Libertà per Mumia Abu-Jamal

“Quella di Mumia Abu-Jamal è una vita quasi completamente priva della libertà.
Arrestato a 27 anni, accusato della morte di un poliziotto bianco, oggi ne ha 67. Quarant’anni spesi a rivendicare la sua innocenza, è senza dubbio uno dei detenuti americani incarcerati da più tempo, e spera ancora di tornare a casa.
Mumia Abu-Jamal, un giornalista afroamericano vicino alle Pantere Nere, impegnato a combattere la segregazione, ha visto la sua vita sconvolta nel dicembre 1981. All’epoca era un tassista notturno per sfamare la sua famiglia. All’alba del 9 dicembre lascia un cliente in un quartiere meridionale di Philadelphia, Pennsylvania, incappa in una sparatoria e viene ferito. Nella sparatoria viene ucciso un poliziotto bianco, Daniel Faulkner: Mumia Abu-Jamal è accusato dell’omicidio. Malgrado la mancanza di prove e un’indagine fallimentare, Mumia Abu-Jamal viene condannato a morte il 3 luglio 1982.
Grazie alla mobilitazione internazionale e americana, è sfuggito all’esecuzione due volte, nel 1995 e nel 1999. Nel dicembre 2001 la sua condanna a morte viene sospesa, anche se resta rinchiuso nel braccio della morte. Dopo 34 anni di carcere, 30 dei quali sperando di sfuggire all’iniezione letale, la condanna di Mumia Abu-Jamal è stata commutata in ergastolo senza possibilità di libertà vigilata. Nel 2011 viene mandato alla prigione di Mahanoy, a due ore e mezza di macchina da Filadelfia. Mumia Abu-Jamal è ancora lì. Il detenuto AM8335 sta entrando nel suo quarantesimo anno di detenzione.”

Mumia Abu-Jamal, quarant’anni dietro le sbarre di Nadine Epstain continua qui.