Uno su mille

lehner“Signor Presidente, a proposito di questo disegno di legge, sono costretto a dichiarare il mio assoluto dissenso. A me piace una semantica diretta e non truffaldina.
Noi qui parliamo di missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, niente meno, per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione.
Direi che dovremmo avere perlomeno il coraggio intellettuale di dire che questa è una forma moderna di imperialismo, di classico imperialismo occidentale collegato al capitalismo finanziario che in questi anni ci ha fatto sentire il suo polso pesante, e con una caratteristica anche comica, perché è un imperialismo per conto terzi, non è un nostro imperialismo. Noi che abbiamo bombardato la Libia per conto terzi, adesso andiamo a finanziare sovvenzioni e aiuti al povero esercito libico. Credo che dovremmo dire «no» a questo imperialismo un po’ «straccione», come è tipico della nostra storia.”

Dichiarazione di voto dell’onorevole Giancarlo Lehner in merito al disegno di legge S. 3653 – Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 dicembre 2012, n. 227, recante proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione, approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati lo scorso 22 Gennaio.
Si tratta di uno degli ultimi atti dell’assemblea parlamentare, sciolta in vista delle prossime elezioni. Un’assemblea che dal 2008, tranne pochissime eccezioni che abbiamo segnalato nel tempo – ad esempio, quella di Oskar Peterlini – non ha mai mancato di dare il proprio appoggio alle “missioni di pace” a guida USA/NATO, nonostante i costi esorbitanti che tali missioni comportano all’Italia.
E che anche in quest’occasione non si è fatta scrupolo di stanziare altri 935 milioni di euro, per i prossimi nove mesi fino al 30 Settembre 2013.

Dico un convinto no

“Signora Presidente, signor Sottosegretario, intervengo in dissenso dal mio Gruppo per profondo convincimento morale, religioso e culturale, seguendo, tra l’altro, una linea politica espressa fin dall’inizio della mia attività parlamentare, che risale al 2001.
Vorrei dare espressione anche alle tante cittadine e ai cittadini che ritengono che la guerra non sia un mezzo adatto a risolvere i conflitti internazionali.
Sono – e lo sottolineo – a favore dell’impegno dell’Italia in una vera missione di pace, un impegno civile, di aiuto, di supporto sanitario, umano, senza escludere, in certe situazioni, interventi di polizia. Solleciterei anzi ad aumentare questo vero impegno di pace in Paesi poveri, come in Africa, dove l’attenzione è molto ridotta.
Lamento, però, che purtroppo sotto una maschera eufemistica di pace si nascondono attacchi bellici, vere e proprie guerre, come era quella all’Iraq, appoggiata dall’Italia nonostante che addirittura le Nazioni Unite si fossero espresse contro. Tanto sangue e tanti morti. Migliaia, incontabili. Diecimila solo americani, centinaia europei, incontabili le migliaia di vittime nei Paesi colpiti. Ho votato anche contro l’attacco all’Afghanistan, richiedendo più impegno diplomatico che bellico.
Ricordo con forza l’articolo 11 della nostra Costituzione, così maltrattato dal nostro Parlamento.
E si aggiunge in questo momento anche la grande crisi che ha colpito il nostro Paese, che richiede grandi sacrifici a tutti i cittadini, i quali richiedono con forza anche un’incisiva riduzione delle spese militari. Al contrario, l’Italia ha ordinato 90 F-35, sui 131 inizialmente previsti. Ma un solo F-35 costa 80 milioni che, moltiplicati per 90, danno 7,2 miliardi di euro spesi. Il presidente Monti ha recentemente detto no alle Olimpiadi, che ci sarebbero costate circa la metà della somma (4,7 miliardi di euro).
Perciò, con grande convinzione, anche se mi dispiace votare in dissenso dal mio Gruppo, dico un convinto no a queste misure. Direi sì a quelle pacifiche, vere, ma dico no a quelle belliche.”

La dichiarazione di voto del senatore Oskar Peterlini al termine della discussione per la conversione in legge del D.L. 29 dicembre 2011, n. 215 recante proroga delle “missioni di pace” (seduta n. 677 del 22 Febbraio 2012).
Il Senato lo ha definitivamente convertito in legge con 223 voti favorevoli e 35 contrari.