Scongiuri, teste rotte e ubriachi fradici

Mentre Obama tenta di esorcizzare il declino statunitense di fronte ai preoccupati britannici, peraltro raccontando la barzellletta secondo la quale i Paesi emergenti si starebbero sviluppando in virtù dell’adesione ai “principi di mercato” che loro hanno sempre usato – sì, come arma di distruzione di masse popolari e sovranità nazionali, salvo poi ricorrere al denaro pubblico quando, nel 2008, si trattava di salvare dal collasso i rispettivi sistemi finanziari – e conferma l’impegno occidentale nel diffondere la luce (provocata dall’esplosione delle bombe intelligenti) in tutta la regione che va dal nord Africa all’Asia centrale, in Georgia l’amico Misha si diletta a disperdere l’opposizione scesa in piazza. In tal caso, però, morti, feriti e arresti paiono accettabili, perché sono manifestazioni orchestrate dall’orso (anzi, orco) russo.
Nel Bel Paese intanto fa notizia, ma non troppo, il “comportamento inappropriato” dei piloti della RAF, dispiegati da Sua Maestà presso la base NATO di Gioia del Colle, in provincia di Bari, per le operazioni militari contro la Libia. A due mesi di distanza – evviva la trasparenza! – emerge che due di loro vennero rimpatriati dopo esser stati scoperti completamente ubriachi.
Più che per l’ennesima conferma del tragico attaccamento alla bottiglia, meglio: alla pinta, da parte degli albionici, l’occasione è utile per apprendere che in circa 700, tra avieri e personale d’appoggio, se la spassano fra alberghi di lusso e complessi turistici della zona, al costo presunto di 40.000 sterline al giorno, ossia 1.2 milioni al mese.
E che le strutture ospitanti sono prenotate fino a tutto il mese di settembre…

Anniversario osseto

saakashvili

Mosca, 4 agosto – A tre giorni dal primo anniversario dalla guerra-lampo tra Russia e Georgia, scoppiata il 7 agosto 2008, continua ad aggravarsi il clima di confronto tra le due Repubbliche ex sovietiche: al punto che il presidente georgiano Mikheil Saakashvili non ha esitato a bollare come “preoccupanti” le manovre militari del Cremlino nella provincia ribelle dell’Ossezia del Sud, ammonendo che “esiste un rischio” di “conflitto imminente”, come del resto lo descriverebbero gli stessi mass media russi.
Dal canto suo il ministero degli Esteri di Mosca ha reso noto che è stato “innalzato lo stato di allerta da combattimento delle truppe e delle guardie di frontiera” di stanza in territorio sud-ossetino: il portavoce ministeriale Andrei Nesterenko ha definito la situazione “molto allarmante”, imputandola alle “incessanti provocazioni georgiane”. Nesterenko ha precisato che per la Russia “al momento l’obiettivo prioritario consiste nel non permettere un aggravamento” della tensione, scongiurando che degeneri “in un confronto peggiore”; e ha sottolineato che il suo Paese “farà di tutto per evitarlo”.
Il vice ministro degli Esteri, Grigory Karasin, dal canto suo ha però accusato apertamente gli Stati Uniti di “ricoprire il ruolo principale nel riequipaggiamento della macchina da guerra georgiana”; e ha ammonito che Mosca non chiuderà più un occhio se gli USA “continueranno ad armare un regime imprevedibile con la scusa di voler rafforzare la giovane democrazia” di Tbilisi.
(AGI)

Se le cose dovessero volgere al peggio, auspichiamo vivamente che l’esercito russo punti diritto su Tbilisi al fine di destituire il buffone inNATO e metterlo così nelle condizioni di non nuocere ulteriormente, prima di tutto al suo Paese.