Volete stabilità nei Balcani? Allora ridateci la Jugoslavia

Torna alta la tensione nei territori della ex Jugoslavia a seguito dell’assassinio di Oliver Ivanovic, esponente di punta della minoranza serba in Kosovo.

L’influente think-tank statunitense Council on Foreign Relations (CFR) ha messo i Balcani nella sua lista di prevenzione dei conflitti nella sua recente inchiesta del 2018.
Tuttavia l’idea, promossa dal CFR, che gli Stati Uniti siano il Paese che può aiutare a preservare “pace e stabilità” deve essere messa alla prova – così come gli stessi Stati Uniti e gli alleati NATO più vicini che sono in verità responsabili di molti dei problemi che affliggono attualmente la regione.
Questi problemi derivano tutti dalla violenta rottura della Jugoslavia multietnica degli anni ’90, un processo che le potenze occidentali hanno sostenuto e addirittura incoraggiato attivamente. Ma questo non è menzionato nel documento di riferimento del CFR “Lo scioglimento degli accordi di pace nei Balcani” (Contingency Planning Memorandum n. 32).
Invece sono i Russi, udite, udite, ad essere considerati i cattivi – con “la destabilizzazione russa del Montenegro o della Macedonia” elencato come uno dei possibili scenari del 2018. La verità è, tuttavia, che tutti i possibili “punti di fiamma” identificati dal CFR, che potrebbero portare a conflitti, possono essere direttamente collegati non a Mosca ma alle conseguenze di precedenti interventi e campagne di destabilizzazione statunitensi o guidate dall’Occidente.
Iniziamo con la situazione in Bosnia Erzegovina. Qui la preoccupazione del CFR è un referendum sull’indipendenza che si è tenuto nella Repubblica Serba. Ma gli Americani, che hanno difeso l’autodeterminazione degli Albanesi del Kosovo come parte della loro strategia per distogliere il Kosovo dalla Jugoslavia, e quindi dalla Serbia, difficilmente possono opporsi ai Serbi bosniaci che hanno votato per decidere del proprio futuro. Se l’”integrità territoriale” della Bosnia è così importante, perché non l’”integrità territoriale” della Jugoslavia?
Nello stesso Kosovo, tra le popolazioni albanese e serba le tensioni rimangono alte. L’intervento ‘umanitario’ della NATO del 1999 avrebbe dovuto risolvere tutto questo, ma in realtà fu l’Occidente a suscitare grande attrito con il proprio sostegno agli estremisti dell’esercito di liberazione kosovaro (UCK) e l’emarginazione delle voci moderate del Kosovo che favorivano il dialogo con Belgrado.
La Macedonia è un altro potenziale “punto di fiamma”. Il CFR avverte che sezioni insoddisfatte della grande minoranza albanese potrebbero cercare di unirsi con il Kosovo o l’Albania. In Montenegro, i Serbi etnici del nord respingono ancora il governo “indipendente” a Podgorica e guardano invece a Belgrado.
“La politica etnica nei Balcani è interconnessa”, dice il CFR. “Se la Repubblica Serba cerca di lasciare la Bosnia Erzegovina, alcuni Serbi nel Kosovo settentrionale cercheranno di lasciare il Kosovo, e alcuni Albanesi nella Serbia meridionale cercheranno di lasciare la Serbia. Alcuni musulmani in Serbia potrebbero anche voler unirsi a ciò che rimane della Bosnia Erzegovina. Se la Macedonia viene divisa, i suoi Albanesi potrebbero volere un’unione con il Kosovo e potenzialmente con l’Albania e con le municipalità a maggioranza albanese della Serbia meridionale, innescando le partizioni etniche della Bosnia Erzegovina, del Kosovo e della Serbia”, afferma il suo rapporto.
Se tutto ciò sembra abbastanza complicato, allora forse si può capire perché così tante persone nella regione sono nostalgiche della Jugoslavia.
“Durante i 50 anni di Jugoslavia e di dominio di Tito, i Balcani erano stabili. Non erano considerati la polveriera d’Europa. E ora torniamo ad essere la polveriera”, era il punto di vista di Antonye Nedelkovski, un ex partigiano, citato nell’articolo di PRI The Rise of Yugo-Nostalgia, nel 2015.
L’anno scorso un sondaggio Gallup, riportato da RFE/RL, ha dimostrato che le maggioranze in Serbia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Macedonia e il 45% della popolazione in Slovenia – che di solito sono considerate le repubbliche ex jugoslave di maggior successo – pensavano che lo sfacelo della Jugoslavia sia stata una brutta cosa.
La Jugoslavia ha dato ai popoli dei Balcani non solo stabilità, ma sicurezza economica. Era logico che le persone della regione si riunissero in uno Stato federale. ‘Fratellanza ed Unità’ erano molto meglio per tutti che le tensioni etniche e la disunità. Come afferma Besim Spahic, citato nell’articolo di RFE/RL: “Nella Jugoslavia di [Josip Broz] Tito, la Bosnia era definita come uno Stato comune di Serbi, Croati e Musulmani. L’attenzione si concentrava sui valori condivisi tra i diversi gruppi etnici. Ora le differenze sono evidenziate e gonfiate a dismisura”.
La Jugoslavia ottenne un enorme successo nei campi della cultura, dello sport, dell’arte, dell’educazione e dello sviluppo umano. La sua distruzione fu una tragedia non solo per la gente dei Balcani, ma per l’umanità in generale.
Nella vecchia Guerra Fredda, la Jugoslavia socialista non allineata aveva uno scopo per l’Occidente. Il Presidente jugoslavo, ex leader partigiano in tempo di guerra Josip Broz Tito, riceveva generalmente un buona stampa. Gli intellettuali di sinistra scrivevano con entusiasmo in merito al modello jugoslavo di autogestione dei lavoratori. Gli Occidentali guardavano e godevano dei film e programmi televisivi jugoslavi di alta qualità e prenotavano pacchetti vacanze nel Paese.
Ma dopo la caduta del muro di Berlino, la Jugoslavia diventò “la nazione sacrificabile”. Nelle parole di George Kenney, funzionario per la Jugoslavia presso il Dipartimento di Stato USA, “non c’era posto per un grande Stato socialista indipendente che resistesse alla globalizzazione”.
La Germania sostenne attivamente e incoraggiò la secessione della Slovenia e della Croazia dalla Federazione jugoslava.
La creazione di una Bosnia “indipendente” era più di un progetto statunitense. Gli USA appoggiarono il separatista Alija Izetbegovic e sabotarono efficacemente una soluzione pacifica alla questione bosniaca quando l’ambasciatore Warren Zimmerman persuase Izetbegovic a rinnegare la sua firma all’accordo di Lisbona sponsorizzato dall’UE nel 1992. Zimmerman, come ho notato in precedenza, diede fuoco alla miccia di una guerra brutale in cui si pensa che abbiano perso la vita circa 100.000 persone.
Al posto di un forte Stato jugoslavo, nei Balcani ora c’è una serie di piccoli Stati economicamente deboli . Tutto ciò piace agli Stati Uniti, con la loro strategia imperiale di Divide et Impera, d’accordo, ma è chiaramente contro i migliori interessi della gente della regione.
L’unico modo per risolvere i problemi dei Balcani è tornare indietro nel tempo. La graduale ricostruzione di una Federazione multietnica jugoslava – con diritti pieni e garantiti per tutti i suoi cittadini – e un patto di amicizia raggiunto con l’Albania, che forse potrebbe essere proposta come membro “associato”, è la soluzione logica alle attuali divisioni. La Jugoslavia aveva senso nel 20° secolo e oggi ha altrettanto senso. Solo non aspettiamoci che il CFR, con tutti i suoi interessi sui “punti di fiamma” nei Balcani, lo raccomandi.
Neil Clark

Fonte – traduzione di C. Palmacci

6 thoughts on “Volete stabilità nei Balcani? Allora ridateci la Jugoslavia

  1. Pingback: Sono stati i russi – Ambiente futuro

  2. Pingback: Volete stabilità nei Balcani? Allora ridateci la Jugoslavia – SURIYA HABIBATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.