dal cyberspazio devono essere affrontate in maniera globale” è l’idea giusta, per Perl, per “combattere il cyberterrorismo e il cybercrime”.
Una serie di affermazioni concordanti che sembrano corrispondere a due obiettivi di massima: spaventare l’opinione pubblica, allertandola su un nuovo aspetto dell’incombente terrorismo e compattandola sui “valori occidentali”; e preparare il terreno a interventi censorii, nazionali o preferibilmente internazionali, destinati non già a regolamentare – come sarebbe ragionevole – ma a snaturare la libertà di espressione nella Rete. Portare un attacco, travestendolo come sempre da difesa: lo spirito di Pearl Harbour e dell’Undici Settembre.

Da “Cyberterrorismo” e ipocrisia globale, di Aldo Braccio.