Deplorevoli?

16996229_601530493387280_1855976911751269828_n

“Non è deplorevole votare per Donald Trump, per Putin o, in Europa, per i partiti e movimenti sovranisti che si opponevano al regime della UE. È deplorevole tacciare, partendo da posizioni di indiscutibile privilegio economico e di status più nel complesso, di “fascismo” tutti coloro i quali non si rassegnavano ad adeguarsi al tono di vita e alla forma mentis propri di una società cosmopolitica e nichilistica di mercato. Per considerare meritori numerosi aspetti, segnatamente quelli improntati al recupero della sovranità nazionale e culturale dei rispettivi popoli, delle politiche proposte da Putin, Trump e dai loro omologhi nei Paesi della UE, ed effettivamente deplorevoli e miserabili gli esponenti della Global Class e i loro gazzettieri giornalistici, accademici e canori, non occorreva dimostrare che questi ultimi fossero più o meno pagati da Soros (il grande finanziatore della campagna elettorale di Hillary Clinton nonché colui che, difeso da tutti i media del circo progressista di complemento atlantico, aveva definito Trump, dinnanzi alla platea globalista del Foro economico mondiale di Davos, «un possibile dittatore ») o da qualche altra fondazione privata euro-atlantica per la promozione della free market democracy all’estero. Non ha alcuna importanza sapere chi paga o non paga le femministe del nuovo millennio per rendersi conto del fatto che costoro, insieme a tutto il codazzo delle organizzazioni LGBT, della Snowflake Generation e della Erasmus Generation, lavorano per il re di Prussia, anche quando, facendo profusione di riti e atteggiamenti provocatori e stravaganti tesi a “scandalizzare gli ultimi borghesi” e i benpensanti in via d’estinzione, credono di combattere battaglie politiche di “emancipazione” e “opposizione al sistema”. Loro, le femministe, i partiti e le associazioni della sinistra postmoderna, gli attivisti LGBT, la Snowflake Generation e la Erasmus Generation sono il sistema.”

Da Deplorevoli? L’America di Trump e i movimenti sovranisti in Europa di Paolo Borgognone, pp. 336, Zambon editore, in tutte le librerie a partire dall’8 marzo.

Paolo Borgognone (1981), storico, è autore di diversi saggi, tra cui presso Zambon editore una trilogia sulla disinformazione strategica, Capire la Russia. Correnti politiche e dinamiche sociali nella Russia e nell’Ucraina postsovietiche, L’immagine sinistra della globalizzazione. Critica del radicalismo liberale, Deplorevoli? L’America di Trump e i movimenti sovranisti in Europa, nonché di Generazione Erasmus. I cortigiani della società del capitale e la “guerra di classe” del XXI secolo in corso di pubblicazione presso Oaks Editrice.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...