Il ministro Brunetta nel mirino di Al Qaeda

Sono passati soltanto pochi giorni dalla diffusione del video in cui “Azzam l’americano” parla di Silvio Berlusconi quale facile bersaglio ed ora è il turno di Renato Brunetta.
Quanto successo l’altro ieri, in occasione del Convegno Nazionale dell’Innovazione svoltosi a Roma, è sotto gli occhi di tutti.
Assai meno noto è il fatto che, secondo fonti ben informate dell’intelligence, a voler interloquire con il Ministro non fossero semplici lavoratori precari ma piuttosto pericolosi estremisti, profondi conoscitori delle tecniche terroristiche, in cerca della stabilizzazione con un impiego a tempo indeterminato presso una delle scuole di guerra atlantiche finanziate dal governo cui Brunetta appartiene: il CoEspu di Vicenza, la NATO CIS School di Latina e il Defense College di Roma.
Che bravata!

[E ricordiamoci bene che “per quanto attiene la Libia (…) gli impegni internazionalmente assunti dall’Italia – e solennemente messi per iscritto in un Consiglio di Difesa al Quirinale quasi su dettatura di Giorgio Napolitano -” non possono essere piegati “a questa o quella convenienza politica”!]

A scuola dalla NATO, 1° parte

La NATO Communications and Information Systems School (NCISS) prepara a livello avanzato il personale militare e civile alla conduzione ed alla manutenzione dei CIS (sistemi di informazione e comunicazione) della NATO. La Scuola fornisce anche corsi di orientamento e di amministrazione sui CIS NATO ed offre corsi di orientamento ai Paesi alleati.
Istituita nel 1959, la Scuola da allora ha subito varie trasformazioni ed esiste con l’attuale nome dal 1989. Nel 1994 sono stati introdotti nuovi corsi nell’ambito del Partenariato per la Pace. Dal 1995, con l’inizio della proiezione della NATO in Bosnia-Erzegovina, la Scuola ha anche fornito corsi di sostegno alle forze NATO in ruoli operativi. Attualmente propone più di 50 corsi che durano da una a dieci settimane ed accoglie circa 2.700 studenti all’anno.
La Scuola è costituita da due dipartimenti, Addestramento e Supporto. L’Addestramento è a sua volta suddiviso in una sezione Network Domain, responsabile dei corsi relativi ai sistemi di trasmissione, sistemi di commutazione e controllo di rete; una sezione User Domain, responsabile dei corsi relativi ai sistemi di informazione di comando e controllo, della gestione e programmazione del software engineering; ed una sezione Infosec Domain, responsabile dei corsi relativi alla conduzione, manutenzione e riparazione di attrezzature crittografiche. Il dipartimento Addestramento offre anche corsi per ufficiali CIS e di orientamento, corsi di frequency management e un corso CIS per Paesi alleati.
Il dipartimento Supporto è responsabile del supporto logistico ed amministrativo del dipartimento Addestramento.
Il comandante della Scuola è un ufficiale italiano con il grado di colonnello o equivalente. Un esperto di telecomunicazioni gli fa da consulente tecnico. Il Training Management Office della Scuola si occupa di aspetti amministrativi come l’elaborazione del programma dei corsi annuali, i documenti per l’addestramento ed il monitoraggio delle statistiche.
La Scuola opera come sistema di istruzione e preparazione per entrambi i comandi strategici NATO. Riceve supporto amministrativo dal quartier generale dell’Allied Joint Force Command di Napoli e ricade sotto la responsabilità operativa della NATO CIS Services Agency, in stretto coordinamento con l’Allied Command Transformation. La Scuola riceve supporto dal Ministero della Difesa italiano attraverso il Reparto Addestramento dell’Aeronautica Militare Italiana a Latina, presso il quale ha sede.

NATO CIS School
04010 Borgo Piave
Latina
Tel: +39 0773 6771
Fax: +39 0773 662467