Dietro il sorriso


Dietro_il_sorriso_Copertina-HD_web

Un libro diretto, sanguigno, di agevole e rapida lettura. Non un testo per soli addetti ai lavori; al contrario, pur non lasciando delusi questi ultimi, esso sa anche come descrivere la realtà e la storia del Tibet a chi è novizio della materia.
Attraverso le sue pagine, si scopre un mondo sconosciuto alla maggior parte dei lettori occidentali, composto dalle ambiguità e dalle trame segrete di uno tra gli uomini più noti, apprezzati ma anche discussi del pianeta: Sua Santità il Dalai Lama.
Chi è il Dalai Lama? Qual è la sua storia? E, soprattutto, quali sono le sue reali intenzioni nei confronti della Cina e del Tibet? Perché l’Occidente sbaglia a fidarsi del suo disarmante sorriso, e chi sono coloro che traggono vantaggio dalla sua lotta per l’autonomia e l’indipendenza del Tibet?
Dietro il sorriso cerca di rispondere a tutte queste domande.

Maxime Vivas è un saggista e giornalista francese, nato nel 1942 da una famiglia di origine spagnola. Il suo La face cachée de Reporters sans frontières. De la CIA aux faucons du Pentagone (2007) mette a nudo le trame segrete e inconfessabili di una delle più importanti ong mondiali.

Dietro il sorriso. Il lato nascosto del Dalai Lama,
di Maxime Vivas, Anteo edizioni, 2015, € 12.

Giornalisti sotto attacco, gli ipocriti media dell’Occidente restano in silenzio

Eric Draitser per rt.com

La morte sospetta della giornalista nata negli Stati Uniti Serena Shim, e il silenzio assordante sulla storia negli Stati Uniti, è solo l’ultimo plateale esempio di doppio standard utilizzato dai media occidentali.
Shim, una 29enne giornalista americana di origine libanese, si stava occupando della guerra in essere in Siria, in particolare della battaglia in corso tra militanti ISIS e le forze curde nei pressi della città siriana di Kobani, dal confine turco-siriano. Shim stava viaggiando in un’auto a noleggio di ritorno al suo hotel dopo aver riferito dalla città turca di Suruc, vicino al confine con la Siria, quando l’auto sarebbe stata colpita da un veicolo pesante, uccidendo Shim.
Mentre le autorità turche hanno subito sostenuto che la sua morte è stata un incidente, molti in tutto il mondo, tra cui dirigenti e collaboratori anziani di Press TV – l’agenzia di stampa iraniana per la quale Shim stava lavorando – hanno espresso dubbi sulle circostanze della sua morte, descrivendole come “sospette”. Tali sospetti sono chiaramente fondati sul fatto che il presunto incidente è avvenuto solo un giorno dopo che Shim aveva espresso timori per la propria sicurezza, dopo aver ricevuto minacce di morte dai servizi segreti turchi (MIT). Continua a leggere

Dietro Reporters Sans Frontières

Reporters Senza Frontiere è un’organizzazione non governativa (ONG) internazionale. Secondo il suo sito web ha il suo quartier generale a Parigi, Francia. Parigi è una sede curiosa per un’organizzazione che, come risulta, è finanziata dal Congresso USA e da agenzie legate al governo USA.
Se andiamo nel sito web di RSF per scoprire chi c’è dietro questi giudici autoconsacrati della libertà di stampa mondiale, non troviamo nulla. Neppure il suo consiglio di amministrazione viene nominato e tanto meno i suoi sostenitori finanziari. Il suo conto economico pubblicato annuale non offre nessun indizio su chi vi sia dietro finanziariamente.
Milioni di dollari del suo reddito annuale vengono divulgati come derivanti dalla “vendita di pubblicazioni”. Non nomina le pubblicazioni o a chi siano state vendute. Come ha osservato un ricercatore, “Anche considerando che i libri vengano pubblicati gratuitamente, avrebbe dovuto vendere 170.200 libri nel 2004 e 188.400 libri nel 2005 per guadagnare gli oltre $2 milioni che l’organizzazione asserisce di guadagnare ogni anno – 516 libri al giorno nel 2005. Il denaro chiaramente doveva provenire da altre fonti, come risulta sia avvenuto”. Un tentativo di andare nel sito web di RSF per ordinare qualunque sua pubblicazione non ha trovato nessun collegamento ad alcuna informazione per l’acquisto né a nessun listino prezzi o sommario di libri. Davvero molto curioso.
Nelle sue dichiarazioni finanziarie e nei suoi conti economici pubblicati nel settembre 2009, afferma: “Le finanze dell’organizzazione nel 2008 sono state contrassegnate dalla fine della campagna (iniziata nel 2001) per il Giochi Olimpici di Beijing che hanno influenzato significativamente le entrate e le uscite”. Ciò significa che RSF ha passato otto anni e non svelate somme di denaro per fare campagna contro il governo della Cina nel periodo che ha preceduto le Olimpiadi di Beijing del 2008. A quale scopo? Particolarmente, RSF nomina il presidente cinese Hu Jintao come ‘predatore’ di quest’anno per le sue azioni nel reprimere le agitazioni in Tibet nel marzo 2008 e nello Xinjiang nel luglio 2009, entrambe le quali sono state l’opera clandestina di una ONG finanziata dagli USA chiamata National Endowment for Democracy (NED). Hmmm.
Dopo anni che cerca di nasconderlo, Robert Menard, segretario generale con sede a Parigi di Reporters Sans Frontières o RSF, ha confessato che il bilancio di RSF è stato finanziato principalmente da “Organizzazioni USA strettamente collegate alla politica estera degli USA”. Queste organizzazioni basate negli USA che sostengono RSF comprendono la Agency for International Development (USAID) ed il National Endowment for Democracy (NED) del Congresso. Includono pure il Center for Free Cuba, il cui amministratore fiduciario, Otto Reich, è stato costretto a dimettersi dall’amministrazione di George W. Bush dopo la denunzia del suo ruolo in un tentativo di colpo di stato appoggiato dalla CIA contro il presidente democraticamente eletto del Venezuela Hugo Chavez.
Come un ricercatore ha scoperto dopo mesi che cercava di ottenere una risposta dal NED sul suo finanziamento a Reporters Senza Frontiere, che ha compreso il netto rifiuto da parte del direttore esecutivo di RSF Lucie Morillon, il NED ha rivelato che Reporters Senza Frontiere ha ricevuto assegnazioni in almeno tre anni dall’International Republican Institute. L’IRI è una delle quattro affiliate del NED.
Il NED, come ho esposto dettagliatamente nel mio libro “Full Spectrum Dominance: Totalitarian Democracy in the New World Order”, è stato creato dal Congresso USA durante l’amministrazione Reagan su iniziativa dell’allora direttore della CIA Bill Casey per rimpiazzare i programmi di azione clandestina nella società civile della CIA, che erano stati rivelati dalla commissione Church a metà degli anni ’70. Come ha ammesso anni dopo Allen Weinstein, colui che che ha redatto la legislazione che creò il NED, “Molto di ciò che oggi facciamo veniva fatto clandestinamente dalla CIA 25 anni fa”.
Forse un’organizzazione che si erge a giudice della libertà di stampa mondiale dovrebbe praticare essa stessa un poco più di sincerità e di trasparenza su da dove abbia origine il proprio sostegno. Altrimenti dovremmo pensare che abbia qualcosa da nascondere.

Da La lista dei cattivi? Giornalismo libero al servizio della politica estera USA, di F. William Engdahl.
[grassetto nostro]