Luce su Site Pluto

sole

La base USA di Site Pluto a Longare, con la collegata base della Fontega a Tormeno, è un centro della strategia bellica che l’amministrazione statunitense ha messo in atto in Irak ed in Afghanistan, indifferente al prezzo che pagano le popolazioni civili.
Dentro la base si studiano nuove guerre e Site Pluto-Fontega è l’arsenale d’armi della 173° brigata aviotrasportata di stanza alla Ederle (e nella nuova base prevista al Dal Molin).
Negli ultimi anni, dentro la base sono stati effettuati molti lavori di ristrutturazione e, da poco, l’amministrazione comunale ha concesso una seconda entrata in via dei Martinelli, a conferma dell’intensificarsi delle attività.
Oltre ad essere un avamposto di guerra, Site Pluto è un pericolo reale e incombente per la salute e la sicurezza delle persone che vivono in zona.

Affinché sia rispettato l’articolo 11 della Costituzione: “L’Italia ripudia la guerra”, senza farci complici di aggressioni, chiediamo la riconversione ad uso civile di questo sito e la bonifica dalle armi a garanzia della salute dei cittadini.
Per queste ragioni vi invitiamo a camminare insieme a noi di giorno per osservare e di notte per illuminare…

Domenica 7 dicembre 2008, ore 10.00
Ritrovo al parcheggio del campo sportivo di Longare per percorrere il sentiero che segue il perimetro di Site Pluto e la strada sterrata fino all’ingresso della base di San Rocco (ex Site Hawk, ora CoESPU).

Sabato 20 dicembre 2008, ore 17.00
Il medesimo percorso all’imbrunire e nella notte più lunga dell’anno, illuminata dalle torce elettriche e dal desiderio di pace e giustizia.

Organizzano: Gruppo Presenza LongareDonne in Rete per La Pace

Site Pluto. Ieri, oggi, domani

restricted-area.jpg

“Nel gennaio del 1956 fu costituito a Vicenza il comando della SETAF (South European Task Force) era composto da due battaglioni di artiglieria americana in grado di utilizzare armi atomiche. La 559th compagnia di artiglieri americana aveva lo scopo di “provvedere alla consulenza ed assistenza dell’artiglieria italiana da campo e delle unità di difesa aerea”.
Gli americani posano subito l’occhio su un luogo già usato dai tedeschi durante il corso della seconda guerra mondiale. Il Nobiluomo proprietario della collina, fu in causa per decenni con il governo italiano ed americano per “essere stato estromesso di brutto dai suoi possedimenti”.
I più anziani di Longare ricordano l’imponente traffico di mezzi per adeguare a deposito di armi atomiche un sito naturalmente predisposto per la presenza di caverne e cunicoli sotterranei di origine carsica (scavati per milioni di anni dalle acque, ampliati dall’escavazione di pietra ed usufruiti dai tedeschi durante la guerra). La 69th Ordnance Company di stanza a Longare prese il compito di effettuare la manutenzione delle bombe atomiche. La difesa fisica delle bombe era affidata al 28th distaccamento di artiglieria da campo americano. Entrambe erano dipendenti dalla 559th.
Nel 1954 fu installato il “Site Pluto” il “Covo di Plutone” (il dio greco delle profondità terrestri, ma può essere intesa anche come abbreviazione di ‘plutonio’ una delle materie prime delle bombe atomiche).“Site Pluto” apparve collegato per via sotterranea a quello di Tormeno, quest’ultimo privo di armamenti atomici ma curato dal 22th distaccamento di artiglieria da campo americana e dalla 19th Explosive Ordnance. Quest’ultima aveva il compito della “distruzione delle armi nucleari o degli interventi di emergenza in caso di incidenti”. Il sito del Tormeno appariva come un sito di pronto intervento in caso di “evacuazione e autodistruzione”.
“Site Pluto” a noi oggi appare in stretto collegamento con il sito militare di San Rocco (situato anch’esso a Longare, al culmine della collina e sovrastante il “Site Pluto”), gestito dall’Esercito italiano, solo nella porzione perimetrale, mentre la zona interna era ad uso esclusivo degli americani. Il 1992 è un anno di svolta con la dissoluzione dell’U.R.S.S. e lo scioglimento del “Patto di Varsavia”. La cerimonia di chiusura di “Site Pluto” avviene giovedì 26 marzo 1992, ma rimane comunque attivo fino al 15 maggio 1992. Non è restituito all’Italia, pur essendo state trasferite altrove armi nucleari e missili. Questa, però, è solo la prima fase di vita del sito (1954-1992). Qualcosa deve essere successo, dal momento che, per lungo tempo rimane apparentemente abbandonato, dopo un paio di giorni di attivo via-vai di betoniere di cemento. È chiusa anche la base italiana di San Rocco, la vegetazione si riprende gradualmente il terreno all’interno del sito e le strutture visibili dall’esterno vanno in distruzione. Dopo anni l’attività riprende… ma questa è un’altra storia.”

La versione integrale del documento (file .pdf, 2.5 Mb), da cui è tratta la citazione, è qui.