Vicenza libera dalle servitù militari!

volantinoa5_fronte_2lug2013-01Quando migliaia di persone scendono in strada e riempono le piazza di una città, ci possono essere due ragioni: o c’è una festa, o c’è un problema.
Quando migliaia di persone manifestano, si mobilitano, dedicano del tempo a una causa, non c’è mai in gioco una mera questione materiale, ma un sogno.
Nel nostro caso, quel sogno è vedere Vicenza libera dalle servitù militari. Ed è a coltivare questo sogno che, da sette anni, in tante e tanti ci dedichiamo.
Per questo, nella giornata in cui gli statunitensi inaugurano il Dal Molin, noi torneremo in piazza per aprire la campagna che, fino al Festival NoDalMolin, porterà ancora in piazza la nostra indignazione.
Vicenza libera dalle servitù militari ha significato, in questi anni, il Parco della Pace, strappato ai reticolati con i quali gli statunitensi avevano progettato di circondare quel grande fazzoletto verde. Ma, anche, il congelamento di un nuovo progetto di espansione statunitense a Site Pluto, dove sarebbe dovuto sorgere un nuovo complesso per l’addestramento alla guerra.
Vicenza libera dalle servitù militari significa, nel nostro domani, lavorare per il futuro dei propri figli e non per coloro che vanno in giro per il mondo a uccidere i figli altrui; conoscere i malanni della propria terra – e poterli prevenire – e non subire la sorpresa dell’ennesima alluvione; investire le nostre risorse comuni in scuola, sanità, servizi agli anziani, welfare, e non nella costruzione di infrastrutture necessarie agli eserciti stranieri.
Vicenza libera dalle servitù militari significa poter attraversare ogni angolo della propria terra, senza un filo spinato che lo possa impedire; significa decidere che fare e che costruire nel luogo che si vive; significa difendere e valorizzare i beni comuni per migliorare la qualità della nostra quotidianità.
Il 2 luglio si svolge la cerimonia inaugurale della nuova base USA al Dal Molin. Gli statunitensi hanno scelto un profilo basso, una data infrasettimanale, un momento lavorativo dopo la magra figura rimediata lo scorso 4 maggio quando, di fronte alla mobilitazione cittadina, hanno preferito annullare l’annunciato open day.
Non ci interessa issare una bandiera, vogliamo continuare a mettere mattoncini per costruire il nostro sogno. Per questo, non inseguiremo le cerimonie statunitensi, ma torneremo nel centro della città, con una fiaccolata, come sempre abbiamo fatto nei momenti più forti della nostra mobilitazione. Per dire che, al Dal Molin ci torneremo ancora, in tante e tanti, durante il prossimo Festival NoDalMolin, con una giornata di mobilitazione collettiva che vogliamo costruire insieme in quella che sarà la nostra ottava “campagna d’estate”.
Una campagna caratterizzata da tre punti:
– la richiesta di riconversione immediata di Site Pluto, Fontega e Santa Tecla a usi civili, visto che si tratta di aree militarizzate che gli statunitensi sostengono di non utilizzare;
– la richiesta di desecretazione immediata degli accordi bilaterali del 1954 che regolano la presenza di basi militari USA in Italia e che, in barba alla democrazia e alla trasparenza, non possono essere letti da alcuno;
– la richiesta di costituire un osservatorio cittadino sulle conseguenze della militarizzazione in città che studi le ricadute sanitarie, oncologiche, epidiemoboliche, ambientali, sociali, urbanistiche ed economiche della presenza militare a Vicenza.
Tre mattoncini per un grande sogno che abbiamo appena abozzato, in questi sette anni: Vicenza libera dalle servitù militari. La rotta è chiara, gli strumenti possono cambiare: ma nessuno di noi tornerà a rinchiudersi nelle proprie case.
Martedì 2 luglio, 20.30 Piazza Castello FIACCOLATA. Passa parola.

Fonte
(grassetto nostro)

Via le basi da Vicenza!

L’apertura della base Fontega per permettere ai militari statunitensi di fuggire dalle basi militari vicentine si inserisce nella campagna per rimpatriare i soldati lanciata giovedì scorso dal Presidio Permanente NoDalMolin. Un centinaio di attivisti ha aperto quest’oggi un varco di 40 metri nelle recinzioni di base Fontega dopo che, giovedì scorso, erano state distribuite agli statunitensi le valigie.
Base Fontega è situata nel cuore dei colli berici ed è un’installazione militare che gli statunitensi sostengono di utilizzare come deposito per vecchie munizioni. Se questo è vero, è giunto il momento di smilitarizzare boschi e prati per restituire l’area alle comunità locali; se questo non avviene, i militari devono spiegare ai vicentini quali segreti nascondono al di là delle recinzioni. Per esempio, devono spiegare perché hanno appena restaurato un bunker e decine di mezzi entrano ed escono quotidianamente dall’area, mentre proseguono i cantieri e l’installazione è sottoposta alla sorveglianza militare. O, forse, gli statunitensi spendono milioni di euro per ammirare piante e fiori dei colli berici senza il disturbo dei passeggiatori vicentini?
Abbiamo capito che i soldati statunitensi sono chiusi, a migliaia, nei recinti delle basi militari statunitensi; abbiamo intuito il loro desiderio di tornare dalle proprie famiglie, lasciando ai vicentini il territorio berico; per queste ragioni, gli abbiamo fornito le valigie e, quest’oggi, gli abbiamo aperto un varco.
La prossima iniziativa sarà il 21 ottobre a Site Pluto, con una passeggiata intorno alle recinzioni dell’installazione militare. Sarà una giornata per famiglie, una scampagnata sugli splendidi colli berici intorno alle recinzioni di un territorio nel quale vige il mistero e il segreto militare. Un’iniziativa alla vigilia della riunione del Comipar durante la quale quest’ultimo deve esprimersi sui nuovi progetti statunitensi che il Consiglio Regionale ha recentemente dichiarato irricevibili, impegnando il Presidente Zaia a sostenere la posizione di migliaia di vicentini contrari alle servitù militari statunitensi. L’iniziativa inizierà alle 12.00 con una polentata di fronte agli ingressi di Site Pluto.

Fonte

“Quel piano è una vera follia”

Così affermava il grande urbanista Edoardo Salzano nell’estate del 2006, quando divennero note le intenzioni del governo statunitense di raddoppiare la propria presenza militare sul territorio comunale di Vicenza, già oberato di quasi un milione e mezzo di mq di servitù militari considerando la Caserma Ederle, il cosiddetto “Villaggio della Pace” (sic) – la cittadella che ospita le residenze ed i servizi per le famiglie dei militari stanziati alla Ederle -, le basi sotterranee di Fontega di Arcugnano e di Longare (dove all’inizio degli anni novanta si è verificata una fuga di materiale radioattivo dagli ordigni nucleari ivi custoditi), i centri logistici di Lerino e Torri di Quartesolo. Sulla scorta dell’esperienza passata, che ha visto la Ederle triplicare la sua area, è infatti prevedibile che il nuovo insediamento all’ex aeroporto Dal Molin riguardi non solo l’area una volta adibita ad uso civile ma anche quella a scopi militari, attualmente in dismissione da parte dell’aeronautica italiana.
Per finire (ma chi lo sa?) con la costruzione di un nuovo villaggio – e chissà come lo chiameranno questa volta… – in località Quinto Vicentino, già appaltato alla ditta Pizzarotti di Parma, la stessa che nel 1983 aveva vinto l’appalto per l’installazione dei missili Cruise a Comiso, in Sicilia. In tal modo l’estensione totale degli insediamenti militari a stelle e strisce ammonterebbe a circa 3 milioni di mq, pari al 30% della superficie occupata dal centro storico della città berica, patrimonio dell’umanità secondo l’Unesco.
All’epoca, Salzano sottolineava come le edificazioni in programma non sono previste dagli strumenti urbanistici di pianificazione, andando ad esaurire quasi tutte le cubature e volumetrie contemplate nei piani regolatori per l’intera città. Di lì a poco sarebbero stati stimati da valenti professionisti anche le pesanti ricadute in termini di impatto ambientale della nuova base, sotto i diversi aspetti dell’inquinamento atmosferico (in una città che detiene il poco invidiabile secondo posto fra le più inquinate in Italia), idrico, acustico, elettromagnetico e, presumibilmente, anche radioattivo-batteriologico. Dati altrettanto inquietanti riguardano i consumi di risorse naturali da parte delle future nuove infrastrutture e dai loro occupanti. A cominciare dall’acqua di ottima qualità dell’acquedotto locale, per la quale gli statunitensi avanzano una richiesta di circa tre milioni di mc annui, pari a quello che oggi consumano trentamila vicentini. Analogamente spropositate anche le previsioni per i consumi di gas naturale ed energia elettrica, che del resto loro hanno il privilegio di pagare notevolmente meno del cittadino italiano (a prezzi inferiori, rispettivamente, del 40% e 25%) grazie all’esenzione dalle relative imposte di consumo, quelle tecnicamente denominate “accise”. Di uno sconto ancora maggiore, pari al 65% del prezzo di mercato, beneficiano per l’acquisto del gasolio per riscaldamento, che perciò utilizzano in grandi quantità nonostante il suo forte impatto ambientale.
Coloro i quali, poi, sperano che l’arrivo di ulteriori soldati statunitensi produrrà un grosso vantaggio in termini di un aumento del monte affitti relativo agli appartamenti, rischiano seriamente di rimanere delusi dalle previsioni del consolato che, in virtù della costruzione alla Dal Molin di otto nuove caserme per i militari senza famiglie al seguito, di una sessantina di appartamenti all’interno della Ederle e del nuovo villaggio di Quinto, stima una riduzione dagli attuali 37,5 milioni di euro annui a circa 8,5.