Ennesimo attentato contro Gianni Lannes

In coincidenza con il ventennale dell’affondamento del “Francesco Padre” da parte di unità navali NATO in esercitazione, episodio cui Gianni Lannes ha dedicato un libro uscito nel 2009, il giornalista pugliese nostro ospite a Bologna lo scorso 25 Ottobre subisce l’ennesimo attentato.
Solo per un caso fortuito non ci sono danni a persone, ma solo a case e cose.
Qui le immagini e i collegamenti ad alcuni video che documentano quanto accaduto ieri sera.
E massima solidarietà al nostro coraggioso amico!

[Modificato alle ore 9:37]

La tragedia insabbiata del “Francesco Padre”

Giovedi 10 dicembre, ore 21.30
presso Modo infoshop, Via Mascarella 24/b e 26/a, Bologna:
NATO: colpito e affondato. La tragedia insabbiata del Francesco Padre,
di Gianni Lannes, edizioni La Meridiana

Con l’autore interviene Daria Bonfietti, presidente dell’Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica.
Modera l’incontro Valentina Avon, giornalista.

Se il mare fosse un libro, vi leggeremmo la tragedia di cinque uomini, un cane ed una barca, che il 4 Novembre del 1994 pescavano, come sempre, nell’Adriatico orientale, palcoscenico di una guerra non dichiarata. Il “Francesco Padre”, la barca, ora è un rantolo contorto, i corpi giacciono in fondo al mare. Sono diventati brandelli di umanità insepolta, un attacco militare li ha inabissati sotto una coltre di melma fangosa.
La vicenda rientra tra quelle su cui vige il segreto di Stato. Quella notte, in quelle acque, era in corso l’operazione della NATO “Sharp Guard”.

Gianni Lannes, dal 1987 svolge in Italia ed all’estero il mestiere di giornalista e fotografo freelance. Ha lavorato nei settimanali “Avvenimenti”, “L’Espresso”, “Panorama”, “Famiglia Cristiana”, “Io Donna”, “D – la Repubblica delle Donne”, “Il Venerdì di Repubblica”, “Diario”. Ha scritto inoltre per i mensili “Airone”, “La Nuova Ecologia”, “Medicina Democratica”. Attualmente dirige il giornale on-line “Italia Terra Nostra” e collabora col quotidiano “La Stampa”, nonché con la RAI Radiotelevisione Italiana.