Matteo Renzi e il suo consigliere per la politica estera

renzi_ledeen-620x330

“Da Ledeen a Renzi e ritorno a Tel Aviv. Le stragi non vanno mai in prescrizione anche sotto governi telecomandati dall’estero. Quei 20 chilogrammi di esplosivo che il 2 agosto 1980 fecero saltare in aria la stazione di Bologna provocando 85 morti e 200 feriti non c’entrano niente con il terrorismo palestinese, né tanto meno con il terrorista Carlos. Il giudice per le indagini preliminari di Bologna Bruno Giangiacomo ha recentemente archiviato in via definitiva le indagini a carico dei terroristi tedeschi, Thomas Kram e Margot Christha Frohlich che erano finiti indagati dalla Procura nel filone della pista palestinese soffiata dal Mossad. Dopo 35 anni, tuttavia, la magistratura italiana non ha ancora individuato i mandanti e gli esecutori materiali.
Si trattò di un eccidio anomalo, perché avvenne in una situazione politica stabilizzata; perciò la strage assume la caratteristica di un tentativo di cancellare dalla città, dall’attenzione dei mass media e dell’opinione pubblica, dal dibattito politico, dall’indagine dei magistrati la precedente strage di Ustica.
Il Dc-9 Itavia ammarato il 27 giugno 1980 al largo di Ustica, mentre volava da Bologna a Palermo con 77 passeggeri e 4 membri dell’equipaggio, non esplose in volo e nelle vicinanze c’era almeno un altro aereo che lo attaccò, quasi certamente con un missile, lasciando una traccia radar che per anni era stata scambiata per i rottami del Dc-9 stesso. Lo afferma uno studio del Dipartimento di ingegneria aerospaziale dell’Università di Napoli consegnato ai legali dei familiari di alcune vittime. Gli ingegneri dell’Università Federico II, a distanza di anni dalle ultime indagini tecniche promosse dalla magistratura, sono giunti alla fine del 2014, a queste conclusioni rielaborando con nuove tecnologie gli stessi dati che erano stati acquisiti subito dopo il disastro.”

La strage di Bologna per occultare quella di Ustica, di Gianni Lannes continua qui.

La CIA ha violato le proprie regole sulla sperimentazione umana

stavro_2014-12-09-0720

Justine Cantrel per courrierinternational.com

The Guardian ha pubblicato un documento esclusivo della CIA. Esso rivela che l’agenzia di intelligence americana ha utilizzato tecniche di interrogatorio che potrebbero aver violato le sue stesse regole, che vietano “le ricerche sugli esseri umani” senza il loro consenso.
“La CIA aveva direttive esplicite riguardanti gli ‘esperimenti sugli esseri umani’”, ha rivelato il 15 giugno The Guardian. Direttive che “spingono alcuni detrattori della CIA a chiedere come l’agenzia possa aver attuato le sue ‘tecniche d’interrogatorio rafforzate’ dal momento che essa aveva, a quanto pare, delle regole che vietavano la ‘ricerca sui soggetti umani’ senza il loro consenso informato”.
Queste rivelazioni si basano su un documento esclusivo trasmesso al quotidiano britannico dall’American Civil Liberties Union (ACLU, Unione americana per le libertà civili) che lo ha ottenuto grazie al Freedom of Information Act, una legge americana che obbliga le agenzie federali a trasmettere i loro documenti a chiunque ne faccia richiesta. Secondo il quotidiano britannico, se il documento risale al 1987, esso è stato aggiornato, e tutto fa pensare che rimanga in vigore ancora oggi. C’è scritto che il direttore della CIA ha il potere “di approvare, modificare o disapprovare tutte le proposte riguardanti la ricerca su soggetti umani”.

Tortura sotto gli occhi dei medici
Il documento pone anche domande circa il coinvolgimento dei medici negli interrogatori della CIA. Se la presenza di personale medico agli interrogatori“garantisce” secondo l’agenzia che le tecniche di tortura siano condotte “secondo il rigore medico”, molti medici ed esperti di diritti umani ritengono che le note abbondanti dei dottori della CIA durante gli interrogatori li ha portati ad entrare “nel campo della sperimentazione umana”.
E il problema è che questi esperimenti non hanno potuto essere condotti con il“consenso informato del soggetto”. La CIA non ha mai raccolto il “consenso informato” prima di procedere ai suoi programmi di interrogatori, evidenzia il quotidiano britannico.
Queste rivelazioni rilanciano il dibattito sulla tortura praticata dalla CIA a partire dell’11 settembre 2001. Un rapporto del Senato americano che ha coinvolto la CIA era stato reso pubblico su questo tema nel dicembre 2014.

Traduzione di M. Guidoni

Come ti depisto il pupo

foto-1-638x425

Il caso Ilaria Alpi e un esempio di depistaggio ad opera dell’allora SISDE: mezze verità e grossolane falsificazioni “sapientemente” mescolate per confezionare una realtà di comodo.

“Il giorno 20 marzo 1994, a Mogadiscio, Somalia, venivano uccisi la giornalista RAI Ilaria Alpi e l’operatore televisivo Mirko Hrovatin. L’episodio suscitò viva impressione nell’opinione pubblica italiana anche in relazione alla larga “copertura stampa” derivante dall’ovvio coinvolgimento emotivo dei redattori dei tg del servizio pubblico.
Nei primi reportage l’agguato veniva inserito nell’ambito della “guerra commerciale” tra la società italo-somala “Somal-Fruit”, che aveva fornito gli uomini di scorta e la “tecnica” ai due giornalisti, e la multinazionale “Dole” per il controllo dell’esportazione delle banane.
In seguito, altre ipotesi sono state avanzate e, tra queste, la più accreditata risulta essere quella secondo la quale la Alpi e il suo collega sarebbero stati uccisi per via delle loro inchieste su un traffico di armi condotto da personaggi inseriti, a vario titolo, nei programmi di cooperazione tra Italia e Somalia.”

Il memorandum, troncato e senza data, è disponibile qui.

[Da leggere e da vedere: Ilaria Alpi, cronaca di una vergogna]

Stato, mafia e Gladio

Il giornalista Maurizio Torrealta risponde a una domanda in merito al processo di Palermo sulla trattativa Stato-mafia, affermando che in realtà i soggetti coinvolti erano (sono?) tre, non due: Stato, mafia e servizi segreti atlantici, cioè Gladio-Stay Behind, impropriamente detti “servizi deviati”.
E cita un episodio, un convegno a Courmayer, dove il figlio di William Colby, ex capo della CIA per molti anni, gli disse che Cosa Nostra era tutta “arruolata”…

Un altro agente all’Avana

“Il cubano sa da sempre chi è il vero nemico di Cuba”
Raul Capote*

Un’esperienza di ordinario “regime change” raccontata da chi l’ha vissuta direttamente sulla propria pelle.
In un momento in cui sembra che i media stiano “sdoganando” la questione Cuba ma in effetti stanno invece aumentando la ridda delle contraddittorie e “improbabili” informazioni, questa è l’occasione – straordinariamente utile e propizia – per fare luce e chiarezza, per conoscere e capire il vero stato dell’arte del processo di normalizzazione delle relazioni in corso tra Cuba e Stati Uniti dalla viva e orgogliosa voce di un eroe della Rivoluzione.
Raul Capote, docente dell’Università dell’Avana, è stato “reclutato” dall’Ufficio di Interessi degli Stati Uniti per selezionare e aggregare studenti con il fine di costituire piccole cellule di “dissenso” al soldo della CIA.
Raul Capote accettò l’incarico, ma lavorò al fianco dei Servizi di Sicurezza cubani per raccogliere le prove e smascherare l’ennesimo tentativo di destabilizzazione perpetrato dal Governo degli Stati Uniti.
Un altro agente all’Avana (Zambon, 2015) è la denuncia di come la CIA abbia destinato centinaia di milioni di dollari a piani di sovversione politico-ideologica orientati ai giovani, il settore chiave della popolazione.
Dice Capote: “I nemici della Rivoluzione sanno di aver perso la guerra contro la leadership storica della Rivoluzione, l’ho sentito dire da tanti funzionari della CIA. Così hanno deciso di scommettere su quelli che loro chiamano i nipoti della Rivoluzione. Non dobbiamo dimenticare che viviamo in un mondo governato dalla cultura capitalistica e i nostri giovani conoscono il capitalismo attraverso di noi. I nostri detrattori lo sanno bene: è una guerra che si combatte soprattutto nella testa, e vogliono vincerla imponendo i valori della cultura capitalista tra le nuove generazioni. Se il libro aiuterà a chiarire la verità, se servirà come strumento di interpretazione, come argomento ai combattenti nella lotta delle idee, se contribuirà a dare coraggio ai timidi, a istruire gli ignoranti, a convincere gli scettici, a preoccupare gli indifferenti e a infastidire e denunciare i traditori, allora avrà raggiunto il suo scopo. Una cosa da poco, no?”.

Raúl Antonio Capote Fernández (La Habana, 1961). Laureato in Storia dell’Arte, Master in Relazioni Internazionali, dottore in Scienze Politiche. Scrittore, Investigatore, analista dei problemi di Sicurezza Nazionale, membro dell’Unione degli Storici Cubani, dell’Unione dei Pedagoghi Cubani e della Giunta Nazionale della Società Culturale José Martì, professore dell’Università di Scienze Pedagogiche Enrique José Varona e dell’Istituo Superiore di Arte.
Autore dei libri ‘El caballero ilustrado’ (Romanzo, Editorial Letras Cubanas, Cuba, 1998); ‘Juego de Iluminaciones’ (Racconti, Casa editora Abril, Cuba, 2000); ‘El adversario’ (Romanzo, Editorial Plaza Mayor, Puerto Rico, 2005; Editorial Letras Cubanas, Cuba, 2014); ‘Enemigo’ (Testimonianza, Editorial José Martí, Cuba, 2011; Grupo Editorial AKAL, España, 2015).
Diversi suoi testi sono stati inclusi nelle antologie nazionali e internazionali. Collabora con diversi siti digitali come ‘Cubadebate’, ‘Las Razones de Cuba’, ‘Cubasí’; i periodici ‘Granma’, ‘Juventud Rebelde’ y ‘Trabajadores’ hanno pubblicato suoi lavori così come la rivista ‘Calle del Medio’. Ha lavorato dagli anni ’90 per agenzie e organizzazioni del Governo degli Stati Uniti come la USAID e la ‘Fundación Panamericana para el Desarrollo’. E’ stato reclutato dalla CIA nel 2004 e ha servito nelle sue fila fino al 2011, quando partecipò alla denuncia pubblica, trasmessa dalla televisión cubana nella serie conosciuta come ‘Las Razones de Cuba’, dei piani del Governo degli Stati Uniti contro Cuba, in cui si rivelò che in tutti quegli anni c’era stato un agente della Sicurezza di Stato cubano che aveva difeso il suo Paese dai piani di aggressione del Governo degli Stati Uniti, infiltrandosi nel lavoro dei Servizi Speciali statunitensi.
Recentemente ha fatto parte della delegazione cubana alla VII Conferenza delle Americhe che si è svolta a Panama, partecipando ai forum della società civile e al Vertice dei Popoli.

*Fonte