Svizzera: pronta per una rivoluzione?

immagine-da-www_ciaocomo_it

Quando l’Islanda ha incarcerato i suoi banchieri qualcosa è cambiato. L’impensabile era accaduto: i veri criminali erano stati portati in giudizio. Ora anche la Svizzera minaccia di licenziare la riserva di valuta legale dei bankster. Ma accadrà?

Josiah Stamp ha detto una volta: “Se si vuole continuare ad essere schiavi delle banche e pagare il costo della propria schiavitù, allora lasciate che i banchieri continuino a creare denaro e controllare il credito.”
Stamp sapeva di cosa parlava. Tra i suoi successi, egli fu nominato direttore della Banca d’Inghilterra nel 1928.
Tutti i cosiddetti Paesi moderni, civili sono sotto lo stivale proprio di questo meccanismo descritto da Stamp. Pochissimi Paesi, come la Libia, l’Irak e la Siria, sono riusciti a raggiungere società altamente sviluppate senza di esso.
Questi Paesi hanno tutti qualcos’altro in comune. E così sia?
Tuttavia, altri Paesi che devono ancora diventare obiettivi di genocidio provocato nelle mani di agenzie degli Stati Uniti si stanno svegliando e annusano la tirannia in gessato.
La Svizzera, ad esempio: non certo un luogo tradizionalmente associato con allucinato fanatismo, la Svizzera è in procinto di votare sul divieto alle banche di creare denaro.
Gli Inglesi giocano a calcio, bevono birra e si picchiano a vicenda nei centri urbani la sera. I Francesi fanno il broncio e alzano le spalle e fanno cose semplici che richiedono molto tempo e costano un sacco. Gli Svizzeri forniscono al denaro un luogo sicuro, noioso dove nulla di drammatico accadrà ad esso, in modo che possa poi essere trasmesso alla generazione successiva di persone ricche – preferibilmente in un importo superiore a quando venne ricevuto – da questa generazione di gente ricca.
Quindi il denaro è al centro di quello che fa la Svizzera.
La Svizzera è anche la sede della Banca dei Regolamenti Internazionali, che – mentre suona eccitante come la contabilità a partita doppia – è, infatti, il ragno al centro di tutta la tela finanziaria. Continua a leggere

I costi occulti dell’atlantismo italiano

EFA
Eurofighter italiani a difesa dello spazio aereo dell’Islanda fino a luglio!
“Lo scopo della missione, che nasce a seguito del ritiro degli assetti aerei USA permanentemente stanziati in Islanda, e in considerazione del fatto che la stessa Islanda non possiede Forze Armate, è quello di assicurare il servizio di sorveglianza dello spazio aereo islandese, alla luce degli impegni che l’Italia ha assunto in ambito NATO.”
Non contenti di ciò, scopriamo: “L’Aeronautica Militare, oltre alla missione in Islanda, sta partecipando alla sicurezza aerea e alla difesa aerea di Slovenia e Albania ormai da anni.”
Triplo evviva!!!

I dettagli sono qui.

Le ceneri del vulcano

Mentre, a partire dalla serata di mercoledì 14 aprile, il traffico aereo civile viene progressivamente interrotto sulla parte europea della zona NATO, una sessantina di aerei dell’Alleanza partecipa ad una vasta operazione di test di nuove armi tattiche collegate allo scudo antimissili [Brilliant Ardent 2010 – ndr]. La Germania, gli Stati Uniti, la Francia, l’Italia, la Polonia, il Regno Unito, la Repubblica Ceca e la Turchia sono i principali Stati coinvolti nell’esercitazione che continuerà fino a giovedì 22 aprile, precisa l’US Air Force.
Secondo l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (OIAC), le ceneri vulcaniche dell’Eyjafjöll possono deteriorare gravemente i reattori degli aerei e strisciare gli abitacoli.
Tuttavia, l’OIAC si fonda sui dati trasmessi dal Volcanic Ash Advisory Centre (VACC), un organo del Met Office britannico. Contrariamente ai suoi omologhi come Météo France, il Met Office non dipende dal ministero dei Trasporti (oggi assorbito nel ministero dell’Ecologia, dell’Energia, dello Sviluppo durevole e del Mare), ma dal ministero della Difesa.
Il VACC formula le sue raccomandazioni principalmente sui dati forniti dai satelliti militari britannici.
Il segretario generale dell’Alleanza, Anders Fogh Rasmussen, ha dichiarato: «Posso assicurarvi che il vulcano islandese non ha alcun effetto sulle nostre operazioni, né sulla difesa territoriale degli Stati alleati». Eppure, i costruttori sottolineano che i reattori degli aerei da caccia nelle normative NATO sono più potenti, ma più fragili di quelli degli aerei civili e non sono certificati contro le ceneri vulcaniche.
In ogni caso, gli aerei sanitari delle forze USA in Afghanistan ed in Iraq che abitualmente fanno un ponte aereo verso il loro ospedale militare di Stoccarda (Germania) sono stati dirottati verso il Maryland (Stati Uniti).
Secondo Arkady Tishkov, direttore del dipartimento geografico dell’Accademia delle Scienze russa e secondo il comandante Oleg Smirnov, direttore della Fondazione dell’aviazione civile russa, le misure prese nella zona NATO sono inappropriate e sovradimensionate. Il presidente Medvedev, che non dà alcun peso alla messa in guardia del Met Office, è stato il solo capo di Stato a recarsi in aereo, il 18 aprile, al funerale del presidente polacco, Lech Kaczynski.
La Russia e la Bielorussia non hanno chiuso nessuno dei loro aeroporti benché, secondo il Met Office, tutto il territorio bielorusso e la metà del territorio russo fossero coperti dalla nuvola di ceneri.
(…)
Le misure prese dopo l’eruzione del piccolo vulcano islandese sono senza precedenti nella storia dell’aviazione civile. Più di 300 aeroporti sono stati chiusi, più di 60.000 voli cancellati a danno di oltre 6 milioni di passeggeri. Tali perturbazioni sono pregiudizievoli per tutte le compagnie aeree. Se le compagnie USA ha avuto danni per circa 40 milioni di dollari, sono soprattutto quelle dell’Europa occidentale ad essere colpite, per oltre un miliardo di dollari. Parecchie potrebbero andare in fallimento, lasciando le loro quote di mercato alle loro rivali statunitensi.
Alcune compagnie hanno accusato il commissario europeo Siim Kallas di aver tardato a riunire il consiglio dei ministri dei Trasporti dell’Unione Europea per esaminare la pertinenza delle misure prese. Ex Primo ministro estone (libertario), Kallas è l’artefice dell’entrata del suo Paese nella NATO. Solo lunedì 19 il Consiglio ha esaminato le contraddizioni tra gli avvisi del Met Office ed i test delle compagnie aeree. Allora è stata decisa una progressiva riapertura del traffico.

Da Zona orientale della NATO: chiusura del cielo agli aerei civili durante le esercitazioni militari, di Reseau Voltaire.