In memoria di Pietro Golia

c3l8yrfwcamu1uy
“La scomparsa di Pietro Golia, che va ad aggiungersi a quella di Gerardo Marotta pochi giorni fa, è una grave perdita per il patrimonio culturale napoletano e meridionale, soprattutto per la sua voglia di essere, come la casa editrice da lui stesso fondata, “Controcorrente”, su temi, storici, politici, economici e culturali.
Proprio la sua casa editrice diede voce ad un intellettuale dissidente come Aleksandr Solgenitsin, che nel suo “Due secoli insieme” raccontò del ruolo che ebbe la comunità ebraica russa nella repressione stalinista e nella costruzione dell’apparato dei gulag, un tema come si può immaginare molto scottante soprattutto per i tempi, così come anche fu il primo ad affrontare temi economici come quello del signoraggio (Beppe Grillo, che ne fece uno dei suoi cavalli di battaglia nella fase embrionale, fece riferimento all’opera del Prof. Giacinto Auriti pubblicata proprio da Controcorrente) e del ruolo delle banche centrali, o anche della decrescita (allora non ancora “felice”) come naturalmente il tema dell’unificazione italiana, che nei titoli di Controcorrente assumeva i connotati di un conflitto tra massonerie (quella britannica contro quella francese, a cui evidentemente uno Stato italiano a guida sabauda faceva paura, mentre al contrario Garibaldi come anche Mazzini furono accolti a Londra dalla Regina Vittoria come dei veri e propri eroi) così come assumeva sul piano militare quello di una vera e propria annessione allo Stato sabaudo, con la conseguenza che quelli che venivano chiamati “briganti” in realtà erano semplicemente resistenti all’invasore.
Il filone prominente di Controcorrente era però quella sulla storia antica e moderna di Napoli, per Controcorrente uscirono i primi lavori di Maurizio Ponticello, come “Napoli, città velata”.
Quale miglior modo per ricordare una figura come Pietro Golia di ripubblicare un’intervista che chi scrive realizzò nel 2008, ai tavolini del Gran Caffè Gambrinus.
Ritroverete molti temi ancora attuali, nel pensiero e nel mondo della vita di un intellettuale controcorrente, perchè ha sempre preferito il sentimento alla ragione.”

Pietro Golia, una vita Controcorrente, il sentimento prima della ragione di Pietro Pizzolla continua qui.

putinxsito1

dussouy-1

copertina-palestina1-533x600

lager

comunitarismo

robincopertinaxsito1-300x423

Fondare lo Stato europeo

12472778_658383867633194_3780039549179106104_n

Per Gérard Dussouy un’altra Europa è possibile. Un’Europa libera dall’incubo tecnocratico, mondialista e turbofinanziario di Bruxelles.
Un’Europa di civiltà radicata nella storia, sorta nella luce dell’Antica Grecia, di Roma, erede dei popoli fratelli Celti, Germani e Slavi che fecondarono nei secoli la sua identità.
Un’Europa che ora sembra incamminarsi verso la dissoluzione nichilista e che, in virtù di un corto circuito sistemico, potrebbe rinascere in una Federazione continentale di identità e popoli uniti da una missione storica da compiere. Una Federazione che sia strumento politico al servizio delle comunità che la innervano.
Gérard Dussouy è convinto che lo stato di crisi di questi tempi sarà investito dalla necessità dello Stato europeo e dalla riscoperta della volontà comunitaria di esistenza. La sovra-nazionalità è la sola via per recuperare la potenza e la sovranità.
L’identità dovrà mettersi alla prova come coscienza e si affermerà come volontà.
Un rapporto privilegiato con la Russia trasformerà questo grande spazio geopolitico in soggetto e protagonista di storia, di libertà, di indipendenza e di pace.
Restando sul terreno di un solido realismo politico, Gérard Dussouy illustra una possibile alternativa vincente, un’ardita visione del futuro.

Gérard Dussouy, politologo, è docente presso l’Università di Bordeaux.
Tra i suoi lavori, un Trattato di Relazioni Internazionali in tre tomi (Le teorie geopolitiche, Le teorie interstatali, Le teorie della mondialità) e Quale geopolitica nel XXI secolo?.

Fondare lo Stato europeo. Contro l’Europa di Bruxelles,
di Gérard Dussouy.
Con prefazione di Dominique Venner,
Edizioni Controcorrente, pp. 160, € 20