Ai confini della realtà

Riceviamo da un nostro lettore, cittadino russo residente in Italia fin dalla tenera età, questa testimonianza relativa alla sua esperienza da studente presso l’Università di Bologna, ed in particolare circa l’esito della laurea magistrale conseguita presso la facoltà di scienze politiche, sede di Forlì.

Ho deciso di raccontare cosa è successo lo scorso settembre durante la mia procedura di laurea. Sono passati sette mesi, ma se ci penso divento ancora realmente cattivo. In buona parte la cosa la si deve all’Ateneo, in piccola ma sostanziale parte alla locale Polizia. Nel settembre 2016, avrei dovuto conseguire la mia laurea magistrale presso la facoltá di scienze politiche dell’Universitá di Bologna (sede di Forlì), il giorno 21 ho sostenuto la discussione e il 23 sarebbe dovuta avvenire la proclamazione. Mi laureavo in Relazioni Internazionali (LM-52), corso di laurea internazionale, interamente in lingua inglese, il primo anno in Italia, il secondo all’estero. Faccio qualche precisazione tecnica per contestualizzare. La tesi è stata caricata sulla mia pagina personale nel sito dell’Ateneo il 24 agosto 2016, quando il termine di consegna era il 5 settembre. Lo stesso giorno, 24 agosto, la tesi è stata inviata al relatore (chiamato Supervisor), il quale l’ha approvata per e-mail il 29 successivo. Dal 5 al 21 settembre, giorno fissato per la discussione, l’Ateneo doveva inviarla al correlatore (chiamato Second Reader, e scelto liberamente dall’Ateneo). Il correlatore non si è mai messo in contatto con me né con il relatore in tutto il periodo, vi erano oltre 15 giorni dalla data di consegna al giorno della discussione e dubito (anche se al riguardo non ho certezza) che l’Ateneo abbia inviato al correlatore la tesi all’ultimo, inoltre dubito che il correlatore abbia letto la tesi il giorno prima o il giorno stesso della discussione. Infine la tesi stampata e rilegata, presentata il 21 alla Commissione durate la discussione, era la stessa inviata al relatore, e caricata sul sito dell’Ateneo. Io come studente ho quindi rispettato totalmente la parte tempistica e burocratica.
La tesi, già dal titolo – The New Silk Road in the Eurasian Integration, against the Western World Order. An analysis of possible future implications in international politics and economy – presenta una contrapposizione politica; a mio parere, è ovvio che una tesi di relazioni internazionali non possa mai essere oggettiva perché Relazioni Internazionali é una disciplina basata su politica, filosofia politica ad altre scienze sociali le quali non potrano mai essere totalmente oggettive come possono essere le materie scientifiche. La tesi, divisa cinque capitoli e relative conclusioni, vuole dimostrare che il processo di multipolarizzazione del mondo, di cui il progetto cinese “The New Silk Road” è parte, può porre fine al dominio unilaterale occidentale. Essa non si basa sul descrivere questo progetto, per ora non ancora realizzato, ma analizza lo scenario internazionale degli ultimi anni e spiega perché è auspicabile la multipolarizzazione in politica internazionale. Vi è quindi esposta una visione, una concezione politca delle relazioni internazionali antitetica a quella attuale, che puó non essere apprezzata o condivisa soprattutto in ambienti occidentali.
Conclusa questa lunga premessa, vorrei proporre alcuni passi della tesi che possono non essere piaciuti al correlatore, o a chiunque altro nell’Ateneo, e che possono aver portato a quello che é successo.

“Turbo-Capitalism or Aggressive Capitalism, a system (political and economic) far worse than Hitler’s one.”

“The Wall [Il muro di Berlino – n.d.c.] fell, and freedom and democracy won, bringing all around the world a wave of freedom, democracy and human rights, starting right in 1990 with the First Gulf War, Democracy Freedom and Human Rights fought to protect their brother Oil and their sisters, multinational corporations, killing many people as they could…”

“The year 2008 became the end of many people’s life in the Western World, finding their houses taken by the banks, without a job, living on the streets and with highest rates of suicides in the World, because the West hates dictators (as they call non-Western aligned politicians) for (presumably) killing their population but they like that in their society people are free to kill themselves.”

“It is really not a case the fact, that this War on Terrorism was a new Neo-Colonial Period, planned to contrast Islamic countries that were not bowing in front of the West, and in line with US (Western) reactionary politics aiming to stop everyone who wants to create a better world for their people (totally in line with Anti-Communism, considering socialism an instrument of emancipation of people).”

“I strongly believe that speculations [speculazioni finanziarie – n.d.c.] are an act of terrorism, targeting countries or companies, and who really loose are the workers of a company or the people of a state that find their currency with no international value because some people decided it, or rating agencies that classify badly a country or better declassify a country, making it paying more interests, so yes, it is a criminal system in which a minority wins and the majority loose.”

“The case of Libya was exemplar, after a century from Italian colonial mission, Libya was invaded a second time, with humanitarian excuses against Muammar Gaddafi, UK and France bombed and placed there they’re oil corporations, taking away Libya from the semi-monopoly of Italian’s Eni. […] The second step was privatizing the resources and the economy, causing thousands of migrants to emigrate to Europe, mainly in Italy (with France closing the border, because Oil for them and migrants for Italy).”

“…in 2013 Russia succeeded in convincing Bashar Al-Assad to give up Syrian Chemical Weapons since the West was claiming that Syrian Army was using on rebels Chemical Weapons. The answer of the media, at that point, was that “Someone used chemical weapons, but we don’t know who”, so since they could not attack Assad anymore they tried to cover until the end Western backed groups.”

“The main problem that endanger peaceful coexistence between the Western World and the non-Western world is about the fact that Westerners believe to have a cultural and moral superiority to other people in the world, that in their opinion allow them to judge the others’ culture, and most of all the idea that Western way of development is the right path for every country in the World, considering impossible that the so-called western democracy could be rejected from some cultures, and the fact that human rights theory is appreciated only from some elites but it is not universal as West believes.”

“What concerns in the region about North Korea is the nuclear program, that is not pleasing the West and its allies in the region, off-course North Korea has the right to develop its own defense, not to be dependent from others. […] Solving the Korean problem, can be done only accepting and welcoming the Northern State as a full member of the international community and not as a rogue state to be demonized. If NK does not feel threated any more, peaceful talks can be done on every issue with the respect of the NK politics and without any intromission in it.”

“United States know about Chinese claims, and most of all not only they ignore them, but they repeatedly send War Ships in the South China Sea, as a symbol of strength to China; so, for Mr. Obama is normal to send War Ships near Chinese territory while their country is on the other side of the ocean, and most of all is China sending its (war) ships near the coasts of California or through the Panama Channel?”

“In this period, most of the Western Propaganda started crying how with Putin, Russia was becoming again an authoritarian country, if not a dictatorship, spreading the idea that Putin did not win the elections but became president with frauds, of course this was supported by some Oligarchs, that were forced to leave Russia.”

“…for US Gaddafi was still a nonfriendly government, for the socialist orientation and for its role in the African Union where Gaddafi was supporting the independence and development of the whole continent from the West and its multinational corporations. Gaddafi was a “bad” example for African countries according to Western Standards since advocate the emancipation of Africa and we know that all those who tried to emancipate “black” people in Africa and outside of it, did not ended well…”

“When Ukraine president at that time (November 2013) decided not to sign EU association agreement, for discount on Russian Gas and rescheduling the debt of 40 billions of USD towards Russia, the protest was similar to the one in Syria, and in many other countries, where US left their mark, for not mistaking, in Maidan’s square together with opposition there was the American senator John McCain that strongly supported the movement as Hillary Clinton did. I have strongly doubt that their presence was just for pleasure, while openly George Soros, today is admitting of having financed the rebellion like it did nearly a decade before.”

“While the rebels in Syria were freedom fighter as the Maidanists were before the coup d’état, after they got power, all the opposition to the new Junta was classified as terrorists by the West, using even foreign mercenaries to fight them as they sent against Assad.”

“The main point of Russia, that is contrasting with the West and United States most of all, is the fact that Putin said at the UN: “You don’t have to like systems different from yours, but you have to respect them”. These words are totally against US and Western idea of international relations where Western system is the best and must be promoted, those who do not adopt it, they have to be marked as the “wrong ones”, and need to be corrected.”

“The first and main weapon of the United States is not the atomic missiles, but their ideology, their way of life, that is something that is acquired by many different populations in the World, because is universalistic, it converts towards the West but it does not need Westerners, so we have the case of Barack Obama, or the new major of London, that are not looking as the Western white, but they are a representation of the elites in power, that chooses a different face, just in a way to show that in their multicultural society there is place for everyone but in the end nothing is really changing.”

“If Iraq wanted to take Iranian oilfields there was no problem for the US and generally the West, but when Saddam Hussain saw the possibility to strike against Arab Monarchies that were (and still are) the major guarantee of Western interests in the region, US had no problems to start a campaign in support of a reactionary Emirate of Kuwait (where Western democratic standards were not and are not applied but no NGO was interested in that). It was the main sign that US would had come to war to protect their allies in the region, and military preserve their power and interests.”

“Destroying Yugoslavia was necessary for the West in order to end socialism in Europe (since Yugoslavia was not depending from USSR), but also the possibility of a strong ally to Russia was also something that US and their allies did not want to allow. […] Muslims in Bosnia and Kosovo became the victims, while Serbians became the murderers. […] With, western propaganda, NATO and even the UN against them, really a little they could have done, to defend themselves, by the way the most horrible thing of that conflict, was the idea to create a tribunal in order to judge who is right and who is wrong, like in Nuremberg. In a conflict, there is no right or wrong but winners and losers. And winning or losing a conflict does not mean being right or wrong.”

“No Jihadist, attacked Zionist state; no Jihadist attacked the Arab Monarchs friends of the West, No Jihadist attacked or destroyed Oilfields and Gas fields, neither they seized any tank of Oil and Gas. No Jihadist in the West attacked NATO structure, IMF, World Bank, Financial Institutions, the tribunal at The Hague or the EU structures.”

“When International Financial Institutions became those whom EU addresses, and not Europeans, EU was not representing Europe anymore but some elites that were interested in all except the national/regional interests of Europe. The only two measures taken by the EU and applied by European countries to answer to this world crisis were public money to private banks and gay marriage.”

“While European economy is shrinking, immigration is uncontrolled and disappointment and resentment among people grow there were some signs of wanting to the break the loop trying to achieve a more independent and balanced point of view, trying to exit from US foreign policy and EU economic policies, in most of the cases either there was a demonization of the person or political force like in Hungary, where Viktor Orban was accused of being racist and anti-European.”

“Hillary Rhodam, wife of former president Bill Clinton instead has shown the same attitude towards war of Adolf Hitler, and she was the author of the Arab Springs and all that came after. She directly supported Islamists (calling them rebels), and still does, considering the Muslim Brotherhood the democratization of the Middle East (the EU also supported this view), she opposes in any way to any Eurasian integration or to any formation of a Multipolar World.”

In questi passi, vi è il succo del mio lavoro, e sicuramente a certi pro-atlantisti la cosa puó non piacere, ma nel momento in cui mi sono iscritto all’Universitá di Bologna non ho firmato un documento che mi legasse a dover esprimere la stessa opinione dell’Ateneo, della facoltà o del corpo docenti, tanto meno ho firmato un documento che mi obbligasse a non esprimere opinioni non conformi a quelle della maggioranza o dell’Ateneo. Poiché la tesi era stata approvata dal mio relatore, poco poteva fare il correlatore o chi altro. Nella terza pagina, decisi di scrivere una dedica per questo lavoro, che dedicai ai popoli in guerra al giorno d’oggi soprattutto in Medio Oriente dove non vi è pace dal 1947, e decisi di mettere il simbolo del movimento Houthi, o meglio Ansar Allah, che governa lo Yemen, non riconosciuto internazionalmente – l’ONU e la comunità internazionale infatti riconoscono il governo in esilio a Ryad – e che insieme alla popolazione dello Yemen da due anni subisce bombardamenti da parte di una coalizione con a capo i Sauditi e i loro satrapi delle monarchie arabe, con il supporto di tutto il mondo salafita e wahabita (inclusi i Fratelli Musulmani) ed infine il silenzio assenso dell’Occidente e dell’ONU con gli USA che mandano navi militari a sostegno dei Sauditi per non perdere il controllo dello stretto di Bab el Mandeb e del Golfo di Aden. Ho preso tale simbolo da Wikipedia, e le parole scritte sono, traducendo in Italiano: “Allah é grande, Morte all’America, Morte a Israele, Maledetti siano i Giudei, Vittoria all’Islam”.
Indipendentemente dal fatto che io approvi le parole e il significato totalmente, considerando che nessun mass media occidentale ha interesse a mostrare cosa succede in Yemen perché non saprebbe come giustificare il fatto che stanno bombardando un Paese e la sua popolazione, il minimo che potessi fare era inserire il simbolo di Ansar Allah per ricordare che anche loro esistono. Durante la discussione, il signor correlatore ha iniziato con tono sarcastico e retorico leggendo prima in arabo poi in inglese il simbolo e poiché non poteva dire nulla sul contenuto della tesi che si trova al 98% in contrapposizione con le sue idee, ha cercato di attaccarsi dove e come poteva pur di danneggiare il sottoscritto. Su quattro membri della commissione, egli era l’unico che sapeva l’arabo, e considerando che aveva già letto la tesi avrebbe potuto far notare qualcosa a me o al relatore, cosa che non ha fatto. Questo per me significa che si era preparato per tempo la scenata. Dopo aver continuato con il suo tono bellicoso ed aver detto che il mio antisemitismo è disgustoso e altre sciocchezze, la discussione si é conclusa. A causa di tutto questo caos, per la tesi certo mi aspettavo un voto basso se non nullo ma quello che è successo il giorno in cui sarebbe dovuta avvenire la proclamazione è realmente “ai confini della realtà”.
Il giorno 23, mi reco a Forlí presso il locale municipio dove avrebbe dovuto avvenire la proclamazione. Entrando, vengo fermato da alcune persone che si presentano come agenti di Polizia le quali mi comunicano la sospensione della procedura di laurea, a seguire arriva il direttore del corso di laurea che mi informa che la valutazione della tesi è stata sospesa, ed il rettore dovrà valutare eventuali ulteriori passi. L’Ateneo, inoltre, aveva mandato una e-mail comunicando la sospensione solo un’ora prima della prevista proclamazione, e non avevano chiamato, né avevano cercato di comunicarmi qualcosa, dal pomeriggio del 21 fino alla mattina del 23. La polizia mi ha in seguito chiesto di andare in questura, e lì ha iniziato a pormi domande ridicole del tipo quante volte mi recavo in moschea o se avevo fatto viaggi in Medio Oriente. Inoltre gli agenti mi portarono un foglio con uno screenshot di un mio post su Facebook, in cui vi era a sua volta uno screenshot della commissione di laurea e vi era scritto da me “Zionist Jew” riferito ad un membro della commissione e “Jew working for US State Department”. Non vi era nessuna bugia in ció in quanto un membro della commissione mi risulta ossessionato dallo Stato Ebraico e dalle persecuzioni antiebraiche tanto da organizzare continuamente iniziative sugli Ebrei, il correlatore invece lavorava e lavora per il Dipartimento di Stato USA, come mi era stato detto dal direttore del corso di laurea. Sapendo che due membri su quattro della commissione erano di fede ebraica, sapevo a priori che la discussione sarebbe stata un martirio. Presumo che la polizia abbia visionato la mia pagina FB dopo che l’Ateneo aveva loro segnalato la tesi per il simbolo Ansar Allah, come se avessi dovuto far esplodere non so cosa. La cosa che mi ha stupito è il fatto che l’Ateneo, nella lettera relativa al procedimento disciplinare, ha menzionato sia il simbolo nonché il post di FB con le seguenti parole: “La medesima commissione é venuta a sapere…”, da chi? La pagina FB era chiusa ad esterni e solo contatti che erano “amici” potevano vederla. La polizia non può divulgare a terzi quello che trova durante un’indagine.
Ricapitolando la situzione, l’Ateneo decide che a causa del simbolo yemenita, io sia un terrorista che va a far saltare non si sa cosa, tanto da dover chiedere l’intervento della polizia. Con la polizia la cosa si é conclusa al momento, peró rimanendo io nel database delle forze dell’ordine come persona degna di essere nota, a vita. Quindi ho passato in questura il giorno che avrei dovuto ricevere la laurea. Passando all’Ateneo, con grande vigliaccheria esso si è fatto scudo di due figure neutrali quali la dirigente del campus e la responsabile della segreteria studenti, le quali hanno trattato con me fino al conseguimento della laurea lo scorso dicembre. Nessun docente ha avuto il coraggio di informarmi di cosa sia realmente successo. L’Alma Mater Studiorum mi ha denunciato alla polizia come terrorista, sapendo che non ve ne erano i presupposti, visto che presso quell’Ateneo avevo studiato vari anni, conseguendo la laurea triennale. Essa ha deciso che uno studente che esprimeva la propria opinione, come almeno in ambito accademico dovrebbe essere concesso senza censure, doveva essere punito con ogni strumento possibile arrivando a formulare l’assurda accusa di terrorismo. Mi chiedo come sia possibile che la polizia abbia assecondato tutto ció. Dubito del fatto che nessuno sapesse cosa siano gli Houthi e cosa succeda nello Yemen, a mio parere si è voluto punire l’espressione di un’opinione sgradita. L’Ateneo, dal canto suo, vanta accordi con il regno saudita, con il Rettore che si reca personalmente a Ryad, un accordo con la NATO per fare model-event nella facoltà di Forlì e innumerevoli collaborazioni con Israele e con l’Unione Europea. E uno studente che paga 4.000 euro di tasse universitarie all’anno non può esprimere una posizione critica? Bisogna emarginare, mettere a tacere e punire chi ha opinioni differenti? Dove è la libertà di espressione e di stampa di cui l’Occidente si vanta al cospetto del mondo non occidentale?
A dicembre 2016, l’Ateneo di nascosto mi ha laureato con il peggior punteggio all’interno del corso di laurea, facendomi apparire come quello che meno sapeva. Forse l’Ateneo e la polizia hanno pensato che le loro azioni avrebbero modificato o influenzato le mie idee politiche, al contrario mi hanno dato certezza che ciò che ho espresso in tesi fosse un vero pugno in faccia al Sistema, nella sua parte più importante, l’ideologia. Una semplice tesi è diventata più pericolosa di una bomba perché aver della gente che pensa liberamente è qualcosa che mina il sistema occidentale nelle sue fondamenta. Spero in un futuro non molto distante di andare in un’aula di tribunale e di far chiarire davanti un giudice cosa realmente sia successo, poiché ho ricevuto danni morali nonché materiali considerando che rimango segnato nel database della polizia e senza tralasciare che sono stato penalizzato nella valutazione dell’elaborato, così come lo sono stato in occasione di altre prove ed esami sostenuti. Voglio ricordare che sia l’Ateneo che la polizia sono istituzioni dello Stato Italiano, il quale perciò ha leso una persona che vi ha vissuto per vent’anni. La polizia tra le altre cose mi chiese perché abbia voluto rimanere cittadino russo, e non essere cittadino italiano dopo aver vissuto venti anni in Italia. La mia risposta è tutto ciò che ho scritto fino ad ora. Come potrò mai sentirmi parte di uno Stato il quale non permette che mi esprima liberamente? Dare del “terrorista” a chi esprime idee non conformi a quelle della maggioranza non con una pistola in piazza, ma nell’ambito di una tesi universitaria ricorda i regimi latino-americani, come quello di Augusto Pinochet, installati con il piano Condor di Kissinger ed è segno della deriva autoritaria dell’Occidente, servo dell’unico totalitarismo esistente al giorno d’oggi, il liberalismo.
Ruslan Abdurakhman

Advertisements

29 thoughts on “Ai confini della realtà

  1. Posso dire al neo-laureato che non esiste piu’ liberta’ di parola.
    In nessun luogo della terra.
    Lui se vuole continuare su questa strada lo vedra’ di persona
    quello che ho scritto sopra.
    Se non sono gli interessati a scandalizzarsi c’e’ subito pronto
    un zelante carnefice che si fa in quattro per ricevere carezze.

  2. Il protagonista si è esposto molto, probabilmente troppo per essere uno studente. Di storiacce ne ho viste, ma mai di questo livello. L’accademia non dovrebbe essere il ring per guerre di religione inerenti l’orientamento politico delle persone.

  3. Non sono nè sorpreso nè esterrefatto. Mi dispiace ma cosa ti aspettavi, sopra tutto dopo aver messo il motto di Ansarullah? Non sei forse conscio che in occidente, alla prima vera prova, la tanto propagandata democrazia occidentale, fondata sulla libertà di parola e di pensiero, ma in realtà solo di costume, si squagli sotto il peso della contraddizione. Prendi ad esempio i cosidetti “Negazionisti”, non sto a discutere le tesi, ma è esemplificativo di come tutto l’apparato “democratico” ha reagito. Non con la dialettica, consono ai fondamenti del pensiero, ma con l’oscurantismo. Per cui, puoi denunciare, ma non ti puoi lamentare. Forse sono brusco, ma in ogni caso ti esprimo massima solidarietà, a te e a tutti i popoli oppressi dalla “fine della storia” e dallo “scontro di civiltà”.

  4. Inaudito, ma già si sa.
    A Roma per eventi che hanno per protagonisti i jews, la polizia deve prima interpellare ed informare i “Padroni del Discorso”.

    Tutta la solidarietà al neo dottore, orgoglioso , A RAGIONE, di voler rimanere cittadino russo.
    Lunga vita al Presidente Putin !!!

  5. Nel vedere un ragazzo, in buona fede, così maltrattato, deriso, umiliato in uno dei giorni più importanti della sua vita, la prima reazione non può che essere di solidarietà. Mi si permetta però di dire due cose direttamente a Ruslan.

    Anzi tutto… privet dorogoj! Mi ricordi tanto un ragazzo di vent’anni, vent’anni fa, a Ca’ Foscari, che girava con la kefja al collo e Liberazione in tasca. Oggi quel ragazzo ha vent’anni di più, non ha più capelli in testa, ha preso un eccellente in un dottorato di ricerca che non gli ha cambiato assolutamente la vita (visto che per campare continua a fare altro… non ti preoccupare, quindi, per il voto basso), la kefja l’ha portata a fine corsa e… Liberazione, non c’è più! Ma è sempre incazzato, pur con le gengive quotidianamente sanguinanti a furia di mazzate.

    E’, inoltre, sempre comunista, porca miseria le ha tutte. Anzi, lo è più di allora, visto che al cinese ha aggiunto la conoscenza del russo, che gli dà la possibilità di accedere a settant’anni di socialismo reale e che, sinceramente, lo fa essere molto, molto, critico sia sul corso attuale russo, che su quello cinese (che, in entrambi i casi, tutto gli appaiono fuorché “la continuazione del socialismo realizzato con altri mezzi”).

    Permettimi quindi alcuni appunti, da compagno a compagno o, se vuoi, da fratello maggiore.
    1. Mettere in mezzo Hitler non è mai una bella trovata. Lo fanno tutti, peraltro. Soprattutto, non è scientifico e men che meno lo puoi mettere in una Tesi di Laurea. Sono eventi incomparabili fra loro, e tentarne una comparazione ti porta inevitabilmente fuori tema e ti espone alle critiche dell’avversario. Avversario, che non aspetta altro per esulare dal merito delle questioni e parlare d’altro, accusandoti con argomenti che depotenzieranno, delegittimeranno, annulleranno di colpo i tuoi.
    2. Parli di libertà di espressione, ma non ti dimenticare che in altri Paesi saresti stato ingabbiato per molto, molto meno. Non finirò mai di stupirmi di come, ogni volta che si nomini Daesh o An-Nusra in articoli e analisi russe, sia necessario aggiungere un rimando o una parentesi con la dicitura “запрещенный в РФ” (vietato nella Federazione Russa). Non parliamo poi di Cina, con siti come flickr bloccati. Non buttarla mai su libertà vs controllo sociale, quindi.
    3. Confondere antisionismo con antisemitismo è un altro errore da evitare: ambiguità su questo fronte non possono e non devono esserci. Pena subire – inutilmente – gli attacchi di cui al punto 1. Capisci Ruslan il senso di quello che voglio dire? Puoi anche esprimere punti condivisibili, ma rischi di tirarti tu stesso la zappa sui piedi.
    4. La tua dedica è stata anche la mia, vent’anni fa, mutatis mutandis. Meno male che non c’erano organizzazioni tipo quelle di oggi. C’erano gli zapatisti che più che fumarsi pipa con passamontagna nero non facevano. Stai molto all’occhio a quello che metti, quello che scrivi, pensa che tutto potrà essere travisato e usato contro di te. Ripeto, non aspettano altro.
    5. In sintesi: noi comunisti abbiamo un dovere, rispetto a cialtroni che popolano la rete ma che, rispetto a noi, hanno e avranno sempre il culo parato e potranno dire di “esser stati travisati” anche quando intendevano proprio quello. Dobbiamo essere ineccepibili, inattaccabili, documentare tutto, TUTTO, lasciare che i fatti parlino per noi. Rileggerci, rileggerci e rileggerci ancora prima di lanciare quell’ “invia”, dopo il quale quello che hai scritto, hai scritto. Gli togli già tutti gli argomenti e li riduci al silenzio. Chi ti dice il contrario, o non capisce niente di politica, o è in malafede. Io l’ho imparato a mie spese e per questo mi son permesso di scriverti.
    6. Quando ti passerà l’incazzatura, sacrosanta, pensa anche a dove hai sbagliato e ripulisci il testo, che sarà sicuramente interessantissimo. Mettilo su Academia.edu o mandamelo, voglio leggerlo! Cerca anche di capire la fonte di certe tue affermazioni e, se possibile, limitane la frequentazione. Una testa, un cervello così bello e brillante non può, non deve cadere vittima di qualche coglione dallo slogan facile.

    Scusami se mi sono permesso di scriverti quello che ti ho scritto, Ruslan!

    Auguri per la tua Tesi. I vse taki pozdravljaju!

    Vsegda vpered!

    Iskrenne Vash,

    Paolo Selmi

  6. L’inutile “laurea” in “Scienze Politiche” (lo stesso autore afferma che non è una scienza) la farei pagare 40mila euro all’anno, non 4mila, è la laurea dei figli di papà, dei fancazzisti, dei rampolli dell’elitè… e poi… a BOLOGNA la città più servile della Galassia ai poteri forti, dunque a quelli a cui è andato a schiacciare i piedi, ma cosa si aspettava (?!) gente libera aperta democratica?! Perfino il corso in INGLESE (!!!) dà l’idea di quanto siano servili i bolognesi, adottano entusiasticamente la lingua dei colonizzatori. Prendere la laurea in ScienzePolitiche a Bologna è come prendere un’attestato d’ignoranza totale, ma è anche un’attestato di assoluta fede nel Regime che può essere utilizzato per quegl’incarichi in cui al Regime serve un fedele cane da riporto, un servo, raccomandato ed attestato. Se Abdul… avesse voluto studiare ed avesse l’intelligenza per farlo, ci sono delle vere lauree, non certo “scienze politiche” a Bologna.

  7. Ruslan non hai ancora capito che gli Italiani tra i tanti pregi che hanno sono bravissimi nel pugnalare alla schiena?!
    L’Italia poi come paese è un’espressione geografica come diceva giustamente un cancelliere dell’Impero Austriaco, gli Italiani presi nelle loro componenti culturali locali possono anche essere delle degnissime persone ma collettivamente sono il nulla spinto e le omponenti culturali locali vanno purtroppo spegnendosi.
    Ruslan ringrazia Allah e la Vergine di Kazan di essere di nazionalità russa, gli europei rispetto alla Russia sono delle nullità.
    Che Dio ti benedica Ruslan
    Un Veneto cattivissimo

  8. Ringrazio i lettori. Nonostante non sono un esponente del pensiero liberale ho rispetto per punti di vista differenti. Dopo essere entrato quotidianamente in una facolta’ che mi riempiva di propaganda, ma possiamo chiamarla opinione personale dell’universita/docenti, mi e’ sembrato giusto e anche in segno di risposta, esprimere il mio punto di vista, e far capire che non c’e solo il loro. Perche’ se Loro possono esprimersi in tutte le maniere, non vedo perche’ io non possa. Questa e’ la cosa che mi da fastidio, non tanto il loro punto di vista, ma il cercare di bloccare ogni liberta’ di espressione di un’opinione fuori dal loro panorama “liberale”. Coinvolgere le forze dell’ordine, le quali hanno assecondato questa pagliacciata fa realmente pensare quali siano le loro priorita’. Persecuzione Politica (con il supporto delle forze dell’ordine) come ho gia’ scritto ricorda ricorda regimi autoritari.

    Ruslan Abdurakhman

  9. riceviamo da Fulvio Grimaldi il seguente commento:

    Caro studente russo, il tuo stupore e la tua giustificata indignazione sarebbero appropriati in uno Stato di diritto, non in una colonia USraeliana gestita da una consorteria di sguatteri. Qui certe cose se si riesce a dirle è solo perchè le si vestono di parole paracule. E’ tanto che il rettore non abbia fatto ricorso al waterboarding.

  10. @Bastian C.

    e chi conseguì tale laurea a Padova, una ventina di anni or sono, con una seminale tesi sull’economia iraniana del periodo post rivoluzione islamica 1979 che similmente mise a disagio il correlatore di turno, è pure lui un’ignorante totale fannullone figlio di babbo servo del Sistema?
    non si direbbe…

  11. @Paolo Semi
    Vorrei ricordare che parliamo di un corso di Laurea dove si parla di politica e storia e la figura di carismatico personaggio come Hitler non deve confondere le acque e sopratutto le menti. Quindi se nel contesto i relatori hanno trovato “offensivo” l’equiparazione è altrettanto ridicolo e soprattutto offensivo per la cultura storica e quella di una Università, come quella di Bologna, scendere a discutere contrapponendo idiozie o peggio ancora appellativi di antisemitismo che nulla c’entrano. E’ la dimostrazione provata che la classe dirigente universitaria andrebbe totalmente riformata alla Erdogan ma aggiungendo la punizione che Crasso attuò a suo tempo (Crux patibolata).
    Quindi il giovane russo – onore alla cara madre Russia, unico baluardo delle tradizioni cristiane e probabile unico custode della jus romana – non solo ha fatto bene a confrontare un personaggio storico ma ha trovato di fronte una squallida squadra di parassiti al soldo di Sion e delle forze atlantiste che hanno dimostrato la loro bassa preparazione. C’è da chiedersi chi ha dato loro lo scranno per poter giudicare ed ergersi a giudice.
    La polizia avrebbe dovuto intervenire contro questi traditori e rinchiuderli con i ceppi ai piedi a suon di bastonate, altro che balle!

  12. Pur condividendo diverse affermazioni della tesi di Laurea, penso che l’autore avrebbe potuto risparmiarsi la citazione inneggiante alla vittoria di Allah (che, come gia’ sottolineato da un altro commentatore, probabilmente sarebbe sanzionata anche in Russia)

  13. Una piccola precisazione prima di rispondere. Nonostante abbia il passaporto russo e sia nato a Mosca, mia madre proveniva dall’Afghanistan, di etnia tajika. Sia per l’aspetto, e per appartenenza culturale sono piu vicino al mondo iranico/persiano. Sul piano filosofico: Platone, Macchiavelli, Hobbes, Hegel, Heidegger, Schmitt. Ho sostenuto la rivoluzione nel 1917, la quale è stata superata a sua volta nel 1979. È quella la rivoluzione tutt’ora presente. Dal 1979 lo Sciismo Politico ha sostituito quello che prima rappresentava il marxismo, una speranza, un messaggio per gli oppressi contro l’oppressore. Normale la demonificazione dello Sciismo e il “containment” nella stessa maniera con cui il sistema aveva combattuto ogni idea anti-sistema. Oggi gli sciiti pagano con bombe sulla propria testa come in Yemen e Libano, repressioni quando sono in minoranza con totale silenzio assenso dei media e communitá internazionale, oppure isolamento come con la Repubblica Islamica.

    Rispondendo
    @Bastian C.
    La mia laurea anche se non era in ingegneria, né in matematica o chimica, era pur sempre degna, perchè le conoscenze di Scienze Politiche sono fatte apposta per dar la possibilitá di lavorare in istituzioni nazionali e/o internazionali. L’atmosfera non era positiva. Fannulloni lo si puó essere in qualsiasi corso di laurea, soprattutto la gente seduta il giorno intero in piazza Verdi e via Zamboni. La mia facolta è a Forlì, non è per fannulloni, bensì per nuove reclute del sistema atlantico in tutte le sue forme e istituzioni, NATO, UE, ONG, Centri di ricerca, incarichi in apparati ministeriali ecc.., ovviamente tutto in direzione atlantica.

    @FulvioGrimaldi
    Lo Stato di diritto hegeliano dovrebbe essere il modello di buono Stato, come può immaginare uno dei motivi per cui ho cambiato ambito è perché non avrei potuto ottenere nulla con le mie idee nell’attuale sistema. Si spera in un giorno non troppo lontano in cui la gente sia meno rincoglionita e che universalmente cerchi di sbarazzarsi di queste élites con la forza, sperando in una punizione divina.

    @Grog @Nic & altri
    Grazie per le vostre parole, ha realmente fatto piacere vedere che non sono l’unico a cui ciò che è successo non è piaciuto. Se penso però che nessuno dei miei colleghi ha espresso solidarietà è qualcosa che rattrista e preoccupa allo stesso tempo.

    Dall’Agosto 2015 sono tornato in Russia per vedere il mio Paese d’origine (uno dei Paesi d’origine) e voglio togliere ogni mito di terra promessa riguardo alla Fed. Russa. Economicamente il Paese è in forte crisi, leggevo proprio oggi un articolo che faceva notare che la crisi economica del 2008-2009 aveva colpito solo settore bancario e multinazionale, l’attuale crisi colpisce perlopiù la popolazione. La crisi economica è la risposta occidentale per aver bloccato la guerra in Siria, l’Ucraina è stata una vendetta occidentale o collateral damage. Come ha detto Nasrallah, la Russia non è parte dell’asse della resistenza sciita. La posizione russa in Medio Oriente è semplicemente per prendersi un pezzo della torta, diversa totalmente la posizione iraniana che se da un lato vuole ricostruire l’impero persiano tramite lo sciismo, è realmente interessata a colpire ed estirpare i mali della regione mediorientale, siano wahabismo salafismo o sionismo. In Russia come faceva notare un lettore in una risposta continuano a scrivere che l’Isis è vietato, e viene ripetuto costantemente, non tanto perchè la gente creda che sia legale, ma perchè toglie l’attenzione. Ufficialmente la Russia ritiene l’Isis il problema mentre Isis e affini sono strumenti e non la ragione del problema. La dirigenza russa alla radice del problema non ha intenzione di andarci. Il Sultanato Ottomano, lo Stato Ebraico e i regni salafo-wahabiti del deserto oggi sono i maggiori partner economici della Russia, soprattutto a causa del blocco occidentale, essendo partner economici diventano in parte anche partner politici. Gli S300 o S400 non hanno fermato né i missili di Trump né le incursioni/escursioni dei velivoli israeliani. Non hanno fermato l’avanzata della fanteria ottomana tantomeno altre incursioni/escursioni straniere. In Russia si sente parlare di piani riguardo una futura uscita di scena di Assad in cambio dell’uscita di scena della FSA, o di un piano di federalizzazione a favore dei Curdi. L’Iran e altre organizzazioni sciite hanno mandato contigenti di militari, sul terreno e non solo contro ISIS ma contro l’opposizione e perché Assad riesca a riprendere controllo del territorio. E non è solo l’ISIS o affini che controllano il territorio siriano, e contro gli “altri” la Fed. Russa non ha fatto nulla. Con buona parte dei Russi che visitano come località di vacanza Sultanato Ottomano e Stato Ebraico, Fed. Russa che paga le pensioni ai cittadini sovietici che hanno mollato la Russia per andare a Tel Aviv, Rosneft che vende 40% delle suo pacchetto azionario al Qatar per mettere qualche soldo nel budget statale, il salafita Kadyrov il quale in cambio di mantenere la Cechnija all’interno della Russia ha ottenuto un Emirato tutto per lui simile alle monarchie arabe, l’intera elite dirigenziale russa che manda i figli a studiare e abitare all’estero, ogni famiglia con possibilitá economiche che paga l’equivalente di circa 5000 euro alla commissione militare per far esentare i figli dalla leva e ospedali pubblici dentro i quali ci si potrebbe ambientare un film horror (ne parlo per esperienza). Infine alcuni amici dello Yemen mi hanno confermato che la Russia ha mandato sostegno economico allo Yemen, però al governo in esilio a Ryad, che userá questi soldi per combattere gli sciiti Houthi che governano lo Yemen. La Russia da fuori non è la Russia da dentro e questo lo si capisce vivendoci e non standone fuori. Sicuramente la Russia rivuole il suo posto nell’arena internazionale ma non è uno Stato rivoluzionario, è semplicemente un altro pretendente, anche Trump e Brexit non sono stati rivoluzionari, anzi si stanno dimostrando piú reazionari dei predecessori. Il sistema cambia forma per non cambiare sostanza.

  14. Caro Ruslan, la diplomazia non è proprio il tuo mestiere…
    😉

    N.B.: se alcuni commenti non vengono “approvati” tempestivamente, è dovuto al fatto che per imperscrutabili motivi sono stati confinati nello spam dalla piattaforma wordpress.
    il curatore del blog, dal canto suo, fa il meglio che può…

  15. Bastian C.

    E saresti tu a dover scegliere cosa è o cosa non è consono studiare per ottenere una laurea? Pensi forse che una laurea in matematica ti sollevi dall’idiozia? Il tuo argomentare sul figlio di papà o sul fancazzista, francamente oltre che essere puerile e stantio, è stupido, per te il lavoro è degno di essere chiamato tale solo se si portano ballini di 50 kg sul groppone o si produce qualcosa di tangibile? Ma sopra tutto, come puoi mettere in dubbio l’intelligenza altrui senza conoscerlo? Il tuo commento a stento maschera la voglia di offendere, il perché lo sai tu, ma è facilmente immaginabile.

  16. Caro Paolo,

    perdonami se insisto, ma comparare nazismo e imperialismo o confondere antisionismo con antisemitismo (morte ai giudei non è antisionismo) costituiscono due errori gravi non solo dal punto di vista formale, perché ti espongono ad attacchi gratuiti e offrono la tua testa su un piatto d’argento, ma anche dal punto di vista sostanziale, perché
    1. inaccettabili da un punto di vista scientifico, pena lo scadere nel confronto che si potrebbe avere al tabacchino sotto casa. E l’Università, spiace, ma non è il tabacchino sotto casa, è il luogo dove ci si dota di strumenti atti a capire la realtà nella sua complessità e si lasciano a casa gli slogan, anche perché è l’unico modo per tentare di risolvere i problemi escludendo le clavate. I russi in questo si sono rivelati i migliori al mondo. Questo è un articolo di un professore russo a proposito. Ruslan, a te giro il link in originale (https://ria.ru/authors/20170318/1490321432.html). Una breve sintesi in italiano l’ho messa a commento di un lavoro di Grimaldi (http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/03/siriaq-grande-e-il-disordine-sotto-il.html). Si parla delle “triangolazioni” diplomatiche dei russi in medio oriente. Che poi, in una sessione di Laura, dei professori abbiano avuto gioco facile a RISPONDERE a una provocazione banalizzando lo scontro, scadendo e ponendosi sullo stesso piano del provocatore, è un altro discorso. Ma di RISPOSTA, spiace dirlo, si è trattato.
    2. non c’entrano nulla con l’oggetto della Tesi (la nuova via della seta, o mi sbaglio?)

    Caro Ruslan,
    Scusa anzi tutto se ti ho scambiato in buona fede per un comunista. Ciò detto, parlare di politica in sede non solo universitaria, ma ovunque al di fuori della strada, del tabacchino, di certa televisione o di certi forum, non è opera di testimonianza o di tifo da stadio, ma contrapposizione dialettica. Questo, a prescindere da Marx o da Aristotele, è quanto accade quando la mia opinione non collima con la tua. La denuncia di un’ingiustizia non può, non deve, essere il pretesto per nessuna “soluzione finale”: viceversa può, e deve essere, il presupposto per un’azione politica e sociale tesa al superamento della stessa, o delle stesse, in un percorso coerente non solo dal punto di vista logico-formale, ma anche all’atto pratico. Altrimenti, si scade nelle figure retoriche più banali, di cui la sineddoche e la metonimia (una parte per il tutto) oggi sembran essere quelle più di moda. Dire che i russi sono capitalisti (ma anche i cinesi) è scoprire l’acqua calda. Dire che la soluzione è la rivoluzione iraniana è usare una figura retorica, che passa dalla parte al tutto, per l’appunto, senza illustrare il processo dialettico nel mezzo. E che si espone, e si esporrà sempre, in sede di dibattito politico, alle più facili critiche visto che stiamo parlando, in ultima analisi, di un atto di fede. Viceversa, dimostrare tramite lo studio e la ricerca che l’economia politica iraniana dopo la rivoluzione del 1979 sia migliore di quella realizzata in URSS in termini di crescita industriale (settori A e B), agricola, del terziario, in termini di aumento del tenore di vita della popolazione (inteso sia economicamente, nel senso di un maggiore accesso ai beni di consumo e ai servizi, sia culturalmente), in termini di ricerca e innovazione che partano da una diversa nozione di valore d’uso della merce (e di definizione quindi dei bisogni) è una sfida che ti aspetta, come studioso e militante, e che ti auguro di portare a termine con successo. Anche se mi troverai, cordialmente, sul fronte opposto.

    Un caro saluto a tutti.
    Paolo

  17. Rispondendo

    Se uno mi chiamasse comunista non mi offendo, lo sarei stato nel XX secolo, oggi la scena mondiale si e’ evoluta. Nella tesi indicai quattro rivoluzioni dell’eta’ contemporanea (capitalista). La prima e’ la rivoluzione industriale inglese che modifico’ la struttura ma non la sovrastruttura della societa’. la seconda e’ stata la rivoluzione francese che modifico’ la sovrastruttura adattandola alla societa’ capitalista. Se il Marxismo viene presentato come l’antitesi del capitalismo, lo puo’ essere in certe cose ma non in tutte, e la rivoluzione russa ha modificato la struttura della societa’, i rapporti di forza come scriveva Marx, ma non ha modificato la sovrastruttura rispetto alla precedente rivoluzione, nel caso russo la struttura diventava “socialista” o “comunista” ma la sovrastruttura era basata sulla rivoluzione francese, sul materialismo, sulla dichiarazione dei diritti dell’uomo francese etc. Sia il modello di stato uscente dalla rivoluzione francese che era il campo occidentale durante la guerra fredda sia il modello di stato uscente dalla riv. russa che invece era il campo socialista, portava (e portano) ideologicamente alla globalizzazione perche’ entrambi le rivoluzioni portavano una dimensione universalistica (cioe’ l’espandersi all’infinito) nonche’ mondialista/internazionalista che portavano ad un governo globale. Inoltre entrambi condividono il materialismo che e’ una delle principali ragioni del fallimento della societa’ contemporanea che e’ in crisi. La Rivoluzione Islamica o quarta rivoluzione invece, ha trovato in elementi tradizionali (non reazionari, c’e differenza) la possibilita’ di evolversi, di mantenere una struttura incline al socialismo, (non comunista nel senso marxista) ma con una sovrastruttura anti globalizzazione, anti materialista (e quindi spiritualista) e puo’ essere un modello per altri stati che non devono per forza passare per lo Sciismo che pero’ e’ stato uno degli elementi tradizionali.

    Non ho mai detto che l’Economia Iraniana sia la migliore al mondo, c’e da precisare che in Iran per lo stato di isolamento che il paese ha subito (e il programma nucleare e’ la ciliegina sulla torta non la ragione) e’ difficile attrarre investimenti, nessuna multinazionale vuole aprire, non perche’ Khamenei o Ahmadinejad lo neghino ma perche’ multinazionali temono di essere tagliate fuori o sanzionate nei mercati dei paesi opposti all’Iran, in questo caso paesi occidentali, monarchie Arabe, Sultanato Ottomano e stato Ebraico che sono una forte fonte di capitali. Quindi l’attuale stato dell’Economia Iraniana e’ data semplicemente dall’Isolamento che il paese subisce dall’esterno e poiche’ corporations e investimenti vengono prevalentemente dai paesi che isolano l’Iran e’ un cane che si morde la coda. La chiusura e’ da fuori verso l’Iran perche’ il sistema Occidentale non vuole accettare (e non puo’ per la sua sopravvivenza) un’ideologia totalmente opposta come quella che viene dalla rivoluzione khomeinista. Facendo un parallelo pero’ con gli “Evirati Arabi Uniti” (termine coniato dall’amico Ouday) i quali hanno un sistema politico e sociale ben piu distante e meno democratico di quello Occidentale rispetto all’Iran su di loro nessuno dice nulla se non che bella Dubai, dopo che finanzino e bombardino in giro per il Medio Oriente, poco gliene frega a nessuno sfortunatamente.

    Visto che parlavi di Cina, forse sai che esiste un indice che misura il livello dell’economia, da quella migliore a quella peggiore analizzando vari fattori. L’Economia migliore al mondo e’ una citta’ della Cina, sicuramente conosci Hong Kong. L’indice e’ fatto del centro Heritage ed e’ veritiero analizzando vari parametri, Hong Kong puo’ essere presa per alcuni aspetti ad esempio, c’e pero’ da dire che e’ un’economia piccola, una citta’, un porto quindi esposta naturalmente al commercio e ai flussi economici nonche’ basata solo su servizi. L’Economia di Hong Kong puo permettersi di esistere perche’ dall’altro lato esiste chi produce primario e secondario per loro, quindi se da un lato l’Economia di Hong Kong puo’ essere presa ad esempio dall’altro si sa che non e’ un modello totalmente applicabile universalmente.

    E’ quindi necessario fare una sintesi, non mi ritengo né estremista né radicale, né dico no al mercato, ma va capito che buona parte dell’economia contemporanea dipende dalla politica internazionale, la quale a sua volta dipende dalle economie dei vari attori. Aver potere economico oggi e’ cio’ che realmente conta nelle relazioni internazionali, e le testate nucleari non sono sufficienti, perche’ davanti ad attacchi speculativi, sanzioni ed embarghi i carri armati non difendono, né aiutano. Detto questo la cosa piu’ schifosa dell’attuale guerra verso lo Yemen e’ il generale Silenzio Assenso, che io ho cercato di rompere con quel simbolo, e in qualche modo ci sono riuscito se ha dato cosi’ fastidio. Se per la Siria e altri conflitti vi era la scusa del dittatore delle fosse comuni etc., davanti alla situazione in Yemen neanche il piu sostenitore del governo in esilio a Ryad puo’ giustificare il bombardamento in massa fatto appositamente come era stato fatto a Dresda ed in altri posti, perche’ quando la maggioranza della popolazione sostiene il governo di Ansar Allah non si puo’ creare la scusa del regime cattivo, il quale tra l’altro e’ attaccato da formazioni come Al Qaeda ISIS e allo stesso tempo da una coalizione senza il permesso dell’ONU (alleanza naturale), con ONU e Mass Media che guardano dall’altra parte. Allora si, divento cattivo perche’ il valore del sangue del popolo dello Yemen e’ sicuramente superiore al costo di un barile di petrolio o di un grammo d’oro.

  18. @Khashayar Shah Leggo che sei un aspirante traditore della Patria, ma non essendo italiano… comunque hai l’aspirazione di andare a servire gli oppressori, assassini e sicari economici di UE, NATO… ma la cosa inquietante è che lo sai, però vorresti andare ugualmente ad aiutarli ad assassinare/depredare altra gente (me compreso) mah… capisco che in una facoltà dove la razionalità è obbligatoria, non ti saresti trovato a tuo agio.
    Ringrazio byebyeunclesam per la pubblicazione e la risposta: esatto, chi se ne esce con una laurea in “Scienze(?!) Politiche” è uno zero assoluto, serve soltanto come attestato di assoluta fedeltà al Regime a Padova peggio che Bologna, mi ricordo un motto scritto all’università:”Padova ce l’ha insegnato per ogni alunno bocciato un professore massacrato” era più rossa di Bologna. M’è sembrato di leggere tra le righe che chi si laurea in queste mitiche pseudoscienze, sia un pozzo di scienza è la prima volta in vita mia che intraleggo una simile affermazione, sono un po’ sconcertato.
    Non so quanto competente in economia fosse questo “correlatore” ma se insegnava a Scienze Politiche non credo che fosse un genio. Per scrivere una qualunque cosa circa l’economia, bisognerebbe prima capirci qualcosa, magari una laurea in economia e qualche lustro d’esperienza come “trader” (che serve più della laurea) oppure Lei i suoi soldi se li fa amministrare da un neolaureato in “Scienze” politiche…
    Dunque, con una laurea in “scienze politiche” non si porta a casa la pagnotta a meno che non si sia raccomandati e di provata fede “sinistra/regime” in quel caso ci si può tranquillamente imboscare in qualche ufficio pubblico e finire li, sempre troppo ben pagato, la propria inutile e parassitaria esistenza a meno che non si decida di servire le organizzazioni delinquenziali di cui sopra ed allora non s’è condotta una vita inutile, ma criminale.

  19. Caro Ruslan,
    proprio per quanto affermi, mi permetto di chiederti di approfondire maggiormente la storia del tuo Paese d’origine e di appartenenza, il marxismo, e il pensiero mondiale in generale. La mia formazione mi ha portato, nei decenni, a confrontarmi con culture millenarie, di fronte alle quali quelle fra “materialismo” e “spiritualismo” possono essere ridotte a beghe da cortile. Ho visto e conosciuto da vicino religioni atee (buddhismo e, prima ancora, induismo), nel senso teistico del solo dio a cui ricondurre il tutto, religioni in cui credono due miliardi e mezzo di persone, come minimo, teorie e pratiche per cui esiste una tecnica dello spirito o, meglio, una dinamica del corpo-mente (yoga, tantrismo, taiji quan, qi gong), che esulano dalla dialettica materia-spirito cui noi, gente del Libro, siamo abituati. Ho conosciuto sciamani e le loro tecniche dell’estasi, i cosmopsicogrammi del Mandala, così come pratiche ancestrali occidentali sopravvissute sin quasi i nostri giorni, come il fenomeno del tarantismo nel nostro Meridione. Ho visto lo spiritualismo dell’Ataman arrivare fino a Solaris di Andrej Tarkovskij, ho visto il travaglio interiore di Raskol’nikov, del suo delitto e del suo castigo, riflettersi nelle canzoni di Vygotskij, ho visto la poesia di certe descrizioni, come quello del ferimento di Andrej Bolkonskij o del ballo di Natasha Rostova nella capanna di legno di suo zio, ripresa alla perfezione nel film di Bondarchuk del 1969. Ho visto l’anima russa, così come ce l’hanno proposta i classici del Settecento e dell’Ottocento, riflessa nei classici del Novecento e nelle opere di gente comune, fotoamatori come me (https://www.flickr.com/photos/114270893@N02/), pubblicate su Sovetskoe foto (qui ci sono 366 numeri digitalizzati https://rutracker.org/forum/viewtopic.php?t=858607). Ho visto la frustrazione e la voglia di riscatto di un intero popolo in una canzone di un gruppo che particolarmente amo, i DDT, che parla proprio di un “eroe” (https://www.youtube.com/watch?v=pFj3PhT2mgI), un vecchio umiliato, deluso e deriso, che arriva a non riconoscere neppure sé stesso. La fine è un ribaltamento dei presupposti iniziali.
    Vedi, avrei potuto dirti che no, quello marxistico è un materialismo dialettico, che rifiuta il materialismo volgare, insieme all’idealismo. Avrei potuto invitarti alla lettura di un classico di un professore della DDR, Robert Havemann “Dialettica senza dogma”, alla poetica di Ejzenstein e alla tensione spirituale che crea sapientemente combinando fotografia, musica e montaggio, o agli studi rivoluzionari di Vygotskij sulla psicologia infantile, o ricondurti alla mia Tesi di dottorato dove riconduco il “marxismo” di Mao alle sue radici tradizionali, e che trovi sulla mia pagina di academia.edu. Ma ho preferito parlarti di questo. Forse potrebbe esserti più di aiuto nella tua ricerca, che ti auguro essere la più lunga e fruttuosa possibile!
    Ciao!
    Paolo

  20. “Dunque, con una laurea in “scienze politiche” non si porta a casa la pagnotta a meno che non si sia raccomandati e di provata fede “sinistra/regime” in quel caso ci si può tranquillamente imboscare in qualche ufficio pubblico e finire li, sempre troppo ben pagato, la propria inutile e parassitaria esistenza a meno che non si decida di servire le organizzazioni delinquenziali di cui sopra ed allora non s’è condotta una vita inutile, ma criminale.”

    So che non devo rispondere ma voglio rispondere lo stesso in maniera costruttiva. Intanto premetto che la parola Sinistra/Regime vuol dire poco. Lei crede che la destra occidentale non sia di regime? Reagan e la Thatcher erano fuori dal regime? Trump e la May si sono dimostrati ancor piu di regime che i predecessori. Si menzionava il correlatore il quale pero’ non era italiano, proveniva da est, convertitosi all’atlantismo e di fede ebr. Piu volte a lezione ha dimostrato di essere anti-Sinistra e perlopiu’ di Destra Repubblicana. Di persona quando gli chiesi perche’ secondo lui gli Usa hanno ragione ad interferire con altri stati mentre gli altri stati non possono (che era quello che diceva a lezione), la sua risposta fu: perche’ gli Usa mantengono la sovranita’ dei paesi presenti all’ONU, e come esempio porto’ la prima guerra del golfo, quando gli USA attaccarono l’Iraq per ripristinare l’esistenza del Kuwait, in cui vi erano miliardi di loro investimenti.

    Non e’ una persona di sinistra ma e’ di regime.

  21. un’altra prova che ci si può laureare in Scienze Politiche-Relazioni Internazionali a Bologna senza essere necessariamente atlantista sta in questo articolo di Stefano Cavedagna:

  22. I troll fancazzisti e remunerati per rompere i cogli.ni nei blog sperano di invalidare le idee con offese e argomenti dal suono convincente ma che non vogliono dire niente. Si pongono in antitesi sempre e comunque cercando di ridicolizzare e sminuire. Si pongono al di sopra ma nella realtà sono messi sotto ma son contenti, come impedire ad un servo di essere felice per esserlo?

  23. Ecco un bellissimo esempio di indottrinazione della facolta’ di Scienze Politiche. Premetto che queste “Open Lectures” come le chiama la facolta’ sono obbligatorie per il 70% delle frequenze. A parte il fatto che vi e’ il NULLA ideologico, i temi sono sempre quelli. Democracy, Human Rights, Ebrei, LGBT, Immigrati, Zingari, Femminismo, ONG ecc… Non so come si faccia a fare carriera sul nulla.

    http://corsi.unibo.it/2Cycle/mirees/Events/2017/04/queering-marx-and-marxing-the-queer-beyond-identitarian-lgbt-activism-in-serbia.aspx

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...