John Brennan & co. in Ucraina

brennan-cia-director-650x430

Pochi in Italia lo conoscono, ma il personaggio dal ghigno malefico qua sopra immortalato è niente poco di meno che il direttore della CIA, John Brennan.
Egli, sabato scorso, si sarebbe segretamente recato in Ucraina per incontrarsi con le autorità golpiste e rendere loro i propri disinteressati consigli.
Fra i quali, ad esempio, quello di organizzare una provocazione armata ai danni dell’esercito nazionale attribuendone poi la responsabilità agli attivisti russofoni che hanno occupato ormai decine di edifici istituzionali in diverse città, grandi e piccole, dell’Ucraina sud-orientale.
In questo senso, va anche la testimonianza giunta da Oleg Tsarev, candidato alle prossime presidenziali, secondo il quale un intero piano della sede dei servizi di sicurezza a Kiev, a cui i funzionari ucraini non possono più accedere, sarebbe stato occupato dall’intelligence statunitense.

Il caso Moro

In questi giorni si sta rievocando sui media il “caso Moro”. Si ricorda cioè il rapimento e l’uccisione del leader della DC, ufficialmente rapito ed assassinato dalle “Brigate Rosse”.
Non mi ha mai convinto la versione ufficiale. Né tutto il polverone, i depistaggi, le balle spaziali, le carriere esplose o finite del sottobosco di potere che si agitò in quel periodo. E dopo.
E mi sono fatta un’idea mia. Assolutamente pazza e fuori dal coro. Ma che alla mia zucca ha il pregio di stare in piedi. Oltretutto ha una logica.
Vediamo un po’.
Aldo Moro è la testa pensante della D.C. Ed ha un progetto: aggregare il P.C.I. nella gestione del potere. Per due motivi essenziali: “fagocitarlo” politicamente e avviare una democrazia dell’alternativa che l’osservanza sovietica dei trinariciuti impediva. Non sto a dare giudizi di valore: ognuno la pensi come vuole.
Però il P.C.I. era forte sostenitore di Assad, il dittatore della Siria, padre dell’attuale leader siriano, fortemente sostenuto dall’U.R.S.S..
La Siria era uno dei maggiori nemici di Israele, col quale già aveva fatto guerre e guerricciole.
Il premier di Israele era Rabin, antico terrorista durante il pasticciaccio della creazione dello Stato ebreo.
Rabin quindi non vedeva di buon occhio l’ascesa del P.C.I. nella gestione del potere, visti anche i buoni rapporti con gli arabi che da sempre ha avuto l’Italia, fino ad arrivare a Mussolini, la Spada dell’Islam.
Quindi Rabin si rivolge ad un altro ebreo, Kissinger, allora Segretario di Stato USA (ministro degli esteri), potentissimo personaggio, che molti hanno definito “criminale”.
Kissinger chiama Moro a Washington e gli dà una lavata di testa memorabile. Tanto che al ritorno Aldo Moro ha un attacco di cuore, e lo curano due cardiologi (ricordate questo particolare, vedremo poi).
Però Moro va avanti nel suo progetto catto-comunista.
Ed allora i padroni israeloamericani decidono di intervenire: eliminare Moro, utilizzando i sicuri lacché presenti nel governo: Andreotti e Cossiga, da sempre filo (leggi: servi) USA.
E chi deve fare il lavoro sporco? Continua a leggere

Come si misura la sofferenza in Afghanistan?

sanctions.si

“Non esiste un dolorometro. La combinazione di macelleria-inferno – creata dalla NATO e dai talebani nel penultimo paese meno sviluppato del mondo, per la lotta tra i signori della guerra occidentali e quelli locali, l’inettitudine di un regime criminale formato da famiglie mafiose e protetto dalla NATO – ha strappato la vita a decine di migliaia di civili e costretto a fuggire dalle loro case milioni di loro.
Nell’Ospedale dei Bambini Indira Gandhi di Kabul il numero di bambini ricoverati per denutrizione severa si è quadruplicato dal 2012. Sono apparsi bimbi-vecchi, con la pelle che cade dal viso piena di rughe, a causa del marasma (Decadimento progressivo delle funzioni dell’organismo provocato da vecchiaia o da gravi malattie, n.d.t.), risultato di un forte deficit calorico.
Alle società occidentali che vivono dell’affare della guerra non importa neppure della morte di circa 3.400 soldati della NATO o lo sconvolgente dato che una media di 18 veterani delle guerre in Iraq e Afganistan si tolgano ogni giorno la vita. Alcuni, forse, per aver partecipato alla mattanza “per errore” di 16-23.000 afgani.
Il Nobel per la Pace Obama sostiene di essere l’artefice della “prima transizione democratica” afgana, una farsa dove la gente non potrà neppure scegliere tra un signore della guerra e l’altro; dalle urne uscirà quello deciso dallo Studio Ovale.”

Da Obama ha mentito: la NATO non se ne andrà dall’Afganistan, di Nazanín Armanian, politologa ispano-iraniana.

Gli Stati Uniti vogliono distruggere il “ponte” ucraino tra l’UE e la Russia – intellettuali tedeschi sostengono Putin

ucraina1-1024x715

Membri della società civile tedesca hanno scritto una lettera aperta al presidente russo Vladimir Putin, condannando la russofobia nei mass media e nell’establishment politico tedesco, mostrando supporto per le azioni di Mosca nella crisi ucraina in corso.
Il tenente colonnello dell’aviazione tedesca in pensione Jochen Scholz ha scritto una lettera aperta al leader russo in risposta al discorso che Putin ha fatto il 18 Marzo 2014 a margine della riunificazione della Crimea con la Russia. La lettera è stata controfirmata da centinaia di tedeschi, tra cui avvocati, giornalisti, medici, militari, studiosi, scienziati, diplomatici e storici.
In tale lettera gli intellettuali tedeschi affermano che il discorso di Putin “si è appellato direttamente al popolo tedesco” e meritava una “risposta positiva che corrisponda ai veri sentimenti dei tedeschi.”
La lettera riconosce che l’Unione Sovietica ha infatti svolto un ruolo decisivo nella liberazione dell’Europa dalla Germania nazista e ha sostenuto la riunificazione della Germania e la sua adesione alla NATO dopo la caduta del muro di Berlino e la dissoluzione del Patto di Varsavia.
All’epoca, il presidente degli Stati Uniti George Bush Sr. aveva assicurato alla Russia che la NATO non si sarebbe allargata verso est, eppure nonostante la dimostrazione di fiducia da parte di Mosca, gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno violato tale impegno, dice Scholz.
“L’espansione della NATO nelle ex repubbliche sovietiche, la creazione di basi militari nei Paesi dell’ex Patto di Varsavia e la messa a punto di un sistema di difesa antimissilistico in Europa orientale, in contemporanea con il ritiro unilaterale dal trattato ABM degli Stati Uniti, costituiscono una flagrante violazione delle promesse,” si legge nella lettera.
Secondo l’autore, tale è la dimostrazione del potere e della disponibilità dell’Occidente a confrontarsi con Mosca in risposta al recente consolidamento economico e politico della Russia, che è diventato evidente dopo che Vladimir Putin è stato eletto presidente nel 2000.
In un’intervista con RT, Scholz ha elaborato la sua posizione sostenendo che gli interessi degli Stati Uniti e la visione dell’ordine mondiale, in cui al continente è assegnato il ruolo di “vassalli” di Washington, sono diversi dagli interessi europei.
“Durante la Guerra Fredda, gli interessi degli Stati Uniti e quelli dell’Europa erano quasi il cento per cento identici. Ma dal 1990 le cose sono cambiate. Gli interessi europei sono oggettivamente diversi da quelli degli Stati Uniti”, ha detto a RT. “Quindi il nostro compito qui in Europa, e certamente anche la Russia appartiene ad essa, è quello di prendere le nostre cose nelle nostre mani. Per lavorare reciprocamente in pace e cooperazione nel rispetto dei diritti umani”.
Gli europei sono ora “considerati un ostacolo sulla via delle intenzioni americane nella regione”, come rivelato dalla conversazione telefonica trapelata tra l’Assistente Segretario di Stato per l’Europa Victoria Nuland e l’ambasciatore degli Stati Uniti, afferma Scholz.
Avendo a mente l’obiettivo geopolitico principale degli Stati Uniti di neutralizzare la Russia, il colonnello in pensione crede, come indicato nella lettera, che Washington ha utilizzato il malcontento ucraino come “strumento” per raggiungerlo.
“Questo modello è stato utilizzato più volte: in Serbia, Georgia e Ucraina nel 2004, in Egitto, Siria, Libia e Venezuela,” recita la lettera indirizzata a Putin.
Discutendo la crisi ucraina più in dettaglio, Scholz ha sottolineato che l’obiettivo principale degli Stati Uniti era quello di “negare all’Ucraina un ruolo di ponte tra l’Unione Eurasiatica e l’Unione Europea.”
“Al contrario, vogliono portare l’Ucraina sotto il controllo della NATO,” il militare in pensione ha detto a RT, sottolineando che egli sostiene la proposta di Putin di costruire una “casa comune europea,” unita mediante una “zona economica comune da Lisbona a Vladivostok”.
Pertanto, l’autore e i co-firmatari della lettera sostengono le azioni intraprese dalla Russia come contrappeso agli interessi statunitensi.
“Basandoci sullo sfondo degli sviluppi in Europa dal 1990, la creazione di circa 1.000 basi militari statunitensi in tutto il mondo, il controllo da parte statunitense degli stretti di mare, così come il pericolo rappresentato dall’abuso di Maidan nei confronti della flotta russa nel Mar Nero – consideriamo la separazione della Crimea come misura difensiva e, allo stesso tempo, come un avvertimento: questa è una linea che non può essere attraversata”, afferma la lettera aperta.
Pur accettando la dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo nel 2008 come un precedente per l’autodeterminazione della Crimea, la lettera sostiene che la differenza di principio in confronto è chiara. A differenza della Crimea, nel caso del Kosovo è stata “violata la legge internazionale dalla guerra aerea della NATO in cui la Germania, purtroppo, ha partecipato.”
In conclusione della sua lettera Scholz ha espresso la speranza che le nazioni europee possano concordare di non interferire negli affari di altre nazioni, ciò agendo come garanzia di pace nel resto del mondo. Ha chiamato Vladimir Putin un alleato dell’Europa e gli ha augurato “forza, resistenza e saggezza.”
Commentando la posizione del governo tedesco nei confronti della Russia, al momento, Scholz ha detto a RT che Berlino è in una “posizione molto difficile”, in quanto come membro della UE e della NATO gli obiettivi di questi blocchi sono in contraddizione con il desiderio tedesco “di sviluppare una più stretta relazione con la Russia.”
“Dobbiamo sviluppare la nostra politica di vicinato con la Russia e in quel modo possiamo andare avanti. Ma in ogni caso non ci dovrebbe essere un’ulteriore espansione della NATO verso i confini russi”, ha detto a RT.

[Fonte - traduzione di F. Roberti]

Quando il nemico piombò in casa degli italiani

9788858111574L’Italia occupata 1943-1945

Da una guerra vissuta indirettamente, attraverso la penuria di viveri e i racconti dei soldati che tornavano dai lontani fronti, a una guerra improvvisamente entrata in casa in quella terribile estate del 1943.
Gli italiani si ritrovarono, quasi senza accorgersene, chiusi tra due avanzate, altrettanto nemiche. Da Sud gli anglo-americani, da Nord i tedeschi. Una tragedia che si consumava giorno dopo giorno, con la popolazione civile impreparata e letteralmente schiacciata da due spietate macchine belliche.
Un’occupazione durata venti mesi difficili e devastanti, raccontati ora dallo storico Marco Patricelli in un volume ricco di spunti e di analisi assolutamente originali (“Il nemico in casa – storia dell’Italia occupata 1943-1945″ Laterza, pp. 344 – 19,00 euro), oltre a una documentazione attenta e puntuale. In quel tremendo periodo, del quale ogni famiglia italiana ha pagato prezzo senza distinzione di appartenenza, il nemico non era sempre riconoscibile. In realtà cambiava continuamente volto, presentandosi spesso come amico per poi colpire ferocemente. Ed era ormai in ogni casa.
D’altra parte Patricelli mette in luce alcuni aspetti spesso “nascosti” dalla storia ufficiale, ricordando ad esempio che «i primi crimini di guerra sul territorio italiano li commettono gli americani, che si propongono come amici e liberatori, ma non si fanno scrupolo di passare per le armi i soldati italiani che si sono arresi». Poi toccherà ai tedeschi, che manterranno puntualmente fede alla fama di crudeltà già conquistata in vari Paesi europei. Così gli italiani diventano facile preda, con l’Italia in balia degli eserciti stranieri, siano essi occupanti o alleati. L’orrore portato in Ciociaria dalle truppe dei ‘goumiers’ marocchini arruolati dal generale francese Alphonse Jouin ne è esempio lampante. Nella confusione più totale, molti italiani sono anche costretti a scegliere da che parte stare, portando così una guerra nella guerra. E poi c’è ancora un’altra guerra, quella della fame, della paura, delle sofferenze e della lotta per la sopravvivenza. E dopo il disastro arriva anche il peso del Paese sconfitto, con nuove tragedie che si consumano in territori come quello di Trieste e dell’Istria, già martoriate dall’occupazione nazista e poi teatro di altre vendette, carneficine, esodi e spartizioni, di occupazione anglo-americana da una parte e jugoslava dall’altra. Nelle pagine di Patricelli non mancano infine spunti di curiosità storiche, come il poco conosciuto caso di Salvatore Paolini. Nato e cresciuto a Villa Santa Maria (Chieti), Paolini divenne cameriere personale di Hitler al Berghof, il rifugio del Fuerer nelle Alpi Bavaresi. “Herr kammer”, come Hitler lo chiamava, era l’unico non tedesco all’Obersalzberg. Successivamente divenne anche sindaco del suo paese e, proprio per questo, mantenne per anni il silenzio sulla sua esperienza al Berghof.

[Fonte]

Una enorme trappola… dalla quale ci si può liberare

VenezuelaBorgogn_image001

Che “carini” eh? Non vi viene voglia di unirvi a loro…

Sulla crisi politica in Venezuela i principali organi d’informazione maistream da varie settimane stanno proponendo stereotipi politico-mediatici tesi a suscitare consenso attorno alla causa neoliberista dell’opposizione, che come sappiamo mette insieme tutti, dai fascisti agli zombie trotzkisti, passando per i giovani-bene “cui tutto è dovuto per nascita e censo”, di Caracas e Miranda.
Vogliono costruire l’idea di una «rivoluzione democratica per i diritti di libertà individuali e l’amore» (gli unici “diritti”, per così dire, riconosciuti in Occidente, perché funzionali alla perpetuazione sine die del meccanismo consumistico di riproduzione del capitalismo odierno, mentre i diritti collettivi, sociali e nazionali, vengono definiti dalla stampa aziendale «espressione di un passato ormai anacronistico»), contro un governo denunciato, del tutto arbitrariamente, come «militare», «autoritario» e «repressivo».
Il 24 marzo La Stampa, quotidiano noto per la sua faziosità filo-globalizzazione, filo-mercati e filo-USA, ha pubblicato la foto che apre questo post.
Naturalmente questa ridicolaggine è stata ripresa da tutta la sarabanda di media aziendali che ci ritroviamo, dal Corsera in là.
Mostra due ragazzini dell’opposizione, presumibilmente studenti, affaccendati nelle manifestazioni anti-Maduro; in una pausa tra una molotov ed un sampietrino (vedasi il grosso sasso stretto nella mano della “pacifica ed innamorata manifestante” della foto) e l’altra scagliata dalla piazza all’indirizzo di poliziotti che fanno il loro dovere, ossia difendere uno Stato ed un governo frutto di un processo decisionale, costituente ed elettorale, legittimo e democratico, trovano il tempo per sbaciucchiarsi davanti alle telecamere… Guarda un po’, la costruzione del mito mediatico della “rivoluzione dei piccioncini”, brutalizzati dagli “sgherri” del “regime comunista” e “filo-castrista” è servita!…
Chiaramente si tratta di una roba da ridere; però su di un pubblico come quello occidentale, grande divoratore di reality show, sceneggiati televisivi made in USA per adolescenti che non dovranno crescere mai (così continuano a consumare, nonché a desiderare, come adolescenti, ed il gioco è fatto, il sistema si riproduce), facebook-dipendente, drogato di stereotipi modaioli ed imbevuto di politicamente corretto, questa messinscena triviale, rozza e banale, ha un effetto, produce un riflesso condizionato a livello inconscio. La gente, quella meno abituata al pensiero critico, dice: «Ma allora è vero, questo regime vuole ammazzare i giovani che si amano e si baciano!, perché non li lascia liberi?».
E’ un cliché che si ripete.
Domenica 16 marzo, giorno del referendum in Crimea sulla riunificazione con la Russia, il Corsera pubblicava, in terza pagina, un bel tondo ritraente due soldati (di sesso opposto…) ucraini, intenti a “limonarsi” prima di partire per un immaginario, immaginifico e mai esistito “fronte di guerra” con la Russia… Che “carini” eh? Chi, dinnanzi a queste foto, scattate apposta per piacere al pubblico occidentale sopra descritto, non proverebbe un moto di sostegno nei confronti della causa degli ucraini, così “dolci”, che si baciano anche quando sono in divisa mimetica, e di conseguente repulsione nei riguardi dei russi, così seri ed impettiti nelle loro uniformi correlate da aquile bizantine, allori romani e stelle rosse?!… Meglio i “piccioncini”, loro sì che «sono come noi». Loro sì che «hanno voglia di vivere e di divertirsi», proprio come i giovani unificati, nelle mentalità, nelle aspirazioni e nelle istanze consumistiche, di ogni parte del mondo…
Peccato che si tratti di una enorme trappola. In cui si può continuare ad affondare come nelle sabbie mobili, o dalla quale ci si può liberare. Io opterei per la seconda ipotesi. Voi?
Paolo Borgognone

P.S.: Come si può vedere dall’immagine più sotto riportata, anche i russi (e non i “filo-russi”, come qualche interessato buontempone del mainstream si ostina a definirli…) di Crimea esprimono in maniera festosa e sentimentale la loro felicità per il ritorno della propria terra alla madrepatria, ma i media aziendali non se ne accorgono, o meglio, fingono di non accorgersene, continuando a parlare di repubbliche ex-sovietiche (Crimea, Transnistria) «minacciate dall’Esercito russo» (forse non sanno che nel 2006 il 90 per cento e più degli elettori della Transnistria, a margine di un democratico referendum, optarono per l’ingresso del proprio Paese all’interno della Federazione russa).

[Fonte]